Tita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo pseudonimo con cui si firmava l'illustratore de La Lanterna di Diogene, vedi Angiolo Tricca.
Tita
Tita pescara.jpg
Dati biografici
Nome Milton Queiroz da Paixão
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 174 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1998 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1977-1982 Flamengo Flamengo 60 (10)
1983 Gremio Grêmio 18 (12)
1983-1985 Flamengo Flamengo 41 (19)
1985-1986 Internacional Internacional 17 (7)
1987 Vasco da Gama Vasco da Gama 0 (0)
1987-1988 Bayer Leverkusen Bayer Leverkusen 21 (10)
1988-1989 Pescara Pescara 25 (9)
1989-1990 Vasco da Gama Vasco da Gama 7 (2)
1990-1994 Leon León 115 (54)
1994-1995 Puebla Puebla 21 (8)
1995-1996 Leon León 42 (27)
1997-1998 Comunicaciones Comunicaciones 11 (6)
Nazionale
1979-1990 Brasile Brasile 32 (6)
Carriera da allenatore
2000 Vasco da Gama Vasco da Gama
2000 Americano Americano
2001 Urawa Reds Urawa Reds
2002 El Paso Patriots
2002 America-RJ America-RJ
2003 Bangu Bangu
2004 Caxias Caxias
2005 Remo Remo
2005 Campinense Campinense
2006 CFZ do Rio CFZ do Rio
2006 Resende Resende
2007 Tupi Tupi
2007 Macae Macaé
2008 Vasco da Gama Vasco da Gama
2011-2012 Leon León
2012 Necaxa Necaxa
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Argento Copa América 1983
Oro Brasile 1989
Flag of PASO.svg Giochi panamericani
Oro Indianapolis 1987
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Milton Queiroz da Paixão, noto come Tita (Rio de Janeiro, 1º aprile 1958), è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Protagonista di un'ottima prima parte di carriera in Brasile, dove vince due edizioni della Coppa Libertadores (1981 e 1983) con Flamengo e Gremio e una Coppa Intercontinentale nel 1981 col Flamengo, nel 1987 approda in Europa per vestire la maglia del Bayer Leverkusen, con cui in un solo anno di militanza si aggiudica la Coppa UEFA, realizzando la rete dell'1-0 che dà avvio alla rimonta dei tedeschi nella finale di ritorno contro l'Español.

A fine stagione si trasferisce al Pescara di Giovanni Galeone, reduce dalla prima salvezza in massima serie della sua storia. Nella stagione 1988-1989 con 9 reti (fra cui una tripletta alla Roma e una doppietta alla Lazio[1]) in 25 partite risulta il capocannoniere in campionato degli abruzzesi, senza riuscire tuttavia ad evitare la retrocessione in Serie B.

A fine stagione torna brevemente in Brasile per poi proseguire la carriera in Messico e chiudere l'attività agonistica in Guatemala.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la nazionale brasiliana ha vinto la Copa América 1989, disputata in casa, ed è stato convocato per i mondiali 1990 in Italia, dove però non è mai sceso in campo.[2]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Flamengo: 1978, 1979, 1979 Special, 1981
Vasco da Gama: 1987
Flamengo: 1980, 1982, 1983
Vasco da Gama: 1989
Internacional: 1985
León: 1991-1992
Comunicaciones: 1997-1998

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Flamengo: 1981
Grêmio: 1983
Flamengo: 1981
Bayer Leverkusen: 1987-1988

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1987
1989

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1984
1985

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Serie A 1988-1989 Rsssf.com
  2. ^ World Cup 1990 Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (PT) Tita su Futpedia.globo.com, Globo Comunicação e Participações SA. (archiviato dall'url originale il 2008-2011).
  • (ENRU) Statistiche su mamvs.narod.ru
  • (ES) Tita su MedioTiempo.com, Grupo Expansión.