Tiridate III di Armenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Monarca}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Box successione}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
San Tiridate
Battesimo di Tiridate III di Armenia per mano di san Gregorio Illuminatore
Battesimo di Tiridate III di Armenia per mano di san Gregorio Illuminatore
Nascita 255 circa
Morte 324
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 29 novembre

Tiridate III (armeno: Տրդատ Գ., Trdat III; latino: Tiridates; 255 circa – 324) è stato re di Armenia (286-330). È noto per aver proclamato il Cristianesimo religione di stato dell'Armenia nel 301, facendo del proprio paese il primo stato cristiano della storia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Cosroe I di Armenia, venne portato presso i Romani quando il padre venne assassinato da un emissario del re sasanide Sapore I e Artavaside VI venne messo sul trono d'Armenia. Dopo essere stato educato ai costumi romani per trenta anni, venne posto sul trono del padre dall'imperatore romano Diocleziano all'inizio del suo regno. I Sasanidi rinnovarono la propria pressione per mettere sul trono armeno un sovrano loro favorevole, e alla fine Tiridate venne rovesciato da re Narsete e costretto a tornare una seconda volta alla corte degli imperatori romani, ma Galerio sconfisse Narsete e, con la pace del 298, ottenne il ritorno di Tiridate sul trono armeno.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sua morte la Chiesa Armena lo venerò subito come santo, mentre il Martyrologium Romanum al momento non ne riporta la memoria. Secondo invece l’autorevole Bibliotheca Sanctorum è festeggiato al 29 novembre.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Smith, William, Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, volume 3, p. 1151

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 69735053 LCCN: n89105676