Tiqqun 'Olam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Tiqqun 'olam (in ebraico: תיקון עולם[?]) è una frase in lingua ebraica che significa "riparare" o "perfezionare il mondo". Nell'ebraismo il concetto di tiqqun 'olam ha avuto origine nel periodo rabbinico iniziale, per ottenere nuovi significati nel medioevo nell'ambito della cabala e ulteriori connotazioni nell'ebraismo moderno.

L'espressione "tiqqun 'olam" è usata nella Mishnah nella frase mip'nei tiqqun ha-olam ("per il bene del tiqqun del mondo"), ad indicare che una pratica deve essere seguita non perché inclusa nella legge biblica ma perché aiuta ad evitare il caos sociale.[1] Un esempio è contenuto in Gittin 4,2:

« Precedentemente una persona convocava una Corte in un altro luogo e la cancellava. Rabban Gamliel l'anziano dispose nell'interesse pubblico [mip'nei tiqqun ha-olam] che non dovessero fare così. Precedentemente un uomo cambiava il proprio nome, e il nome della propria città, e Rabban Gamliel l'anziano dispose nell'interesse pubblico che dovesse scrivere «L'uomo tal-de-tali e tutti i nomi che ha», «la donna tal-de-tali ed ogni nome che ha». »
(Gittin, 4,2[2])

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sacks, Jonathan. "Tikkun Olam: Orthodoxy’s Responsibility to Perfect G-d’s World", Orthodox Union West Coast Convention, dicembre 1997.
  2. ^ Traduzione inglese.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]