Timo Tolkki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Timo Tolkki
Timo Tolkki nel 2007
Timo Tolkki nel 2007
Nazionalità Finlandia Finlandia
Genere Power metal
Progressive metal
Neoclassical metal
Periodo di attività 1984 – in attività
Strumento Chitarra elettrica
Basso elettrico
Tastiere
Etichetta Nuclear Blast
Sanctuary Records
Gruppo attuale Solista
Revolution Renaissance
Gruppi precedenti Antidote
Thunder
Road Block
Stratovarius
Album pubblicati Solista: 3
Stratovarius: 17 + 1 DVD
Revolution Renaissance: 3
Symfonia: 1
Studio Solista: 3
Stratovarius: 11
Revolution Renaissance: 1
Symfonia: 1
Live Stratovarius: 1
Raccolte Stratovarius: 5
Sito web

Timo Tapio Tolkki (Nurmijärvi, 3 marzo 1966) è un chitarrista e produttore discografico finlandese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Timo entra nel gruppo Stratovarius nel 1985. Prima di unirsi agli Stratovarius aveva già suonato con gli Antidote, i Thunder e i Road Block. All'inizio della sua carriera con gli Stratovarius, Timo, oltre a essere il primo chitarrista era anche il cantante. Dopo il terzo disco, Dreamspace, il gruppo decise di cercare un cantante e nel 1994 si unì al gruppo Timo Kotipelto.

Nello stesso anno Tolkki rilascia il suo primo album da solista Classical Variations and Themes. Nel 2002 pubblica il suo secondo album solista, Hymn to Life.

Nel marzo 2004 Timo Tolkki viene assalito ed accoltellato mentre si trova in Spagna. Sopravvissuto all'attacco, rimane a lungo ricoverato in seguito ad una grossa depressione con forti pulsioni suicide.

Il 2 aprile 2008 scioglie ufficialmente gli Stratovarius[1] e annuncia la nascita del progetto Revolution Renaissance, con il quale incide il primo disco New Era. Alla realizzazione dell'album partecipano cantanti e musicisti di rilievo della scena power metal internazionale, quali Michael Kiske[2] (ex Helloween) e Tobias Sammet (Edguy, Avantasia).

Nello stesso anno gli Stratovarius si riuniscono senza Timo. Nel 2009 con i Revolution Renaissance pubblica Age of Aquarius e nel 2010 l'album Trinity, nel luglio 2010 Tolkki decide di sciogliere la band. Nel novembre 2010 fonda i Symfonia superband power metal di cui fanno parte André Matos, Uli Kusch, Jari Kainulainen e Mikko Härkin, insieme a loro registra e pubblica nell'aprile 2011 l'album In Paradisum, ma nel dicembre dello stesso anno Tolkki ha annunciato la sospensione della band, e successivamente il suo ritiro dal mondo della musica. Contrariamente rispetto a quanto dichiarato, però, il 12 aprile del 2012 ha reso disponibile per il download gratuito una nuova traccia strumentale, intitolata "Dinner with Paganini".

Successivamente, nel febbraio 2013, ha annunciato il suo nuovo progetto, commissionatogli dalla Frontiers Records, per la realizzazione di una Metal Opera. Tale progetto ha preso il nome di Timo Tolkki's Avalon, sotto il cui nome il 17 maggio 2013 è uscito l'album The Land Of New Hope, con la partecipazione di artisti quali Michael Kiske (Unisonic, Place Vendome, ex-Helloween), Sharon den Adel (Within Temptation), Elize Ryd (Amaranthe), Russell Allen (Symphony X), Rob Rock (Impellitteri), Tony Kakko (Sonata Arctica), Jens Johansson (Stratovarius), Derek Sherinian (ex-Dream Theater), Alex Holzwarth (Rhapsody of Fire). Di questo album è previsto un seguito, in uscita nel 2014, del quale sono già stati annunciati, tramite il sito ufficiale del progetto, i nomi, tra i partecipanti al progetto, di Simone Simons degli Epica, di Floor Jansen dei Nightwish e di due suoi vecchi compagni negli Stratovarius, Antti Ikonen (tastiere) e Tuomo Lassila (batteria).

Stile[modifica | modifica sorgente]

Timo Tolkki è un chitarrista molto rapido e tecnico. Passa da riff possenti a elaborati assoli e intermezzi dal sapore classicheggiante. Il suo stile è ispirato a Ritchie Blackmore e allo svedese Yngwie Malmsteen. Spesso, nei brani degli Stratovarius, i suoi assoli sono intrecciati con quelli del tastierista Jens Johansson.

Produzioni[modifica | modifica sorgente]

Tolkki è famoso anche come produttore. Oltre alla maggior parte dei dischi degli Stratovarius ha prodotto tre dischi dei Revolution Renaissance, uno dei Symfonia e due dischi degli italiani Vision Divine. Durante la produzione di 9 Degrees West of the Moon, avvenuta in Italia nel 2009, ha realizzato anche due concerti insieme al chitarrista Pier Gonella.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Solista[modifica | modifica sorgente]

Stratovarius[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli Stratovarius.

Revolution Renaissance[modifica | modifica sorgente]

Symfonia[modifica | modifica sorgente]

Timo Tolkki's Avalon[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stratovarius su metal-archives.com
  2. ^ TIMO TOLKKI: Fonda i Revolution Renaissance - Metalitalia.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27349970