Timo Sarpaneva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Timo Sarpaneva (Helsinki, 31 ottobre 1926Helsinki, 6 ottobre 2006) è stato un designer e scultore finlandese, tra gli artisti più influenti e tra i principali esponenti dello stile scandinavo[1]. Sarpaneva ha lavorato principalmente con oggetti di vetro, ma anche con metallo, ceramica, tessuti e legno[2]..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Pentola di Sarpaneva per Iittala (1960)

Timo Tapani Sarpaneva nasce ad Helsinki il 31 ottobre 1926[2]. Studia presso l’Istituto di Arti Industriali (Taideteollinen Korkeakoulu) della città, e si laurea nel 1948[2].

Nel 1950 inizia a lavorare per Iittala come designer e capo della sezione esibizioni[2][3]. Per Iittala crea il vaso Orchid che, presentato alla Triennale di Milano del 1954, fu acclamato dalla rivista statunitense House Beautiful come "Oggetto più bello dell'anno"[1]. Nel 1956 ridisegna il logo dell'azienda, per il quale riceve un premio alla successiva Triennale[2], mentre la pentola con manico di legno presentata alla Triennale del 1960 gli vale la Medaglia d'argento[4]. Le sue opere vengono infine esposte al MoMA di New York[5].

Sarpaneva opera inoltre nel settore tessile. Tra il 1955 e il 1956 è art director della Pori Puuvilla di Pori, azienda produttrice di cotone[6][7]. Successivamente collabora con Tampella per la collezione Ambiente[7], e dal 1964 al 1972 è art director di Kinnasand[7].

Negli anni settanta collabora con Rosenthal per la linea in porcellana Suomi; Sarpaneva inizia a lavorarvi dal 1972, e nell'anno del lancio, il 1976, la collezione diviene un successo di critica e di vendita, tanto da essere esposta, nel 1992, al Centro Georges Pompidou di Parigi[8][9].

Sarapaneva muore il 6 ottobre 2006 ad Helsinki, all'età di 79 anni[3], lasciando la moglie Marjetta Svennevig e i quattro figli[2].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Candeliere Festivo di Sarpaneva per Iittala (1968)

Timo Sarpaneva ha ricevuto i seguenti riconoscimenti[3][6]:

  • Triennale di Milano
    • Medaglia d'argento per Kukko (1951)
    • Grand Prix per la raccolta in vetro (1954), per l'esibizione di architettura (1957) e per una collezione in vetro (1957)
  • Lunning Prize (1956)
  • Medaglia Pro Finlandia (1958)
  • AID award (1962)
  • titolo di Honorary Royal Designer for Industry della Royal Society of Arts (1963)
  • The Creative Finns exhibition all'Expo in Montreal (1967)
  • titolo di Honorary Doctor al Royal College of Art (1967)
  • titolo di Professore honoris causa, Academico de Honor Extranjero, Academia de Diseño, presso l'Università di Città del Messico (1985)
  • titolo di Honorary Doctor presso l'Università di arte e design di Helsinki (1993).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Winners with a clear Finnish, The Daily Telegraph
  2. ^ a b c d e f (EN) Douglas Martin, Timo Sarpaneva, 79, Glassmaker, Dies, The New York Times, 10/10/2006
  3. ^ a b c (EN) Timo Sarpaneva, Finland.fi
  4. ^ (EN) Kate Watson-Smith, The Secret History Of: The Sarpaneva Pot, The Independent, 07/01/2011
  5. ^ (EN) Timo Sarpaneva, MoMA
  6. ^ a b (EN) Timo Sarpaneva, Designophy.com
  7. ^ a b c Lesley Jackson,Twentieth-century Pattern Design: Textile and Wallpaper Pioneers, Princeton Architectural Press, 2002, pp. 137-138, 197
  8. ^ (EN) Suomi Porcelain, Designophy.com
  9. ^ (FR) collection en ligne du Centre Pompidou - Musée national d’art moderne, Centro Georges Pompidou

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59092734