Timariot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Timariot (o titolari dei tımar; tımarlı in Turco) è stato un altro nome dato alla cavalleria Timarli Sipahi al servizio del Sultano dell'Impero Ottomano e che in cambio ricevevano la concessione di un Feudo chiamato Timar. Il Timariot doveva unirsi all'esercito in tempo di guerra e doveva prendersi cura della terra a lui affidata in tempo di pace. Quando erano in guerra, i Timariot dovevano portare le proprie armi e inoltre un certo numero di armigeri a piedi (cebelu). Il cibo era fornito durante la campagna militare.

In questo modo, gli Ottomani potevano rapidamente radunare un grande esercito. Quando la guerra era finita i guerrieri ritornavano alle loro terre, e in tal modo il Sultano non doveva provvedere al loro sostegno quando gli stessi non ne avevano bisogno. Inoltre le terre del Sultano venivano coltivate con cura. I contadini locali erano soggetti ai Timariot. La legge e l'ordine venivano mantenuti, le tasse venivano raccolte e chi violava la legge veniva assicurato alla giustizia. Tuttavia il Timariot non poteva imporre sanzioni fino a quando non aveva ricevuto un verdetto da un giudice locale di conformità alla legge imperiale. [1] Un titolare di Timar non poteva possedere la terra; la proprietà terriera è mantenuta dallo stato ottomano. [2]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema dei Timar è stato organizzato durante il Regno di Orhan I (1326–1359). Il Sultano concesse ai Timariot feudi ufficiali con i contadini locali sottoposti al loro governo in una disposizione simile ai feudi nell'Europa feudale. Erano una parte importante dell'esercito ottomano, soprattutto per il loro facile supporto e mantennero tale status fino ai primi anni del XVII (diciassettesimo) secolo. I diritti e le terre dei titolari dei Timar rimasero in uso molto più a lungo.

Durante le campagne di guerra, i Timariot erano organizzati in reggimenti chiamati alay che erano comandati da un alay bey (o beg). Unità più grandi erano i reggimenti sanjak (o sancak) o Liwa (stendardo, bandiera), comandati dai Sanjak-bey. Al vertice vi erano i governatori delle provincie, i beylerbey. Una provincia nel XVI (sedicesimo) secolo poteva annoverare qualche migliaio di Timariot, secondo la dimensione della provincia.

Nel 1525 il numero totale dei titolari di Timar era 37mila818 uomini, secondo i ruoli del fisco. Il numero di armigeri è stato stimato a cinquantamila uomini. Naturalmente, questi grandi numeri erano sparsi in tutto l'Impero e non potevano eventualmente servire in una campagna militare nello stesso momento.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Halil Inalcik - An Economic and Social history of the Ottoman Empire 1300- 1914.Cambridge: Cambridge University Press, (1994) 114
  2. ^ Ibid

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gwinn, Robert P, Charles E. Swanson, and Philip W. Goetz. The New Encyclopaedia Britannica.vol. 8, 11, 10. London: Encyclopaedia Britannica, Inc., 1986
  • Goffman, Daniel. The Ottoman Empire and Early Modern Europe. Cambridge: Cambridge University, 2007
  • Inalcik, Halil. An Economic and Social history of the Ottoman Empire 1300-1914.Cambridge: Cambridge University Press, 1994
  • Inalcik, Halil. “Ottoman Methods of conquest.” Studia Islamica. 2 (1954): 103-129
  • Lewis, Bernard. “Ottoman Land Tenure and Taxation in Syria.” Studia Islamic. (1979), pp. 109–124
  • Murphey, Rhoads. “Ottoman Census Methods in the Mid-Sixteenth Century: Three Case Histories.” Studia Islamica. (1990), pp. 115–126
  • Ozel, Oktay. “Limits of the Almighty: Mehmed II’s ‘Land Reform’ Revised.” Journal of the Economic and Social History of the Orient. 42 (1999), pp. 226-246
  • Reindl-Kiel, Hedda. “A Woman Timar Holder in Ankara Province during the Second of the 16th Century.” Journal of the Economic and Social History of the Orient. 40 (1997), pp. 2007–238
  • Wiesner- Hanks, Merry E. Early Modern Europe 1450-1789. Cambridge: Cambridge University Press, 2006