Tim Kennedy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tim Kennedy
Tim Kenedy.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 84 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Lotta libera, Pugilato
Categoria Pesi medi
Squadra Stati Uniti Jackson's Submission Fighting
Carriera
Combatte da Stati Uniti Austin, Stati Uniti
Vittorie 18
per knockout 6
per sottomissione 8
Sconfitte 4
 

Timothy Fred Kennedy (San Luis Obispo, 1 settembre 1979) è un lottatore di arti marziali miste statunitense.

Combatte nella categoria dei pesi medi per la promozione UFC.

È stato un contendente al titolo dei pesi medi Strikeforce per ben due volte nel 2010 e nel 2012, venendo sconfitto rispettivamente dai campioni Ronaldo Souza e Luke Rockhold.

Kennedy è anche un militare e serve a tempo pieno l'esercito statunitense.

Per i siti specializzati Sherdog.com e MMAWeekly.com Kennedy è rispettivamente il settimo ed il sesto peso medio più forte del mondo[1][2]; per i ranking ufficiali dell'UFC è il contendente numero 6 nella divisione dei pesi medi.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Kennedy inizia la sua carriera come professionista delle arti marziali miste nel 2001 con la promozione International Fight League, nella quale sfida subito il futuro campione WEC Scott Smith, perdendo al primo round per una ferita che gli impedì di proseguire l'incontro.

Lo stesso anno combatte un ulteriore incontro in IFC vincendolo, e nel 2002 prende parte anche ad un evento della prestigiosa World Extreme Cagefighting, vincendo per KO al primo round.

Kennedy prosegue la sua striscia positiva vincendo un torneo a tre incontri tenuto dalla Extreme Challenge, dove in semifinale sconfigge ai punti Jason "Mayhem" Miller.

Tra il 2004 ed il 2006 Kennedy lascia temporaneamente le MMA professionistiche per entrare ufficialmente nel corpo dei berretti verdi, con il quale supportò la guerra d'Iraq e la guerra in Afghanistan. In quegli anni prese parte ad un torneo tra berretti verdi di combattimento corpo a corpo per i pesi mediomassimi, vincendolo per tre anni consecutivi.

Tornò a combattere nelle MMA nel settembre 2006 vincendo per KO contro Hector Urbina. Successivamente lotto un incontro nella categoria dei pesi mediomassimi contro Dante Rivera, imponendosi nella seconda ripresa. Sconfisse per sottomissione anche il veterano dell'IFL Ryan McGivern.

Nel dicembre 2007 Kennedy subisce la sua seconda sconfitta in carriera, in quanto perde il rematch contro Jason Miller ai punti.

Strikeforce[modifica | modifica sorgente]

Tim Kennedy in qualità di donatore del sangue

Con un record personale di 9-2 Kennedy fa il suo ingresso nella prestigiosa organizzazione Strikeforce nel 2009.

Esordisce contro l'ex campione della bodogFight Nick Thompson, vincendo per sottomissione nel secondo round. Lo stesso anno si impone anche su Zak Cummings, sempre per sottomissione.

Nel 2010 sfida il sudafricano Trevor Prangley, temibile ex campione Shark Fights, MFC e bodogFight: Kennedy riesce a sorpresa a sottomettere con uno strangolamento l'avversario nel primo round, vincendo l'incontro ed ottenendo la possibilità di lottare per la vacante cintura dei pesi medi contro Ronaldo Souza, fuoriclasse del jiu jitsu brasiliano.

Kennedy perde la sfida per il titolo contro Souza ai punti dopo cinque round di lotta.

Nel 2011 avrebbe dovuto completare la trilogia contro Jason Miller, ma quest'ultimo s'infortunò e venne sostituito dal forte kickboxer ed ex campione Cage Rage Melvin Manhoef: Kennedy vinse per sottomissione nel primo round.

Lo stesso anno vinse il suo 14-esimo incontro in carriera ai punti contro l'ex campione EliteXC ed ex contendente Strikeforce Robbie Lawler, ottenendo per la seconda volta la possibilità di sfidare il campione in carica, in questo caso Luke Rockhold.

Nella sfida per il titolo Kennedy paga un allungo più breve contro un ottimo kickboxer quale è Luke Rockhold, e nonostante alcuni buoni takedown il berretto verde subisce più colpi del rivale e perde meritatamente per quattro round a uno.

Chiude la sua esperienza in Strikeforce nel 2013 con la vittoria per sottomissione su Trevor Smith: quell'evento fu l'ultimo della promozione prima di venire integrata nella più prestigiosa UFC.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 l'UFC completò l'accorpamento della Strikeforce al suo interno di fatto dismettendo quest'ultima, e di conseguenza Kennedy venne aggiunto al già folto roster dei pesi medi.

Esordì il 6 luglio 2013 contro un altro ex Strikeforce e fuoriclasse di grappling Roger Gracie ottenendo un'importantissima vittoria ai punti.

Il berretto verde venne poi scelto come protagonista dell'evento UFC Fight Night: Fight for the Troops tenutosi a Fort Campbell, nel quale doveva affrontare l'ex campione dei pesi mediomassimi Lyoto Machida, ma quest'ultimo venne spostato ad un altro match e venne sostituito dal connazionale Rafael Natal: Kennedy s'impose per KO durante il primo round, ottenendo il riconoscimento Knockout of the Night e venendo inserito nei ranking ufficiali dell'UFC come il contendente numero 10 dei pesi medi.

Nel 2014 realizza un clamoroso upset sconfiggendo con merito il numero 6 dei ranking Michael Bisping in un evento ospitato in Canada.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Cuba Yoel Romero UFC 178: Jones vs. Cormier 27 settembre 2014 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 18-4 Regno Unito Michael Bisping Decisione (unanime) UFC Fight Night: Bisping vs. Kennedy 16 aprile 2014 5 5:00 Canada Québec, Canada
Vittoria 17-4 Brasile Rafael Natal KO (pugni) UFC: Fight for the Troops 3 6 novembre 2013 1 4:40 Stati Uniti Fort Campbell, Stati Uniti
Vittoria 16-4 Brasile Roger Gracie Decisione (unanime) UFC 162: Silva vs. Weidman 6 luglio 2013 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 15-4 Stati Uniti Trevor Smith Sottomissione (ghigliottina) Strikeforce: Marquardt vs. Saffiedine 12 gennaio 2013 3 1:36 Stati Uniti Oklahoma City, Stati Uniti
Sconfitta 14-4 Stati Uniti Luke Rockhold Decisione (unanime) Strikeforce: Rockhold vs. Kennedy 14 luglio 2012 5 5:00 Stati Uniti Portland, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Medi Strikeforce
Vittoria 14–3 Stati Uniti Robbie Lawler Decisione (unanime) Strikeforce: Fedor vs. Henderson 30 luglio 2011 3 5:00 Stati Uniti Hoffman Estates, Stati Uniti
Vittoria 13–3 Suriname Melvin Manhoef Sottomissione (rear naked choke) Strikeforce: Feijao vs. Henderson 5 marzo 2011 1 3:41 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti
Sconfitta 12–3 Brasile Ronaldo Souza Decisione (unanime) Strikeforce: Houston 21 agosto 2010 5 5:00 Stati Uniti Houston, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Medi Strikeforce
Vittoria 12–2 Sudafrica Trevor Prangley Sottomissione (rear naked choke) Strikeforce: Los Angeles 16 giugno 2010 1 3:35 Stati Uniti Los Angeles, Stati Uniti
Vittoria 11–2 Stati Uniti Zak Cummings Sottomissione (north-south choke) Strikeforce Challengers: Kennedy vs. Cummings 25 settembre 2009 2 2:43 Stati Uniti Bixby, Stati Uniti
Vittoria 10–2 Stati Uniti Nick Thompson Sottomissione (pugni) Strikeforce Challengers: Villasenor vs. Cyborg 19 giugno 2009 2 2:37 Stati Uniti Kent, Stati Uniti Debutto in Strikeforce
Vittoria 9–2 Stati Uniti Elias Rivera KO (pugni) IFL World Grand Prix Finals 29 dicembre 2007 1 2:00 Stati Uniti Uncasville, Stati Uniti
Sconfitta 8–2 Stati Uniti Jason Miller Decisione (unanime) HDNet Fights: Reckless Abandon 15 dicembre 2007 3 5:00 Stati Uniti Dallas, Stati Uniti
Vittoria 8–1 Stati Uniti Ryan McGivern Sottomissione (ghigliottina) IFL Chicago 19 giugno 2007 2 1:25 Stati Uniti Chicago, Stati Uniti
Vittoria 7–1 Stati Uniti Dante Rivera Sottomissione (pugni) IFL Atlanta 23 febbraio 2007 2 2:29 Stati Uniti Atlanta, Stati Uniti
Vittoria 6–1 Stati Uniti Hector Urbina KO (pugni) Fight Fest 7 23 settembre 2006 1 1:28 Stati Uniti Cleveland, Stati Uniti
Vittoria 5–1 Messico Cruz Chacon KO Tecnico (pugni) Extreme Challenge 50 23 febbraio 2003 2 1:21 Stati Uniti Salt Lake City, Stati Uniti Vince il torneo EC 50
Vittoria 4–1 Stati Uniti Jason Miller Decisione (unanime) Extreme Challenge 50 23 febbraio 2003 3 5:00 Stati Uniti Salt Lake City, Stati Uniti Torneo EC 50, Semifinale
Vittoria 3–1 Stati Uniti Ryan Narte KO Tecnico (pugni) Extreme Challenge 50 23 febbraio 2003 1 1:22 Stati Uniti Salt Lake City, Stati Uniti Torneo EC 50, Quarti di finale
Vittoria 2–1 Stati Uniti Mack Brewer KO Tecnico (pugni) WEC 5: Halloween Havoc 18 ottobre 2002 1 1:03 Stati Uniti Lemoore, Stati Uniti Debutto in WEC
Vittoria 1–1 Stati Uniti Jody Burke Sottomissione (strangolamento) IFC Warriors Challenge 16 9 novembre 2001 1 0:44 Stati Uniti Oroville, Stati Uniti
Sconfitta 0–1 Stati Uniti Scott Smith KO Tecnico (ferita) IFC Warriors Challenge 15 31 agosto 2001 1 2:53 Stati Uniti Oroville, Stati Uniti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sherdog’s Official Mixed Martial Arts Rankings.
  2. ^ MMAweekly.com Middleweight MMA Top 10 (185-pound limit).