Tigro e Winny Puh a tu per tu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tigro e Winny Puh a tu per tu
Tigro e Winny Puh a tu per tu.png
Titolo originale Winnie the Pooh and Tigger Too
Paese di produzione USA
Anno 1974
Durata 25 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.33:1
Genere animazione
Regia John Lounsbery
Soggetto A. A. Milne
Sceneggiatura Larry Clemmons, Ted Berman, Eric Cleworth
Produttore Wolfgang Reitherman
Casa di produzione Walt Disney Productions
Animatori Milt Kahl, Frank Thomas, Ollie Johnston, Eric Larson, Art Stevens, Don Bluth, Cliff Nordberg, Burny Mattinson, Dale Buer, John Pomeroy, Gary Goldman, Chuck Williams, Richard Sebust, Andy Gaskill, Jack Buckley
Musiche Buddy Baker
Tema musicale "Winnie the Pooh" dei fratelli Sherman
Scenografia Don Griffith, Joe Hale, Sylvia Roemer
Sfondi Ann Guenther, Bill Layne
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Tigro e Winny Puh a tu per tu (Winnie the Pooh and Tigger Too) è un film del 1974 diretto da John Lounsbery. Si tratta di un cortometraggio animato prodotto dalla Disney, uscito insieme a L'isola sul tetto del mondo. Fu nominato per l'Oscar al miglior cortometraggio d'animazione, ma perse a favore di Closed Mondays. È stato in seguito utilizzato come segmento del film del 1977 Le avventure di Winnie the Pooh. Il cortometraggio è basato sul quarto e sul settimo capitolo de La strada di Puh, il secondo libro di Winnie-the-Pooh di A. A. Milne.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'autunno, il tigrotto Tigro ha saltato addosso a chiunque incontrasse per puro divertimento, in particolare su Tappo mentre coltivava il suo orto, il che ha reso il coniglio furioso. Così Tappo organizza una riunione con Winnie the Pooh (Winny Puh nel doppiaggio italiano) e Pimpi, e tutti e tre decidono di portare Tigro ad esplorare il Bosco dei Cento Acri la mattina successiva. Mentre lo fanno, abbandonano Tigro nella speranza che si perda. I tre si nascondono in un tronco cavo mentre Tigro li cerca, e poi tentano di tornare a casa, ma finiscono sempre vicino allo stesso buco di sabbia.

Pooh suggerisce di cominciare a cercare quel buco di sabbia (poiché sono sempre ritornati in quel punto cercando una via d'uscita dalla foresta), ma Tappo gli dà torto, e si mette a cercare la via di casa da solo. Dopo che Tappo sparisce nella nebbia, Pooh e Pimpi lo aspettano a lungo ma lui non torna. Pooh poi si rende conto che lui e Pimpi possono trovare una via d'uscita dalla nebbia seguendo il "richiamo" della pancia di Pooh per i vasi di miele che ci sono a casa sua. Proprio quando i due finalmente raggiungono la fine della nebbia, si imbattono in Tigro. Pooh dice a Tigro che Tappo è ancora nel bosco, e Tigro va a cercarlo. Tappo si è perso e finisce in una parte buia, umida e nebbiosa della foresta, dove è spaventato da vari versi di animali, tra cui rane che gracidano e un bruco che sgranocchia rumorosamente una foglia. Le visioni e i suoni lo fanno impazzire, e cerca freneticamente di fuggire in preda al panico, solo per venire buttato a terra da Tigro. Tigro gli spiega che "i Tigri non si perdono mai", e trascina Tappo a casa.

Arriva l'inverno e Ro vuole andare a giocare. Kanga (Cangu nel doppiaggio italiano) ha da fare e non può stare con lui, così chiama Tigro perché badi a Ro finché non viene l'ora del suo sonnellino. Lungo il percorso attraverso il bosco, Tigro e Ro vedono Tappo che pattina sul ghiaccio. Tigro cerca di insegnare a Ro come pattinare sul ghiaccio facendolo lui stesso, ma perde l'equilibrio e si scontra con Tappo mentre cerca di riprenderlo. In pochi istanti Tigro scivola in un cumulo di neve e Tappo si schianta contro la sua casa. Così Tigro decide che non gli piace pattinare.

Più tardi, mentre salta per il bosco con Ro sulla schiena, Tigro va a finire sulla cima di un albero molto alto (per far divertire Ro) e ha troppa paura per osare scendere. La paura aumenta quando Ro usa la coda di Tigro come un'altalena, facendo (a detta di Tigro) "dondolare la foresta". Nel frattempo, Pooh e Pimpi stanno studiando tracce di quelli che sembrano animali strani, che in realtà sono Tigro e Ro. Improvvisamente, sentono Tigro urlare "ehilà!", e si nascondono in fretta. All'inizio Pooh scambia l'urlo di Tigro per il verso di un "Giagularo", ma dopo aver visto che sono solo Tigro e Ro sull'albero, lui e Pimpi vanno a soccorrerli. Poco dopo arrivano Christopher Robin, Tappo e Kanga, e la banda utilizza la giacca di Christopher come una rete per far atterrare Tigro e Ro una volta saltati giù dall'albero. Ro salta giù con successo, ma Tigro è ancora troppo spaventato per muoversi. Così Tappo decide che il gruppo dovrà solo lasciare Tigro sull'albero per sempre, e Tigro arriva a promettere che non salterà mai più se mai verrà liberato dalla sua situazione. In quel momento arriva in aiuto il narratore. Tigro lo prega di "narrarlo" giù dall'albero, ed egli inclina lateralmente il libro, permettendo a Tigro di passare sul testo della pagina. Tigro comincia a sentirsi meglio dato che ce l'ha fatta fino a quel punto ma, prima che possa fare qualcos'altro, il narratore inclina il libro dall'altra parte, facendo cadere Tigro nella neve.

Felice, Tigro ha voglia di saltare, ma Tappo lo ferma ricordandogli la promessa fatta. Devastato, Tigro si rende conto che non può più saltare e si allontana lentamente, e Tappo si sente meglio dato che ci sarà pace. Tutti gli altri sono tristi vedendo Tigro depresso, e ricordano a Tappo la gioia che Tigro trasmetteva saltando. Alla fine, anche Tappo si sente dispiaciuto per Tigro e annulla la promessa che avevano concordato; il coniglio viene poi amichevolmente buttato a terra da un Tigro eccessivamente felice. Tigro invita tutti a saltare con lui, e lo insegna a Tappo (dicendo che ha proprio i piedi adatti). Per la prima volta, Tappo è felice di saltare, così come tutti gli altri, e il cortometraggio si chiude mentre Tigro canta ancora una volta la sua canzone.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali del film sono state:

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in Italia direttamente in VHS nel 1986. Rispetto ai due corti precedenti, l'unico doppiatore a tornare nel proprio ruolo è Oreste Lionello, voce di Pooh (nonché Renato Cortesi per le parti cantate di Tigro, poiché in tali scene venne riutilizzato l'audio del corto precedente). Questa è l'ultima produzione di Winnie the Pooh in cui è presente almeno uno dei doppiatori del primo corto: dal 1989, anno di inizio della trasmissione in Italia della serie TV Le nuove avventure di Winnie the Pooh, l'intero cast vocale verrà cambiato e per Winnie the Pooh e Kanga verranno usati i nomi originali.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

La prima e unica edizione home video del cortometraggio uscì nel 1986 (sulla cover il titolo era Winny Puh a tu per tu). Nella VHS, dopo il film, erano inclusi anche i cortometraggi Pluto e l'armadillo, Lo scoiattolo goloso, Topolino giardiniere e Pluto pirata in cucina. Le foto sul retro della cover, stranamente, erano invece tratte da Paperino imbianchino e Caccia all'alce, non presenti nella VHS.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni dopo l'uscita del cortometraggio, nel 1977, uscì al cinema Le avventure di Winnie the Pooh, il 22° classico Disney, che riuniva i tre corti prodotti fino ad allora collegandoli con nuove sequenze. Dopo di esso vennero comunque prodotti due ultimi cortometraggi: Winnie the Pooh Discovers the Seasons, un video educativo proiettato nelle scuole nel 1981 e inedito in Italia, e Il compleanno di Ih-Oh, corto cinematografico del 1983.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ih-Oh, Uffa e De Castor non compaiono nel cortometraggio.
  • Questa è l'ultima volta che vediamo Pooh e Pimpi vivere insieme (dopo gli eventi di Troppo vento per Winny Puh). In seguito Pimpi e Uffa vivranno nelle stesse case di quel corto. La spiegazione può essere che Pimpi abbia trovato un altro albero di faggio per costruire una nuova casa e Uffa si sia costruito una casa in cima all'albero dove prima viveva Pimpi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]