Tight

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tight 1910

Il tight, o anche tait[1], è un abito spezzato maschile di notevole eleganza. Esso è l'abito maschile da cerimonia diurna di più alto livello.

È in particolare adatto per le cerimonie nuziali, purché celebrate prima delle ore 18. Per regola di galateo, si utilizza solo se la sposa indossa un abito bianco, con velo e strascico lungo; inoltre, se indossato dallo sposo, lo devono indossare anche i parenti maschi dello sposo e della sposa.

Si usa altresì in tutte le cerimonie diurne pubbliche e private che siano di massimo livello.

Il tight è inoltre obbligatorio in particolari occasioni mondane, come ad esempio per entrare al Royal Enclosure dell'Ippodromo di Ascot.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il tight discende dalla redingote e dalla finanziera, le quali a loro volta discendono dal giustacuore e si affermò con la fine del XIX secolo, anche per la sua capacità di prestarsi alla cavalcatura, grazie alle due code arrotondate. Nel XX secolo assurse a grande importanza per solennizzare eventi e cerimonie mattutine ed oggi è l'abito maschile da cerimonia diurna di più alto livello.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Giacca[modifica | modifica sorgente]

Di colore nero o, preferibilmente, grigio antracite che fascia ai fianchi, possiede un solo bottone, è corta davanti, ha le spalle sagomate e due code lunghe arrotondate che arrivano morbide fino al polpaccio, finendo in due falde larghe. Il tessuto di cui è fatta è la lana che può essere liscia oppure invisibilmente operata a spina di pesce. La giacca va normalmente lasciata sbottonata, sulla manica ci sono di norma quattro/tre bottoni. Irrinunciabili i due bottoni posteriori posti all'origine delle code.

Pantaloni[modifica | modifica sorgente]

In “cheviot” di lana grigia spinata e a righine (lievemente gessati) dal taglio dritto e rigorosamente senza il risvolto in fondo. La riga è classica, con un fondo grigio medio e la rigatura in due tonalità di grigio, scuro e chiaro. Non ci devono essere passanti per la cintura che non va mai indossata.

Bretelle[modifica | modifica sorgente]

In raso grigio perla con passanti da abbottonare alle tre coppie di bottoni all'interno dei pantaloni.

Panciotto[modifica | modifica sorgente]

In raso monopetto o doppiopetto oppure in panno leggero, generalmente a cinque bottoni il monopetto. Il colore è grigio chiaro oppure buff, cioè una via di mezzo tra il giallo ed il beige. Quest'ultimo è il più tradizionale, mentre il grigio perla è il più usato oggigiorno. Meno tradizionali ma più amati tra i giovani sono i gilet in seta colorata. Il nero resta in uso per i funerali anche se nei primi del Novecento lo si usava spesso anche ai matrimoni.

Camicia[modifica | modifica sorgente]

Bianca in cotone con gemelli ai polsini (doppi) che devono sporgere dalle maniche della giacca di almeno due centimetri. Il collo della camicia rigido inamidato e a punte ripiegate è, oramai, desueto: è certamente preferibile un colletto tradizionale.

Cravatta[modifica | modifica sorgente]

Ideale quella a "Plastron" fermata da una spilla o perla. Ammissibile anche l'"Ascot", sempre fermato da una spilla. Ammessa, ma più informale, una cravatta semplice di seta elegante annodata alla "Windsor” in modo piuttosto alto (3 centimetri), con l'accortezza che il bordo del colletto resti visibile.

Calze[modifica | modifica sorgente]

Sono di colore nero o grigio scuro in cotone o in filo di scozia purché rigorosamente lunghe.

Scarpe[modifica | modifica sorgente]

Oxford nere lisce, di vitello opache, non eccessivamente lucide e mai di modello "mocassino".

Orologio[modifica | modifica sorgente]

Ideale è quello da taschino, piatto e non eccessivamente voluminoso; alla catena è d'uopo apporre un pendente di gusto fine. Se da polso, da preferire lo stile vintage, rigorosamente solo con piccoli secondi ad ore 6. Oro giallo o platino, cinturino in coccodrillo.

Altri accessori[modifica | modifica sorgente]

Il classico fiore all'occhiello (da scegliere tra il garofano bianco, la gardenia, o la classica camelia); la pochette bianca o grigia; altrettanto indispensabili sono altresì i guanti grigi in pelle di cervo e il cilindro di colore più spesso grigio, ma anche nero, nonché un bel bastone da passeggio preferibilmente del tipo a pomolo prezioso.

Il Mezzo Tight[modifica | modifica sorgente]

Di livello intermedio tra l'abito completo da giorno e il tight è il mezzo tight, che, al contrario del tight, presenta una giacca ad un bottone, molto stondata e priva di code. È usato in cerimonie di livello medio-alto, ma non molto frequentemente poiché spesso gli si preferisce, a seconda dei casi, o il tight, o l'abito completo da giorno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tight-Treccani.it. URL consultato il 01-04-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda