Tiberio Claudio Cesare Britannico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Britannico da bambino

Tiberio Claudio Cesare Britannico (Roma, 4155) secondo figlio dell'imperatore romano Claudio e di sua moglie Valeria Messalina, inizialmente si chiamava Cesare; l'epiteto Britannico gli fu dato in seguito alla conquista della Britannia attuata da Claudio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come racconta Tacito negli Annales, Britannico fu fatto avvelenare dal fratellastro Nerone per poter assicurarsi il trono imperiale in quanto Britannico aveva denunciato l'illegittimità del potere di Nerone.

Altre fonti[Quali?] sostengono invece che venne stroncato, durante un banchetto, da un aneurisma provocato da una forte crisi epilettica; male di cui Britannico soffriva sin dalla tenera età e che ne aveva minato la salute e l'aspetto fisico.

L'adozione di Nerone da parte di Claudio, in apparente sfavore del figlio legittimo, fu forse determinata dal suo precario stato di salute.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 23621133