Tiaprofene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tiaprofene
(±)-Tiaprofenic acid Structural Formulae V.1.svg
Nome IUPAC
Acido (RS)-2-(5-benzoil-2-tienil) propanoico
Acido 5-Benzoil-α-metil-2-tiofeneacetico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C14H12O3S1
Massa molecolare (u) 260.309 g/mol
Numero CAS [33005-95-7]
Codice ATC M01AE11
PubChem 5468
Dati farmacologici
Teratogenicità Farmaco di fascia C
Modalità di
somministrazione
Orale ed intramuscolare
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità 90%
Metabolismo Epatico 10%
Emivita 1-2 ore
Escrezione Renale
Indicazioni di sicurezza

Il tiaprofene o acido tiaprofenico è un farmaco anti-infiammatorio non steroideo (FANS) derivato dell'acido propionico.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

Il farmaco è rapidamente metabolizzato dagli enzimi epatici in due principali metaboliti inattivi. Ciononostante, la maggior parte del farmaco viene escreto immodificato nelle urine. La rapidità e l'efficienza di tali sistemi di clearance comporta un'emivita plasmatica di circa 1-2 ore nel giovane e 2-4 ore nell'anziano. L'emivita viene drasticamente aumentata nei pazienti con insufficienza renale.

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi FANS.

Come tutti i FANS, l'acido tiaprofenico esplica il suo effetto farmacologico attraverso l'inibizione della ciclossigenasi (COX). Come gli altri derivati dell'acido propionico (ibuprofene), l'inibizione delle COX operata dal tioprofene è reversibile. L'acido tiaprofenico possiede inoltre la precipua capacità di inibire il riassorbimento tubulare di acido urico ed esplica perciò un effetto uricosurico.

Impiego clinico[modifica | modifica sorgente]

Il tiaprofene provoca rapido sollievo in corso di cefalea e artralgie. Può essere altresì utilizzato nella sindrome dismenorroica e nei dolori di origine muscolare. In virtù dell'effetto uricosurico può trovare impiego razionale nella terapia del dolore della gotta e degli episodi gottosi.

Effetti avversi[modifica | modifica sorgente]

Gli effetti collaterali sono simili a quelli degli altri FANS e comprendono tossicità gastrointestinale, nefrotossicità e raramente alcune gravi forme di cistite.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Crawford MLA, Waller PC, Wood SM. Severe cystitis associated with tiaprofenic acid. British Journal of Urology 1997; 79(4): 578-584.
  • Brunton, Lazo, Parker, Goodman & Gilman - Le basi farmacologiche della terapia 11/ed, McGraw Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3911-1.
  • Bertram G. Katzung, Farmacologia generale e clinica, Padova, Piccin, 2006, ISBN 88-299-1804-0.
  • British National Formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, Agenzia Italiana del Farmaco, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]