Thoracosaurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Thoracosaurus
Thoracosaurus1.JPG
Cranio di Thoracosaurus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
(clade) Archosauria
Superordine Crocodylomorpha
Ordine Crocodylia
Superfamiglia Gavialoidea
Genere Thoracosaurus

Il toracosauro (gen. Thoracosaurus) è un coccodrillo estinto simile all'attuale gaviale, vissuto tra il Cretaceo superiore e il Paleocene inferiore (67 - 63 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa e in Nordamerica.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lungo circa 5 metri, questo animale assomigliava molto all'attuale gaviale del Gange (Gavialis gangeticus): il cranio, infatti, era estremamente allungato e possedeva gauci strette e dotate di numerosissimi denti, anche se in generale era più corto rispetto a quello della forma odierna. Il corpo doveva essere analogo a quello dei coccodrilli, con una coda fortemente appiattita lateralmente e zampe corte.

Cranio di Thoracosaurus macrorhynchus rinvenuto a Maastricht

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Il toracosauro è strettamente imparentato con i gavialidi (Gavialidae), ma alcune caratteristiche primitive sembrerebbero porlo al di fuori di questa famiglia. Un genere assai simile, e forse ancestrale, è Eothoracosaurus. Di Thoracosaurus sono note varie specie, spesso note attraverso resti frammentari; le più note sono T. macrorhynchus e T. neocesariensis, quest'ultima nota grazie a numerosi resti fossili e vissuta nel Nordamerica orientale. Thoracosaurus sembrerebbe essere stato uno dei pochi generi di vertebrati a essere passato indenne attraverso l'evento di estinzione del Cretaceo - Terziario.

Stile di vita[modifica | modifica sorgente]

Thoracosaurus era un predatore acquatico specializzato nella caccia ai pesci; il lungo rostro permetteva all'animale di arpionare prede mentre nuotava in un habitat costituito da acquitrini di mangrovie.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Brochu, C. A. (2006) Osteology and phylogenetic significance of Eosuchus minor (Marsh, 1870) new combination, a longirostrine crocodylian from the Late Paleocene of North America. Journal of Paleontology 80(1):162-186.
  • Earle E. Spamer, Edward Daeschler, L. Gay Vostreys-Shapiro. 1995. A study of fossil vertebrate types in the Academy of Natural Sciences of Philadelphia: taxonomic, systematic, and historical perspectives Issue 16 of Special Publication Series, Academy of Natural Sciences (Philadelphia, Pa.). Academy of Natural Sciences.