Thomas Kretschmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Kretschmann con Brittany Rice al Festival di Berlino 2012.

Thomas Kretschmann (Dessau, 8 settembre 1962) è un attore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nella Germania Orientale prima della caduta del muro, diventando inizialmente nuotatore olimpico nella nazionale. A 19 anni scappa dalla Germania Orientale, e a 25 anni comincia a lavorare come attore. Il suo esordio è a teatro in una produzione del Macbeth diretta da Katharina Thalbach.

Si fa conoscere partecipando a diverse produzioni televisive prima in Germania (Derrick) poi negli Stati Uniti (Relic Hunter, 24). La televisione gli dà anche la possibilità di lavorare come regista; dirige, infatti, quattro stagioni del telefilm Buffy l'ammazzavampiri.

Ottiene nel 1993 un ruolo in Stalingrad, poi lascia la Germania alla volta della Francia dove vive per tre anni e gira un paio di film. Successivamente vive e lavora per due anni in Italia dove gira tra gli altri: I cavalieri che fecero l'impresa di Pupi Avati, e La sindrome di Stendhal di Dario Argento.

Tra il 2002 e il 2005 ha lavorato a Il pianista, di Roman Polanski, e in Immortal Ad Vitam di Enki Bilal.

Nel 2005 ha interpretato Papa Giovanni Paolo II, sia da giovane che dopo l'elezione a Pontefice, nel film Non abbiate paura - La vita di Giovanni Paolo II.

In America partecipa con piccoli ma incisivi ruoli in U-429 - Senza via di fuga e in Resident Evil: Apocalypse fino al ruolo di Captain Englehorn nel remake di King Kong di Peter Jackson. Nel 2002, interpreta il vampiro Damaskinos in Blade II di Guillermo del Toro. Nel 2014 appare nella scena dopo i titoli di coda di Captain America: The Winter Soldier nel ruolo del Barone von Strucker, ruolo che riprenderà nel film Avengers: Age of Ultron nel 2015.

Attualmente vive e lavora a Los Angeles con la sua compagna ed i suoi tre bambini.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66676121 LCCN: nr97028767