Thomas Howard, IV duca di Norfolk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Howard, IV duca di Norfolk
Ritratto di Thomas Howard, IV duca di Norfolk ad opera di Hans Eworth realizzato nel 1563
Ritratto di Thomas Howard, IV duca di Norfolk ad opera di Hans Eworth realizzato nel 1563
Duca di Norfolk
Stemma
In carica 1554 –
1572
Predecessore Thomas Howard, III duca di Norfolk
Successore Thomas Howard, V duca di Norfolk
Nascita 10 marzo 1536
Morte Tower Hill, Londra, 2 giugno 1572
Dinastia Howard
Padre Henry Howard, conte di Surrey
Madre Frances de Vere
Consorte Mary FitzAlan
Margaret Audley
Elizabeth Leyburne
Religione cattolicesimo

Thomas Howard, IV duca di Norfolk (10 marzo 1536Londra, 2 giugno 1572), fu un importante nobiluomo che cospirò contro Elisabetta I per sposare la di lei cugina Maria Stuarda.

Howard era il figlio del poeta Henry Howard, quand'era bambino fu istruito da John Foxe, il martirologista protestante, che rimase per tutta la vita il ricevente del patrocinio di Howard. Suo padre morì prematuramente prima di lui e così Thomas ricevette in eredità il ducato di Norfolk nel 1554 alla morte di suo nonno, il terzo duca di Norfolk.

Norfolk era imparentato con la regina Elisabetta d'Inghilterra attraverso la famiglia di sua madre e fu ritenuto degno di fiducia con una carica pubblica nonostante la storia della sua famiglia e, benché abbia sostenuto di essere protestante, supportò la causa cattolica.

Matrimoni e complotti[modifica | modifica sorgente]

I primi tre matrimoni[modifica | modifica sorgente]

La prima moglie di Thomas Howard fu Mary FitzAlan, la quale dopo la morte del fratello Henry nel 1556 divenne l'erede della tenuta di Arundel in quanto figlia di Henry FitzAlan, XIX conte di Arundel. Morì dopo un anno di matrimonio dando alla luce l'unico figlio:

Fu tramite questo matrimonio che Howard assunse il nome FitzAlan-Howard e prese residenza ad Arundel. Benché vi sia la sua effigie funebre, Mary FitzAlan non fu sepolta a Framlingham, ma nella chiesa di St. Clement Danes e in seguito, sotto la supervisione di suo nipote, ad Arundel.

Rimasto vedovo, Thomas sposò un'altra ereditiera Margaret, figlia di Thomas Audley, I barone Audley di Walden, ma anche lei morì giovane. Anche Margaret, come Mary FitzAlan, ha la sua effigie funebre nella chiesa di San Michele Arcangelo a Framlingham.[1]

Dal loro matrimonio nacquero quattro figli, due maschi e due femmine:

Dopo la morte di Margaret, Thomas si risposò con Elizabeth Leyburne, vedova di Thomas Dacre, IV barone Dacre di Gillesland. Norfolk realizzò dei notevoli accordi matrimoniali facendo sposare le tre figlie di Elizabeth ai suoi tre figli.

Il tentato matrimonio con Maria Stuarda e la condanna a morte[modifica | modifica sorgente]

Maria Stuarda durante la prigionia.

Quando Maria Stuarda, la regina di Scozia dalla leggendaria bellezza, prigioniera di Elisabetta I, fu trasferita nel maggio del 1569 a Chatswoth, il duca di Norfolk iniziò con lei una relazione platonica attraverso lo scambio di lettere d'amore. All'epoca dei fatti lei aveva circa ventisette anni, lui trentatré. In alcune lettere Maria scrisse a Norfolk queste righe: «Mio Norfolk, mi pregate di comandarvi, e ciò sarebbe in molti modi oltre il mio dovere, tuttavia io vi pregherò di una cosa, che non mi consigliate di prendere con pazienza i miei grandi dolori»[4] oppure, «Confido che nessuno dirà che io tenti mai di lasciarvi, né di fare alcunché che possa spiacervi, perché ho deciso di non offendervi mai, ma di rimanere vostra. Io penso che tutto debba esservi concesso per il vostro comportamento amichevole per me, affatto immeritato».[5] Maria gli inviò anche un cuscino da lei stessa ricamato con il motto Virescit vulnere virtus e lo stemma di Scozia; Norfolk ricambiò la cortesia facendole pervenire un bel diamante che ella in una lettera giurò di portare segretamente appeso al collo «finché io lo possa di nuovo dare al padrone suo e mio».[6] Maria d'altro canto, poteva sperare di essere liberata una volta maritata a Norfolk, il quale avrebbe raggiunto una posizione sociale più alta sposando una regina consacrata, nonché cugina in secondo grado di Elisabetta. I due erano convinti che il matrimonio sarebbe stato ben visto dalla regina d'Inghilterra ma, quando quest'ultima scoprì i loro piani, fece arrestare Norfolk che fu condotto nella Torre di Londra.

Nell'agosto del 1570 Norfolk fu liberato dalla Torre e di lì a poco avrebbe preso parte a una cospirazione assai più pericolosa della precedente. Un banchiere italiano, Roberto Ridolfi, fece da intermediario tra il duca di Norfolk e la regina Maria affinché i due si sposassero con l'aiuto delle potenze straniere; infatti, il suo piano prevedeva che il duca d'Alba invadesse l'Inghilterra dai Paesi Bassi causando una sommossa dei cattolici inglesi, quindi, una volta catturata Elisabetta, Maria sarebbe salita sul trono insieme al suo nuovo consorte. Ma né Filippo di Spagna, né il duca d'Alba avevano intenzione di aiutarlo, inoltre non era assicurata la sollevazione inglese. Elisabetta, messa in allerta dal granduca di Toscana, che era facilmente venuto a conoscenza dei piani di Ridolfi, scoprì il complotto e fece arrestare i congiurati. Norfolk, arrestato il 7 settembre 1571, fu processato nel gennaio del 1572 e giustiziato il 2 giugno dello stesso anno. È sepolto nella Cappella Reale di St Peter ad Vincula, alla Torre di Londra.

Le terre e i titoli di Norfolk furono confiscati, anche se gran parte del patrimonio fu restituito ai suoi figli. Il titolo di duca di Norfolk fu restaurato quattro generazioni dopo e fu assegnato a Thomas Howard, V duca di Norfolk.

Al cinema[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonia Fraser, Maria Stuart - La tragedia di una regina, Milano, Mondadori, 1996. ISBN 88-04-41332-8

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Church of St. Michael the Archangel.
  2. ^ http://www.geni.com/people/Elizabeth-Howard/6000000008630850694
  3. ^ http://www.geni.com/people/Margaret-Howard/6000000000151561135
  4. ^ Fraser, Maria Stuart - La tragedia di una regina, p. 459
  5. ^ Ibidem
  6. ^ Fraser, p. 460

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte Maresciallo Successore
Thomas Howard, III duca di Norfolk 1554 - 1572 Il Conte di Shrewsbury
Predecessore Lord Luogotenente di Norfolk Successore
Thomas Radclyffe, III conte di Sussex 1559 - 1572 Sconosciuto
Predecessore Duca di Norfolk Successore
Thomas Howard, III duca di Norfolk 1554 - 1572 Thomas Howard, V duca di Norfolk
(Restaurato nel 1660)
Predecessore Conte del Surrey Successore
Thomas Howard, III duca di Norfolk 1554 - 1572 Thomas Howard, XXI conte di Arundel
Predecessore Barone Mowbray Successore
Thomas Howard, III duca di Norfolk 1554 - 1572 Philip Howard, XX conte di Arundel

Controllo di autorità VIAF: 70364534