Thomas Howard, III duca di Norfolk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Howard, III duca di Norfolk
Thomas howard.jpg
Duca di Norfolk
Stemma
In carica 1524/1553 –
1547/1554
Predecessore Thomas Howard, II duca di Norfolk
Successore Thomas Howard, IV duca di Norfolk
Nascita 10 marzo 1473
Morte 25 agosto 1554
Sepoltura St Michael the Archangel, Framlingham, Suffolk
Dinastia Howard
Padre Thomas Howard, II duca di Norfolk
Madre Elizabeth Tilney
Consorte Anna di York
Elizabeth Stafford
Religione cattolicesimo

Thomas Howard, III duca di Norfolk (10 marzo 147325 agosto 1554), è stato un politico inglese della famiglia Tudor.

Howard era lo zio di due delle mogli di Enrico VIII, Anna Bolena e Caterina Howard, e giocò un ruolo considerevole nelle macchinazioni dietro questi rapporti. Dopo la sua caduta venne imprigionato nella Torre di Londra con la conseguente perdita del Ducato, venne rilasciato con l'ascesa al trono di Maria I. Contribuì alla protezione del trono di Maria, preparando il terreno per la divisione tra la sua famiglia Cattolica e la linea reale Protestante, linea Protestante che sarà poi portata avanti da Elisabetta I.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovinezza[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Thomas Howard, II duca di Norfolk, e di Elizabeth Tilney. Thomas Howard successe al suo giovane fratello Edward come Lord Grand'Ammiraglio. Fino al 1524 egli fu Conte del Surrey.

Matrimoni[modifica | modifica sorgente]

Norfolk si sposò la prima volta con Anna di York, figlia di Edoardo IV d'Inghilterra e Elisabetta Woodville, il 4 febbraio 1494 al Palace of Placentia a Greenwich. La coppia ebbe due figli:

  • Thomas Howard (1496-1508);
  • un bambino nato morto nel 1499.

Sempre da questo matrimonio, ci sono solo delle ipotesi riguardo ad eventuali altri due figli, Henry Howard e William Howard.

In seguito alla morte di Anna avvenuta nel 1511, egli sposò Elizabeth Stafford, figlia di Edward Stafford, III duca di Buckingham e Alianore Percy, l'8 gennaio 1512. I due ebbero tre figli:

Non fu un matrimonio felice quello con Elizabeth; infatti quando scoprì la relazione fra Howard e la sua amante Bess Holland, i due si separarono.

Scalata al potere[modifica | modifica sorgente]

Alla morte del padre, avvenuta nel 1524, egli ereditò il ducato di Norfolk e venne nominato Lord Gran Tesoriere e Conte Maresciallo, facendo di Howard uno dei principali nobili all'interno del regno. Si distinse per molti anni nelle battaglie e fu un abile soldato. Il suo potere crebbe, piuttosto, dopo che sua nipote Anna Bolena divenne l'amante di Enrico VIII, intorno al 1527. Comunque questa loro relazione fu piena di difficoltà, dal momento che Anna scoprì che suo zio era egoista e inaffidabile. Sebbene Howard fosse politicalmente alleato con suo cognato nonché padre di Anna, Tommaso Bolena, durante il secondo decennio del XVI secolo, Norfolk reclamò per le parole usate da Anna contro di lui. Anna venne incoronata regina nel 1533 e Howard acquistò maggiore influenza sulla regina, grazie al matrimonio fra la figlia di Howard, Mary e Henry Fitzroy.

Le opinioni politiche e religiose della Regina Anna erano molto più radicali rispetto a quelle di Norfolk, e il loro rapporto si deteriorò durante il 1535 e il 1536 quando Enrico VIII si dimostroò infedele corteggiando la cugina di Anna, Mary Shelton. Difendendo la propria lealtà verso la famiglia, Norfolk al processo della Regina Anna nel 1536, infliggendole la sentenza di morte, malgrado la sua probabile innocenza. Il giorno successivo condannò a morte il fratello di Anna, Giorgio, incriminandolo per l'incesto con la propria sorella.

Dopo la morte di Jane Seymour e il divorzio da Anna di Clèves, Howard sfruttò un'altra sua nipote, l'adolescente Caterina Howard, per rinforzare il suo potere a corte, organizzando una relazione fra sua nipote Caterina e il Re. Il susseguente matrimonio fra Enrico VIII e Caterina fu per Howard, un'opportunità per disfarsi a lungo del suo nemico Thomas Cromwell, che venne decapitato nel 1540. Il regno di Caterina fu comunque di breve durata, dal momento che Thomas Cranmer Arcivescovo di Canterbury scoprì che lei era già promessa prima del matrimonio con Enrico VIII e fu oltremodo indiscreta. Caterina venne decapitata nel febbraio 1542, e altri Howard, come la matrigna di Norfolk, il fratello, due cognate e numerosi servi, furono imprigionati nella Torre.

Reclusione e rilascio[modifica | modifica sorgente]

L'esecuzione di sua nipote Caterina, segnò la rovina per Howard, malgrado gli sforzi disperati di sanare la frattura. Nel dicembre 1546, Howard fu arrestato insieme a suo figlio Henry, accusato di tradimento. Il Re Enrico VIII morì il giorno prima che l'esecuzione avesse luogo e la sentenza di Norfolk fu commutata in reclusione. Il Conte di Surrey fu meno fortunato infatti venne giustiziato pochi giorni prima. Norfolk rimase nelle Torre lungo il regno di Edoardo VI d'Inghilterra e perse il suo ducato. Howard venne rilasciato da Maria I nel 1553 e grazie al fatto che gli Howard erano un'importante famiglia cattolica, il ducato venne ristabilito. Il Duca manifestò la sua gratitudine, capeggiando le unità militari inviate per reprimere la ribellione di Thomas Wyatt che aveva protestato contro l'imminente matrimonio fra la Regina e il Principe spagnolo Filippo II e aveva pianificato di mettere la figlia di Anna Bolena, la futura Elisabetta I, sul trono al posto di Maria I. La conseguenza della soppressione ad opera di Norfolk contro la rivolta di Wyatt, fu la reclusione della Principessa Elisabetta nella Torre (sebbene non ci fossero prove sufficiente per condannarla di tradimento, dal momento che i suoi propositi non erano vicini ai ribelli) e l'esecuzione di sua cugina Lady Jane Grey. Norfolk morì non molto dopo la rivolta di Wyatt e suo nipote Thomas successe a lui. Il IV Duca di Norfolk, nonché cattolico, fu giustiziato per aver pianificato di sposare Maria I di Scozia.

La tomba di Thomas Howard si trova nella Chiesa di Framlingham, nel Suffolk, ed è tra i meglio conservati esempi di raffinata muratura in pietra in Europa.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera

Filmografia su Thomas Howard, III duca di Norfolk[modifica | modifica sorgente]


Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Thomas Howard' Padre:
Thomas Howard, II duca di Norfolk
Nonno paterno:
John Howard, I duca di Norfolk
Bisnonno paterno:
Sir Robert Howard
Trisnonno paterno:
Sir John Howard
Trisnonna paterna:
Alice Tendring
Bisnonna paterna:
Lady Margaret de Mowbray
Trisnonno paterno:
Thomas de Mowbray, I duca di Norfolk
Trisnonna paterna:
Elizabeth FitzAlan
Nonna paterna:
Katherine de Moleyns
Bisnonno paterno:
William de Moleyns
Trisnonno paterno:
William de Moleyns
Trisnonna paterna:
Margery
Bisnonna paterna:
Anne Whalesborough
Trisnonno paterno:
Sir John Whalesborough
Trisnonna paterna:
Joan Raleigh
Madre:
Elizabeth Tilney
Nonno materno:
Sir Frederick Tilney
Bisnonno materno:
Sir Philip Tilney
Trisnonno materno:
Sir Frederick Tilney
Trisnonna materna:
Margaret Rochford
Bisnonna materna:
Isabel Thorpe
Trisnonno materno:
Sir Edmund Thorpe
Trisnonna materna:
Joan Northwood
Nonna materna:
Elizabeth Cheney
Bisnonno materno:
Sir Lawrence Cheney
Trisnonno materno:
Sir William Cheney
Trisnonna materna:
Catherine Pabenham
Bisnonna materna:
Elizabeth Cockayne
Trisnonno materno:
John Cockayne
Trisnonna materna:
Ida de Grey


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Successione[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Lord Grand'Ammiraglio Successore Flag of the Lord High Admiral of the United Kingdom.svg
Sir Edward Howard 1513 - 1525 Henry FitzRoy, I duca di Richmond
Predecessore Lord Gran Tesoriere Successore
Thomas Howard, II duca di Norfolk 1524 - 1546 Edward Seymour, I duca di Somerset
Predecessore Conte Maresciallo Successore
Thomas Howard, II duca di Norfolk 1524 - 1547 Edward Seymour, I duca di Somerset
Predecessore Conte Maresciallo Successore
John Dudley, I duca di Northumberland 1553 - 1554 Thomas Howard, IV duca di Norfolk

Controllo di autorità VIAF: 47571393