Thomas Campion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Thomas Campion (Londra, 12 febbraio 1567Londra, 1º marzo 1620) è stato un compositore, poeta e medico inglese.

Thomas Campion

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Campion nacque a Londra e studiò a Cambridge, anche se abbandonò l'istituto prima di terminare il corso di studio.[1] Il suo secondo indirizzo universitario fu la giurisprudenza, a partire dal 1586, ma ottenne la laurea in un'altra disciplina ancora, presso la facoltà di medicina all'Università di Caen.

Campion si mise in evidenza dapprima come poeta nel 1591 con cinque suoi lavori apparsi in una edizione intitolata Astrophel and Stella di Sir Philip Sidney.

La sua raccolta intitolata Songs of Mourning: Bewailing the Untimely Death of Prince Henry (1613), fu riadattata in musica da John Cooper. Scrisse numerosi poemi ed anche un saggio sulla poesia intitolato Observations in the Art of English Poesie (1602), nel quale criticò la pratica della rima in poesia e partecipò quindi alla polemica diffusa ai suoi tempi sulla necessità di adeguare i principi riguardanti le norme metriche inglesi a quelli greci e latini.

La sua presa di posizione sul modello poetico da seguire indusse Samuel Daniel ad una strenua difesa della rima, apparsa nel suo Defence of Rhyme

Mostrando una scarsa coerenza con le sue teorie, Campion compose liriche regolarmente rimate, ottenendo peraltro pregevoli livelli di eleganza e musicalità.

Campion compose oltre un centinaio di canzoni per liuto incluse nei quattro volumi Books of Airs ("Libri di melodie"), pubblicati per la prima volta nel 1601 e ultimati nel 1617.

Fu anche autore di alcuni masques, inclusi Lord Hay's Masque interpretata nel 1607, Somerset Masque e The Lord's Masque ultimati nel 1613.

Nel 1615 pubblicò un libro di teoria musicale intitolato A New Way of Making Fowre Parts in Counterpoint By a Most Familiar and Infallible Rule ("Nuovo modo di comporre quattro parti nel contrappunto").

Rimase in qualche modo coinvolto nel celebre venificio di Sir Thomas Overbury, eseguito da sicari della contessa di Essex.[2]

Campion morì a Londra a causa di una grave malattia infettiva.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David Lindley, ‘Campion, Thomas (1567-1620)’, Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, Sept 2004; online edn, May 2006, accessed 31 May 2009. He is not listed in Venn, Alumni Cantabrigienses.
  2. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1964, Vol.III, pag.26

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Christopher R. Wilson. "Thomas Campion", Grove Dictionary of Music and Musicians|Grove Music Online, ed. L. Macy

grovemusic.com (subscription access).

  • François-Joseph Fétis, 'Campion' in: Biographie universelle des musiciens et bibliographie générale de la musique, 2nd edizione, vol. 3, Parigi, 1866.
  • Lance Husoy, "Thomas Campion and the Web of Patronage", File pdf su Campion

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 41886212 LCCN: n50081095