Third Eye Blind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Third Eye Blind
Fotografia di Third Eye Blind
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock
Post-grunge
Pop rock
Periodo di attività 1993in attività
Etichetta Elektra Records
Album pubblicati 6
Studio 4
Raccolte 2
Sito web

I Third Eye Blind sono un gruppo alternative rock che si è formato nei primi anni novanta a San Francisco.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I Third Eye Blind hanno registrato il primo demo nel 1993. Nel 1996 la band fu scelta per fare da spalla in apertura ad un concerto degli Oasis, e si narra che prima di salire sul palco fossero stati avvertiti riguardo al possibile lancio di cibo, lattine da parte della folla, se non li avessero apprezzati. L'esibizione invece si rivelò un successo, con addirittura una richiesta di bis dopo che gli Oasis avevano già suonato, portando Liam Gallagher alle lacrime e accendendo quella rivalità fra le due band che continuerà anche negli anni a seguire. Per l'esibizione prolungata furono pagati il doppio. Dopodiché la band si trovò in mezzo ad una guerra di etichette, che si risolse nella scelta dell'Elektra. Il comportamento franco di Stephan Jenkins dopo aver firmato il contratto gli ha fatto guadagnare la nomina di "bocca più grande della musica" da parte di molti critici. Jenkins si è espresso liberamente su molti artisti, uno fra tutti Rob Thomas dei Matchbox Twenty.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

La band oggi è formata da Stephan Jenkins (cantante, autore dei testi, chitarrista), Brad Hargreaves (batteria), Kryz Reid (chitarra) e Abraham Millett (basso).

La formazione originale venne cambiata poco dopo l'uscita del loro secondo album, Blue, nel 2000, quando il chitarrista Kevin Cadogan abbandonò, per essere sostituito da Tony Fredianelli, che già aveva suonato con il gruppo agli inizi. Nel 2010 lo stesso Fredianelli è stato sostituito da Kryz Reid[1]. Dal 2007, il bassista Arion Salazar non ha più suonato col gruppo, venendo sostituito ai concerti da Leo Kremer, senza che egli entrasse ufficialmente nella band. Nel 2010 il ruolo è stato affidato a Abraham Millett.

Durante la realizzazione del primo album con loro c'era anche il futuro batterista degli Smash Mouth, Michael Urbano.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

In Studio[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il nome del gruppo viene frainteso come un eufemismo della parola "pene". Stephan Jenkins ha specificato in una intervista in radio che il nome del gruppo deriva da un'idea metafisica di un terzo occhio della mente, un argomento di un libro che ha letto. Agli altri membri è piaciuto e così è stato scelto.
  • I Third Eye Blind hanno suonato a Las Vegas all'ArenaBowl 20 per un miniconcerto. Lo hanno fatto senza il loro bassista, che era assente per motivi personali.
  • La canzone Slow Motion dall'album Blue era stata pubblicata solo in versione con i cori. Ben presto, però, l'Elektra Records rilanciò Blue in versione strumentale. Tuttavia, la versione completa della canzone si è diffusa via internet e la gente ha incominciato a chiederla ai concerti. Nell'estate 2006, la Rhino Records ha pubblicato A Collection, raccolta che include la versione completa di quella canzone. Il gruppo si riferisce alla famosa band dei Duran Duran che si formò nei primi anni '70.

Nel cinema[modifica | modifica sorgente]

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • 1997 - "Semi-Charmed Life" ha vinto il "Billboard Music Award" per migliore pezzo rock dell'anno.
  • 1998 - 2 nomination degli "American Music Awards" per miglior nuovo artista (Pop/Rock) e migliore artista (Alternative).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cox, Jason. "Semi-Charmed, not Cursed: An Interview with Third Eye Blind". Washington City Paper. April 9, 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock