Thibaut Courtois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thibaut Courtois
Thibaut Courtois - 01.jpg
Courtois nel 2013 all'Atlético Madrid
Dati biografici
Nome Thibaut Nicolas Marc Courtois
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 199[1] cm
Peso 91[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Chelsea Chelsea
Carriera
Giovanili
1997-1999
1999-2009
non conosciuta Bilzen V.V.
Genk Genk
Squadre di club1
2009-2011 Genk Genk 31 (-29)[2]
2011 Chelsea Chelsea 0 (0)
2011-2014 Atletico Madrid Atlético Madrid 111 (-94)
2014- Chelsea Chelsea 0 (0)
Nazionale
2009-2010
2011-
Belgio Belgio U-18
Belgio Belgio
4 (-?)
22 (-12)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 luglio 2014

Thibaut Nicolas Marc Courtois (Bree, 11 maggio 1992) è un calciatore belga, portiere del Chelsea e della Nazionale belga.

Nel 2012 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.[3] È stato eletto dall'IFFHS quarto miglior portiere del mondo nel 2013, all'età di soli 21 anni.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Inizia la sua carriera professionistica nel Genk il 17 aprile 2009, nella partita Genk-Gand, terminata 2-2. Debutta nelle coppe europee il 29 luglio 2010, nella partita di Europa League Inter Turku-Genk, conclusasi sul risultato di 1-5.[4]

Il 26 luglio 2011 viene acquistato dal Chelsea, con cui firma un contratto quinquennale, per poi essere ceduto in prestito all'Atlético Madrid fino al termine della stagione.[5] Courtois eredita la maglia numero 13 indossata da David de Gea, che nel frattempo si è trasferito al Manchester United.

Courtois debutta con l'Atlético nel match di Europa League contro il Vitória Guimarães,[6] mentre il suo esordio nella Primera División avviene il 28 agosto 2011 contro l'Osasuna, terminato 0-0. Le buone prestazioni, con quattro partite senza subire reti nei primi sei incontri di campionato, gli garantiscono un posto da titolare ai danni del più esperto Sergio Asenjo.[7] Il 26 novembre 2011 subisce la prima espulsione in carriera durante il derby contro il Real Madrid, a causa di un fallo da ultimo uomo su Karim Benzema.[8]

Il 15 gennaio 2012 Courtois discute con l'allora allenatore del Chelsea André Villas-Boas circa la possibilità di restare in prestito a Madrid per un'altra stagione.[9] Tuttavia, in febbraio, afferma: «Credo che prima di giocare per il Chelsea dovrei trascorrere una o due stagioni con un altro club inglese», aggiungendo che gli piacerebbe poter succedere al grande Petr Čech, estremo difensore dei Blues.[10] Il 9 maggio 2012, a Bucarest, Courtois vince insieme ai compagni l'Europa League, battendo per 3-0 in finale l'Athletic Bilbao.[11]

Per la stagione 2012-2013 il prestito viene rinnovato. Il 31 agosto gioca da titolare l'incontro della Supercoppa UEFA 2012, vinto per 4-1 proprio con il Chelsea. Il prestito viene poi rinnovato anche per l'annata seguente: stavolta viene inserita una clausola di 3 milioni di euro che gli spagnoli devono pagare agli inglesi nel caso in cui le due squadre dovessero nuovamente incontrarsi, e il giocatore dovesse essere messo ancora una volta contro la formazione che ne detiene il cartellino;[12] tale iniziativa ha origine proprio a seguito della finale di Supercoppa europea persa dai londinesi contro i madrileni.[13] Quest'accordo viene tuttavia giudicato nullo dall'UEFA nell'aprile del 2014, quando Courtois e l'Atlético Madrid si ritrovano nuovamente contrapposti ai Blues per la semifinale di Champions League, poiché ritenuto lesivo dell'integrità e dei regolamenti della competizione sportiva.[14] Nell'Atlético Courtois è protagonista di un record: ha subito solo 26 reti in 49 partite[15].

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Riceve la sua prima convocazione con la Nazionale belga il 3 giugno 2011, in occasione della partita contro la Turchia, senza però entrare in campo.

Nell'ottobre del 2011, Courtois viene nuovamente convocato per le gare di qualificazione a Euro 2012 contro il Kazakistan[16] e la Germania, ma in entrambe le occasioni rimane seduto in panchina.[17]

Il 15 novembre 2011, debutta da titolare in un'amichevole contro la Francia (0-0), diventando così il più giovane calciatore belga di sempre ad essere sceso in campo con la maglia della nazionale.[18][19][20]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 24 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Belgio Genk D1 1 -2 CB 0 -0 - - - - - - 1 -2
2009-2010 D1 0 -0 CB 0 -0 UEL 0 -0 SB 0 -0 0 -0
2010-2011 D1 30+10[21] -27 + -12[21] CB 1 -2 UEL 3[22] -6[22] - - - 44 -47
Totale Genk 31+10 -29 + -12 1 -2 3 -6 0 -0 45 -49
2011-2012 Spagna Atlético Madrid PD 37 -41 CR 0 -0 UEL 15[23] -9[24] - - - 52 -50
2012-2013 PD 37 -29 CR 8 -5 UEL 0 -0 SU 1 -1 46 -35
2013-2014 PD 37 -24 CR 5 -5 UCL 12 -10 SS 2 -1 56 -40
Totale Atlético Madrid 111 -94 13 -10 27 -19 3 -2 154 -125
2014-2015 Inghilterra Chelsea PL 0 -0 FACup+CdL 0 -0 UCL 0 -0 - - - 0 -0
Totale carriera 142+10 -123 + -12 14 -12 30 -25 3 -2 199 -174

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Genk: 2008-2009
Genk: 2010-2011
Atletico Madrid: 2012-2013
Atlético Madrid: 2013-2014

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Atletico Madrid: 2011-2012
Atletico Madrid: 2012

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Primer equipo, clubatleticodemadrid.com.
  2. ^ 41 (-41) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 101 prospetti per il futuro. Ecco la lista di Don Balon, Tuttomercatoweb.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 13 novembre 2012.
  4. ^ Turku 1 - 5 Genk, uefa.com, 29 luglio 2010.
  5. ^ (EN) COURTOIS COMPLETED, chelseafc.com, 26 luglio 2011.
  6. ^ Match: Guimaraes v Atlético Madrid - Europa League, ESPN. URL consultato il 28 agosto 2011.
  7. ^ Thibaut Courtois Bio, Stats, News - Football / Soccer - - ESPN Soccernet, Soccernet.espn.go.com, 11 maggio 1992. URL consultato il 27 aprile 2012.
  8. ^ Atletico Madrid's Gregorio Manzano: Thibaut Courtois' red card in Real Madrid clash was wrong, Luis Mira. URL consultato il 27 novembre 2011.
  9. ^ Courtois seeks Atletico stay, Sky Sports. URL consultato il 18 gennaio 2012.
  10. ^ Courtois wants England Loan, Sky Sports. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  11. ^ Report: Atlético Madrid v Athletic Bilbao - UEFA Europa League - ESPN Soccernet
  12. ^ Valeria Clari, Champions, una clausola blocca Courtois contro il Chelsea in Gazzetta.it, 10 aprile 2014.
  13. ^ (EN) David Hytner, Thibaut Courtois faces heartache if Atlético Madrid drawn against Chelsea in Theguardian.com, 10 aprile 2014.
  14. ^ «L'integrità delle competizioni sportive è un principio fondamentale. I regolamenti della Champions League e i regolamenti disciplinari UEFA contengono articoli chiari che proibiscono rigorosamente ai club di esercitare (o tentare di esercitare) un'influenza di qualsiasi tipo sui giocatori da schierare (o non schierare) in una partita. Pertanto, qualsiasi clausola dei contratti privati tra i club che potrebbe esercitare un'influenza del suddetto tipo, deve essere considerata nulla e non applicabile ai fini UEFA. Inoltre, qualsiasi tentativo di applicare le suddette clausole costituisce una chiara violazione dei regolamenti della UEFA Champions League e dei regolamenti disciplinari e deve essere sanzionata di conseguenza», cfr. Champions, Uefa: clausola nulla, Courtois può giocare contro il Chelsea in Repubblica.it, 11 aprile 2014.
  15. ^ (ES) Un cerrojo llamado Courtois, Club Atlético de Madrid. URL consultato il 19 aprile 2014.
  16. ^ Match Stats: Belgium v Kazakhstan, ESPN. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  17. ^ Match Stats: Belgium v Germany, ESPN. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  18. ^ Courtois makes Debut, The Guardian. URL consultato il 15 novembre 2011.
  19. ^ Belgium Draws, Taiwan News. URL consultato il 16 novembre 2011.
  20. ^ Chelsea FC Loan Roundup: 11/20/11, Stephen Schmidt. URL consultato il 20 novembre 2011.
  21. ^ a b Play-off.
  22. ^ a b Nei preliminari.
  23. ^ 1 presenza nei play-off.
  24. ^ 0 reti subite nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]