Theta Centauri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Menkent
Una fotografia di Menkent.Una fotografia di Menkent.
Classificazione Gigante giallo-arancione
Classe spettrale K0 IIIb
Distanza dal Sole 58,8 anni luce
Costellazione Centauro
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 14h 06m 40,94s
Declinazione -36° 22′ 11,8″
Dati fisici
Raggio medio 11 R
Massa
Temperatura
superficiale
4780 K (media)
Luminosità
Metallicità 120% del Sole[1]
Dati osservativi
Magnitudine app. +2,06
Magnitudine ass. +0,78[1]
Parallasse 53.52 ± 0,79 mas
Moto proprio AR: -520.53 mas/anno
Dec: -518.06 mas/anno
Velocità radiale 1,3 km/s
Nomenclature alternative
Theta Trianguli Australis, θ Cen, HD 123139, HIP 68933, SAO 205188.

Menkent (θ Cen / θ Centauri / Theta Centauri) è la terza stella più luminosa della costellazione del Centauro, pur essendole stata assegnata la lettera θ nella nomenclatura di Bayer. Il nome Menken deriva dal suo nome arabo mankib, che significa spalla: infatti essa è posta nella parte superiore della costellazione, in corrispondenza della spalla del Centauro. Questa posizione le permette di essere visibile in Italia, a differenza delle due stelle più luminose della costellazione: Alfa Centauri e Hadar. Menkent splende alla magnitudine apparente di 2,06, il che ne fa la cinquantunesima stella più luminosa della volta celeste.

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Mappa della costellazione del Centauro.

La sua posizione moderatamente australe fa sì che questa stella sia osservabile preferibilmente dall'emisfero sud della Terra, in cui si mostra alta nel cielo nella fascia temperata e diventa circumpolare più a sud della latitudine 54º S, mentre dall'emisfero boreale essa è visibile da tutte le zone più a sud della latitudine 54º N. La sua magnitudine pari a 2,18 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni affette da inquinamento luminoso.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

La distanza di Menkent dalla Terra è stata calcolata essere 59 anni luce[1]. Dalla distanza e dalla magnitudine apparente si può calcolare la luminosità intrinseca, che è circa 60 volte quella solare. Data tale luminosità, avendo inoltre questa stella una temperatura superficiale media di 4780 K (appartenendo, di conseguenza, alla classe spettrale K0), essa ha probabilmente un raggio pari a 11 volte quello solare[2]. Menkent è una stella gigante che ha ormai raggiunto uno stato avanzato della sua evoluzione: essa sta fondendo l'elio presente nel suo nucleo in carbonio e ossigeno. La teoria dell'evoluzione stellare ci dice che probabilmente la sua massa è circa il quadruplo di quella solare.

Una stella a elevato moto proprio[modifica | modifica sorgente]

Una caratteristica peculiare di Menkent è quella di avere un elevato moto proprio, calcolato in circa 65 km/s, circa il doppio della media. Questo suggerisce che Menkent non faccia parte del disco galattico, ma che provenga da regioni più esterne e che sia solo di passaggio nel disco.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Extended Hipparcos Compilation (XHIP) (Anderson+, 2012)
  2. ^ Fundamental parameters of stars (Allende Prieto+, 1999)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni