These Are the Days of Our Lives

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Innuendo.

These Are The Days Of Our Lives
Queen - TheseAreTheDaysOfOurLives.jpg
Freddie Mercury, visibilmente dimagrito, in uno screenshot della memorabile scena conclusiva del videoclip del brano, in cui si congeda dai fan con le parole «I still love you» («Vi amo ancora»)
Artista Queen
Tipo album Singolo
Pubblicazione 9 dicembre 1991
Durata 4 min: 15 s
Album di provenienza Innuendo
Dischi 1
Genere Pop rock
Soft rock
Etichetta Parlophone (Regno Unito)
Hollywood Records (USA)
Produttore Queen
Registrazione marzo 1989 - novembre 1990
Queen - cronologia
Singolo precedente
(1991)
Singolo successivo
(1995)

These Are the Days of Our Lives è una canzone della rock band britannica Queen. Principalmente composta dal batterista Roger Taylor, è l'ottava traccia dell'album Innuendo del 1991. Armonicamente e strutturalmente, è una delle più semplici canzoni del catalogo del gruppo. Conga e percussioni furono registrati da David Richards (anche se nel videoclip del brano vengono suonati da Roger Taylor). La canzone è stata premiata come miglior singolo britannico ai BRIT Awards 1992.

Fu il primo singolo pubblicato dal gruppo dopo la morte del frontman Freddie Mercury, avvenuta il 24 novembre 1991. These Are the Days of Our Lives venne messa in commercio in formato doppio lato A insieme alla famosissima Bohemian Rhapsody, il 9 dicembre 1991. Raggiunse la prima posizione in classifica nel Regno Unito, risultando il singolo più venduto nel Natale di quell'anno.

These Are the Days of Our Lives si rifà analogamente al tema di Love of My Life, canzone dei Queen del 1975, utilizzando due volte il verso "I still love you". In quest'ultima, in molti hanno notato una sorta di promemoria proprio alla traccia di Innuendo, dal momento che Freddie dice: «...someday I'll be there to remind you that I still love you, I still love you» («...un giorno ci sarò per ricordarti che ti amo ancora, ti amo ancora»)[1].
Fu l'ultima canzone registrata normalmente dai Queen (le ultime tre furono registrate solo dopo la morte di Freddie, che registrò solo la parte vocale nelle sessioni successive a quelle di Innuendo, e verranno infatti inserite in Made in Heaven).

Tracce del singolo[modifica | modifica sorgente]

edizione originale CD 1991 e riedizione 2010 (The Singles Collection Volume 4)
  1. Bohemian Rhapsody (Album Version) - 5:58 (Mercury)
  2. These Are the Days of Our lives (Album Version) - 4:15 (Queen)
edizione originale 1991, 7"
  1. Bohemian Rhapsody (Album Version) - 5:58 (Mercury)
  2. These Are the Days of Our lives (Vinyl Edit) - 4:00 (Queen)

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • These Are the Days of Our lives (Album Version) - 4:15 - inclusa nell'edizione in CD dell'album Innuendo
  • These Are the Days of Our lives (Vinyl Edit) - 4:00 - inclusa nell'edizione in LP dell'album Innuendo

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Quello di These Are the Days of Our Lives, fu l'ultimo videoclip realizzato con Freddie Mercury ancora vivo, che ai tempi si trovava nella fase finale della sua battaglia con la grave malattia dell'AIDS. Le riprese si svolsero il 30 maggio 1991, circa sei mesi prima della morte di Mercury; non fu mai pubblicato prima del decesso del cantante perché, dal momento che Mercury non voleva far intuire lo stato della sua malattia ai mass media, questo clip metteva troppo in risalto le sue precarie condizioni fisiche.

Nel videoclip, per un'ultima volta assieme, compaiono tutti i quattro membri dei Queen in ricordo dei bei tempi passati. Il video fu girato in bianco e nero, allo scopo di nascondere i segni lasciati a Freddie dall'AIDS. Nel 2007, in occasione della data del 61º anniversario dalla nascita del cantante, inizieranno a circolare alcuni making of del video a colori, mettendo ancora più in mostra la fragile condizione fisica che Mercury portava ai tempi (giustificando, così, la scelta di fare il clip in bianco e nero, in rispetto al frontman). Roger Taylor ha commentato di come Freddie avesse fortemente voluto una documentazione visiva di quanto fosse malato, nonostante gli altri membri del gruppo fossero contrari a quest'idea. Proprio per il cantante stesso, fu senza dubbio questo il video più doloroso da registrare della sua intera carriera, dal momento che per lui anche camminare era diventato un calvario e, infatti, nel clip rimane quasi immobile[2]. Alla fine del videoclip, Mercury scompare dopo un primo piano commovente, con il senno di poi, congedandosi dai fan con le parole «I still love you» («Vi amo ancora»).

Negli Stati Uniti fu lanciata una versione alternativa del video agli inizi del 1992, allo scopo di promuovere l'uscita della raccolta Classic Queen. Tale versione alternava alcuni filmati di animazione, realizzati dai Walt Disney Studios, alle immagini del clip originale (era la seconda volta che i Queen facevano uso di filmati animati in un loro video; il precedente era stato con Save Me nel 1980). La collaborazione con gli studi della Disney fu possibile dal momento che l'allora etichetta americana dei Queen, la Hollywood Records, era una filiale della Walt Disney Company.

Tributi[modifica | modifica sorgente]

These Are the Days of Our Lives fu suonata dal vivo per la prima volta nell'aprile del 1992, durante il Freddie Mercury Tribute Concert, con alla voce George Michael e Lisa Stansfield. Tale versione fu successivamente inserita nell'EP Five Live del 1993, venendo accreditata a "George Michael con i Queen & Lisa Stansfield".

La canzone fu eseguita anche diverse volte dai Queen + Paul Rodgers nel periodo 2005/2006, venendo cantata per l'occasione da Roger Taylor. Sul palco, le note del brano venivano accompagnate da un video mostrante la band nei suoi primi giorni in Giappone.

Altro uso della canzone fu fatto il 1º luglio 2007, in occasione dei dieci anni dalla morte di Lady Diana, al nuovo Wembley Stadium di Londra. Più specificamente, il pezzo fece da colonna sonora a un video in cui erano montate alcune foto di Diana da piccola.

Posizioni in classifica[modifica | modifica sorgente]

Nazione Posizione massima
Irlanda 1
Polonia 1
Portogallo 1
Regno Unito 1
Olanda 2
Stati Uniti 2
Australia 5
Austria 8
Francia 15
Germania 16

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ episodio 1/1, Queen's Greatest Videos, Channel 4, 1999, 50 min. (Roger Taylor)
  2. ^ (EN) Queenpedia-These Are The Days Of Our Lives (Promotional Video). URL consultato il 06-12-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]