Theriosuchus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Theriosuchus
Stato di conservazione: Fossile
Theriosuchus.jpg
Illustrazione di un fossile di Theriosuchus pusillus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsidae
Superordine Crocodylomorpha
Ordine Crocodylia
Famiglia Atoposauridae
Genere Theriosuchus

Il teriosuco (gen. Theriosuchus) è un rettile estinto affine ai coccodrilli. Visse tra il Giurassico superiore e il Cretaceo superiore (circa 160 - 70 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in varie zone dell'Europa (Inghilterra, Portogallo, Spagna, Romania) e in Thailandia. Con quasi 100 milioni di anni dalla sua apparizione sulla Terra alla sua scomparsa, questo genere è uno dei vertebrati più longevi e conservativi finora noti.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le caratteristiche di Theriosuchus (il cui nome deriva dal greco e significa "coccodrillo - bestia") risiedono principalmente nelle piccole dimensioni: raramente superava i 50 centimetri di lunghezza. Il cranio era abbastanza corto, dotato di orbite piuttosto grandi e di piccoli denti aguzzi. Le zampe erano relativamente allungate e il corpo era snello.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Theriosuchus appartiene agli atoposauridi, un gruppo di coccodrilli estinti piuttosto vicini all'origine delle forme attuali. Venne descritto per la prima volta nel 1879 da Richard Owen, che descrisse la specie T. pusillus proveniente dall'inizio del Giurassico superiore dell'Inghilterra. Successivamente a questo genere vennero attribuiti altre specie: T. ibericus dal Cretaceo inferiore della Spagna (Brinkmann, 1992), T. guimarotae del Giurassico superiore portoghese (Schwarz & Salisbury, 2005), l'asiatica T. grandinaris del Cretaceo inferiore della Thailandia (Lauprasert et al., 2011) e T. sympiestodon della Romania (Martin et al., 2010).

Cranio di Theriosuchus pusillus

Quest'ultima specie doveva essere una sorta di fossile vivente della sua epoca: i resti, infatti, provengono dal Maastrichtiano (circa 70 milioni di anni fa) e vi è un lasso temporale di circa 58 milioni di anni nei quali non è noto alcun fossile di Theriosuchus. T. sympiestodon è stato ritrovato nel bacino di Hateg, un'area che nel Cretaceo superiore era parte di un arcipelago nell'oceano Tetide, abitato anche da dinosauri nani (Telmatosaurus, Zalmoxes, Magyarosaurus). Resti attribuiti a una specie indeterminata di Theriosuchus sono stati ritrovati anche in Francia in terreni del Maastrichtiano (Martin et al., 2014).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Owen, R. (1879). "Monograph on the fossil Reptilia of the Wealden and Purbeck Formations. Supplement IX, Crocodilia (Goniopholis, Brachydectes, Nannosuchus, Theriosuchus, and Nuthetes)". Palaeontographical Society of London Monograph 33: 1–19.
  • Brinkmann, W. (1992). "Die Krokodilier-Fauna aus der Unter-Kreide (Ober-Barremium) von Uña (Provinz Cuenca, Spanien)". Berliner Geowissenschaftliche Abhandlungen (E) 5: 1–123.
  • Schwarz, Daniela and Salisbury, Steven W. (2005). "A new species of Theriosuchus (Atoposauridae, Crocodylomorpha) from the Late Jurassic (Kimmeridgian) of Guimarota, Portugal". Geobios 38 (6): 779–802. ISSN 0016-6995.
  • Jeremy Martin, Márton Rabi and Zoltán Csiki (2010). "Survival of Theriosuchus (Mesoeucrocodylia: Atoposauridae) in a Late Cretaceous archipelago: a new species from the Maastrichtian of Romania". Naturwissenschaften 97 (9): 845–854. doi:10.1007/s00114-010-0702-y. PMID 20711558. http://www.springerlink.com/content/p324042k5514m68q/.
  • Komsorn Lauprasert, Chalida Laojumpon, Wanitchaphat Saenphala, Gilles Cuny, Kumthorn Thirakhupt, Varavudh Suteethorn (2011). "Atoposaurid crocodyliforms from the Khorat Group of Thailand: first record of Theriosuchus from Southeast Asia". Paläontologische Zeitschrift 85 (1): 37–47. doi:10.1007/s12542-010-0071-z. http://www.springerlink.com/content/b28737j414063982/.
  • Jeremy E. Martin, Márton Rabi, Zoltán Csiki-Sava, and Stefan Vasile (2014) Cranial morphology of Theriosuchus sympiestodon (Mesoeucrocodylia, Atoposauridae) and the widespread occurrence of Theriosuchus in the Late Cretaceous of Europe. Journal of Paleontology 88(3): 444-456