Theremin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Theremin
Etherwave Theremin Kit.jpg
Un moderno theremin transistorizzato, l'etherwave-Theremin assemblato da un kit di Robert Moog: l'antenna a sinistra controlla il volume mentre l'antenna in posizione verticale controlla il pitch (la frequenza).
Informazioni generali
Origine Russia
Invenzione 1919
Inventore Lev Sergeevič Termen
Classificazione 53
Elettrofoni a oscillatori
Utilizzo
Musica contemporanea
Ascolto
Un frammento melodico di corale bachiano (BWV 147) eseguito sul theremin, nell'intervallo delle frequenze acustiche medie. (info file)

Il theremin (grafia inglese, pronuncia [ˈθɛrəmɪn]) o thérémine (grafia francese, pronuncia [teʀeˈmin]), inizialmente denominato eterofono, è uno strumento musicale elettronico, il più antico conosciuto che non preveda il contatto fisico dell'esecutore con lo strumento. Venne inventato nel 1919 dal fisico sovietico Lev Sergeevič Termen, noto in Occidente come Léon Theremin o Theremine e si basa su oscillatori che, lavorando in isofrequenza al di fuori dello spettro udibile, producono, per alterazioni delle loro caratteristiche a seguito della presenza delle mani del musicista nel campo d'onda, dei suoni sul principio fisico del battimento, questa volta nel campo delle frequenze udibili.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questo strumento è composto fondamentalmente da due antenne poste sopra e a lato di un contenitore nel quale è alloggiata tutta l'elettronica. Il controllo avviene allontanando e avvicinando le mani alle antenne: mediante quella superiore (posizionata verticalmente) si controlla l'altezza del suono, quella laterale (posta orizzontalmente) permette di regolarne l'intensità. Il timbro può variare tra quello di un violino e quello vocale. Lo strumento è considerato molto difficile da suonare proprio perché lo si suona senza toccarlo, quindi senza riferimenti visibili di posizione relativa delle due mani.

Uso[modifica | modifica sorgente]

Il theremin è stato utilizzato anche in numerose colonne sonore di film, tra cui La moglie di Frankenstein di James Whale, Io ti salverò di Alfred Hitchcock e Ultimatum alla Terra di Robert Wise ed è indimenticabile in Qualcuno volò sul nido del cuculo, nella commovente scena finale. Altri esempi noti sono la sigla iniziale dei cartoni animati di Scooby Doo e il tema della serie televisiva L'ispettore Barnaby. in molti live Jimmy Page lo utilizza per il particolare intermezzo del brano "Whole lotta love", mentre tra i compositori classici c'è Charles Ives che ne ha fatto uso nella sua quarta sinfonia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Lev Sergeevič Termen e la sua invenzione, in una foto di un concerto del 1924

L'idea dello strumento venne in mente a Theremin mentre compiva alcuni esperimenti per l'esercito con amplificatori a valvole: si accorse che a volte si produceva un fischio che cambiava frequenza variando la distanza delle mani dalle valvole. Sviluppò l'idea fino a giungere alla costruzione di un vero e proprio strumento musicale battezzato eterofono.

Lo stesso Theremin era un musicista (violoncellista) e approfittò dei circoli musicali che frequentava per far conoscere la sua invenzione che riscosse un notevole interesse. Qualche tempo dopo fu contattato da Lenin che gli propose di diffondere lo strumento in Europa.

Venne organizzato un tour nelle maggiori capitali europee: Berlino, Londra e Parigi. Proprio a Parigi la curiosità fu tale da causare disordini fra le migliaia di persone che non erano riuscite ad avere un posto in teatro.

Nel 1928 Theremin sbarcò a New York dove lo strumento venne presentato a un ristretto gruppo di musicisti e magnati dell'industria (vi erano anche Arturo Toscanini e Henry Ford). In seguito fu fondata un'azienda per lo sviluppo e la costruzione dell'eterofono che per l'occasione fu ribattezzato theremin.

In seguito furono concessi i diritti di costruzione commerciale alla RCA ma, a causa della crisi economica di quegli anni, il prezzo di vendita dello strumento era talmente alto da impedirne la diffusione.

La più grande virtuosa dello strumento fu Clara Rockmore, una violinista russa che, non potendo proseguire per motivi di salute la sua attività, si dedicò al nuovo strumento.

In passato il theremin è stato usato da diversi musicisti rock; oggi sta riscoprendo un utilizzo anche nel pop radiofonico. È stato utilizzato spesso, in studio e nei concerti dal vivo, Jimmy Page dei Led Zeppelin lo utilizzò in "Whole lotta love" e in tutte le esecuzioni dal vivo di questo pezzo per oltre 20 anni, inoltre dalla Blues Explosion di Jon Spencer e dalle band italiane Afterhours nell'intro della canzone Bye Bye Bombay; e Perturbazione nel brano "Il Palombaro", esecuzione di Domenico Graglia. Anche i Baustelle nella canzone Love Affair utilizzano un theremin nella parte strumentale del pezzo. I The Gathering nel loro disco How to measure a planet ne fanno uso nei brani Rescue Me e Illuminating. I Beach Boys impiegarono estensivamente il theremin nella produzione dell'album Pet Sounds, nel singolo Good Vibrations e nell'album Wild Honey. I Coheed and Cambria hanno utilizzato questo strumento nell'esecuzione live Neverender. Il theremin era suonato nelle apparizioni live dal frontman della band Mike Love.

I theremin attuali sono costruiti con tecnologia a transistor che li rende molto più economici, non è raro imbattersi in ultraeconomici kit fai da te.

In Italia il gruppo The Transistors (Maurizio Mansueti e Luca Cirillo) è stato pioniere dell'utilizzo del theremin, in una chiave musicale lounge, affiancato a uno strumento altrettanto atipico come lo stilofono.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Il kit di montaggio del theremin prodotto dalla Moog

Il nucleo centrale del theremin sono due oscillatori che lavorano in isofrequenza: la produzione del suono si basa sul principio fisico del battimento delle onde generate dai due oscillatori.

La frequenza generata da ciascuno dei due oscillatori è fuori dallo spettro udibile ( > 20 kHz); lo strumento, a riposo, non produce alcun suono in quanto non vi è differenza di frequenza. Collegando un'antenna al condensatore di uno dei due oscillatori è possibile variarne la componente capacitiva, e di conseguenza la frequenza di lavoro, semplicemente avvicinando o allontanando un ostacolo (solitamente la mano) a detta antenna; lo shift (slittamento) di frequenza così generato produce di conseguenza un battimento che dà come risultato una terza onda (principio del terzo suono). Gli oscillatori del theremin sono progettati in modo tale che gli shift di frequenza dell'oscillatore a capacità variabile si tengano tra i 20 e i 20.000 hertz, sì da generare una terza onda di battimento che rimanga all'interno dello spettro sonoro udibile.

Il segnale sonoro così generato è inviato direttamente a un altoparlante o, a seconda del progetto dello strumento, a uno stadio amplificatore e successivamente ai diffusori. Versioni più raffinate del theremin prevedono anche un secondo stadio elettronico, analogo al primo, che prevede un convertitore che trasforma la frequenza di battimento in una tensione elettrica; il suono prodotto dal primo stadio è successivamente attenuato in proporzione alla tensione generata dal secondo stadio onde rendere lo strumento dinamico e permette all'esecutore di variare l'intensità e il volume del suono lavorando con l'altra mano vicino a un'altra antenna.

Un esecutore destrorso trova di norma l'antenna del volume sulla propria sinistra e quella del pitch (altezza della nota) sulla propria destra. L'antenna che regola il volume è curva, in genere a forma di anello, ed è orizzontale; quella del pitch è dritta e verticale. La taratura standard del theremin in genere prevede due fasi:

  1. Quando la mano (sinistra) è quasi a contatto o proprio a contatto con l'antenna del volume (antenna orizzontale sinistra, a guisa d'anello), il volume del suono sia completamente azzerato;
  2. Che la portata dell'antenna del pitch o intonazione (antenna verticale destra) non vada oltre l'inizio dell'antenna orizzontale del volume, ovvero che non si produca alcun suono operando solo con l'antenna del volume. Da notare che la polarizzazione mutuamente ortogonale delle due antenne è stata progettualmente voluta da Lev Sergeevič Termen proprio per limitare intrinsecamente al massimo l'interferenza tra lo gesticolare delle due braccia/mani/dita; dalla combinazione tra altezza e volume vengono generati i vari suoni che l'esecutore è in grado di far produrre allo strumento con le braccia/mani/dita.

I controlli più estesi, introdotti in seguito, permettono di variare la sensibilità dell'antenna di volume sì da ottenere una dinamica più o meno estesa nonché di variare l'estensione dello strumento e la distanza degli intervalli (tipicamente controllo pitch). Sono inoltre presenti delle regolazioni che variano le forme delle onde generatrici (tipicamente controllo waveform) consentendo quindi di variare anche notevolmente il timbro dello strumento.

Theremin come controller[modifica | modifica sorgente]

Il theremin può essere utilizzato anche come interfaccia per pilotare altri strumenti musicali. Alcune aziende produttrici hanno addirittura ridotto gli investimenti sulla qualità timbrica e la linearità dell'intonazione in favore di un'interfaccia di comunicazione con altre periferiche più raffinata[senza fonte]. Modelli come l'Etherwave Plus e l'Etherwave Pro della Moog o il Tmax della Paia forniscono (oltre al segnale audio) anche un segnale analogico che rappresenta la distanza delle mani dalle antenne: questo può essere utilizzato per controllare i parametri di altri sintetizzatori analogici o può essere convertito in MIDI per il controllo di strumenti digitali. Con questo proposito è stato implementato l'Ethervox MIDI della Moog (ora fuori produzione), dotato di un'interfaccia MIDI di ingresso e uscita, utile per interagire con la maggior parte degli strumenti musicali elettronici prodotti dopo gli anni 80.

Linearità[modifica | modifica sorgente]

Si parla spesso di linearità del theremin e cioè la possibilità di mantenere costanti gli intervalli tra le note a pari spostamento della mano e delle dita; questo non significa linearità in senso matematico, bensì logaritmicità, coerentemente ai sensi umani, udito compreso. Il theremin è per sua natura non lineare o almeno non perfettamente. Il fattore di linearità in senso acustico, soprattutto nell'ambito della musica classica (o comunque ovunque si voglia rendere riproducibile una melodia definita) è molto importante. La differenza della qualità di un theremin rispetto ad un altro è spesso proprio in questo fattore. Tra i theremin più acusticamente lineari si può citare l'Etherwave pro della Moog o il Tvox Tour (attualmente lo strumento da viaggio preferito da Lydia Kavina e dall'ormai deceduta Barbara Buchholz), non più in produzione da anni. Tutti gli altri modelli hanno un pitch shift che tende ad accelerare all'approssimarsi dell'antenna e spesso per aggirare questo problema il theremenista segue la curva del pitch con mano, oppure china e avvicina il capo in prossimità dell'antenna al fine di utilizzare la testa quasi fosse l'equivalente di un capo tasto chitarristico, facendo così aumentare considerevolmente lo spazio tra le note, a tutto vantaggio di un ben più agevole e preciso controllo.

Impressioni sul theremin[modifica | modifica sorgente]

Il theremin, e la sua innovativa tecnologia, suscitarono forti impressioni nei musicisti classici dell'epoca. Riportiamo alcuni di quei commenti, dai quali si evince lo stupore e la meraviglia che questo strumento musicale innescò[1]:

(EN)
« Professor Theremin's invention has made the deepest impression on me. Here indeed seems to be new country. I cannot say which affected me most: the method of tone production which suggests the miraculous, or the completely novel character of the tone itself. In any case it was a moving experience »
(IT)
« L'invenzione del professor Theremin mi ha impressionato profondamente. In effetti pare d'essere in un nuovo mondo. Non saprei dire cosa mi abbia maggiormente colpito, se il metodo di produzione del suono, che ha del miracoloso, o il carattere, totalmente innovativo, del suono stesso. In ogni caso è stata un'esperienza toccante »
(Bruno Walter, direttore d'orchestra)
(EN)
« One is confronted as with a miracle on seeing a man picking about in the air and conjuring from the void notes of umprecedent beauty and splendor, such as not exsisting instrument is capable of producing »
(IT)
« Si pensa al miracolo quando si guarda un uomo afferrare vagamente l'aria ed evocare dal nulla note di una bellezza e di uno splendore senza precedenti, come nessun altro strumento esistente è in grado di produrre »
(Leo Slezak, tenore)
(EN)
« The striking feature is that it is the first time that music has been extracted from something instead of being put into something, and that there is nothing between the human being and the music itself - no wood, no steel, no string, no horsehair - and that the personality of the performer is more sensitively presented than on any existing instrument »
(IT)
« La caratteristica impressionante è che è la prima volta che la musica viene estratta da qualcosa invece di essere messa dentro qualcosa, e che non c'è niente tra l'essere umano e la musica stessa - né legno, né acciaio, né corde, né crine[2] - e che la personalità dell'esecutore è resa con maggior sensibilità rispetto ad ogni altro strumento esistente »
(Rudolph Ganz, pianista, compositore, direttore d'orchestra)

Alcuni celebri thereministi[modifica | modifica sorgente]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La città di Melbourne ha esposto da novembre 2011 fino a metà aprile del 2012 un Theremin gigante, sviluppato dall'artista Robin Fox alto più di sette metri e che può essere suonato contemporaneamente da fino a 8 persone.
  • Nell'episodio di The Big Bang Theory, "L'utilizzo dei pantaloni da autobus", Sheldon Cooper utilizza un Theremin.
  • Appare anche nel decimo episodio della seconda stagione di Hannibal, Naka-Choko, dove lo strumento è suonato a due mani dall'eponimo protagonista assieme ad Alana Bloom.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Commenti dal libro di sala di un concerto di H. Whipple Abbott
  2. ^ Legno, acciaio, corde e crine sono tutti elementi riconducibili a diversi strumenti musicali: ad esempio, il legno è usato per costruire gran parte del pianoforte, così come i legni sono una famiglia di strumenti aerofoni solisti o inseriti nell'orchestra; l'acciaio è usato, ad esempio, come lega principale per le corde del pianoforte; mentre le corde a cui allude Ganz sono evidentemente quelle dei cordofoni (violino, viola, violoncello, etc.); infine, il fascio di crine di cavallo, teso dall'archetto, è quello con cui si fanno suonare alcuni strumenti detti, appunto, ad arco o archi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Theremin in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Theremin")

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica