There Is No Alternative

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il primo ministro inglese Margaret Thatcher, la prima ad aver adottato la frase «There is no alternative»

There is no alternative (spesso contratto nell'acronimo TINA) era uno slogan usato spesso dal primo ministro conservatore inglese Margaret Thatcher e che fu poi ampiamente adottato da altri politici (per esempio Gerhard Schröder, ex primo ministro della Germania, tradusse l'argomentazione in tedesco: "Es gibt keine Alternativen...").[1] Nell'economia, nella politica e nell'economia politica questa frase ha preso il significato della mancanza di alternative al sistema neoliberista e che il libero mercato, capitalismo e globalizzazione siano l'unica strada percorribile per lo sviluppo di una società moderna.

La frase potrebbe essere tratta, nel suo uso enfatico, da Herbert Spencer, intellettuale del XIX secolo appartenente al liberismo classico.[2]

Norman St John-Stevas soprannominò la Thatcher Tina.

Nei primi anni '90 Francis Fukuyama scrisse The End of History and the Last Man, un libro in cui sulla stessa linea si argomentava la teoria secondo la quale la Democrazia liberale aveva trionfato sul comunismo e la lotta storica fra sistemi politici era arrivata alla fine (sebbene ci potrebbero ancora essere eventi futuri).[3]

Con TINA, oggi si intende identificare quella linea di pensiero che considera il neoliberismo come la sola ideologia restante valida.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) archiv.spd.de: "Schröder: Es gibt keine vernünftige Alternative zur Agenda 2010", luglio 2004
  2. ^ Social Statics (1851), pp 42, 307.
  3. ^ La fine della storia e l'ultimo uomo, Milano, Rizzoli, 1992. ISBN 88-17-84173-0

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]