Teodosio V Dahan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Theodosios V Dahan)
Teodosio V Dahan
patriarca della Chiesa cattolica
Nato 1698 a Beirut
Consacrato vescovo 16 gennaio 1736
Elevato patriarca 26 dicembre 1761 (eletto)
9 luglio 1764 (confermato)
Deceduto 30 marzo 1788

Teodosio V, nato Joasaph Dahan (Beirut, 169830 marzo 1788), è stato arcieparca di Beirut e terzo patriarca della Chiesa melchita.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joasaph Dahan nacque a Beirut nel 1698. Entrò nell'Ordine Basiliano Soarita e nel 1723 emise la solenne professione religiosa. Il 16 gennaio 1736 fu consacrato dal patriarca Cirillo VI Tanas arcieparca di Beirut assumendo il nome di Athanasios. In occasione della presa di possesso della sua arcidiocesi, la gerarchia di Beirut fu definitivamente divisa tra la parte ortodossa e quella cattolica.

Durante il breve patriarcato di Massimo II Hakim (1760-1761), Athanasios fu scelto dal patriarca come suo vescovo coadiutore. Alla morte di Massimo II, il sinodo elettivo, tenutosi nel monastero di Sant'Antonio alla presenza del delegato apostolico, elesse il 26 dicembre 1761 come nuovo patriarca l'arcivescovo di Beirut, che assunse il nome di Teodosio. La nomina romana di Massimo II e l'elezione di Teodosio V, entrambi monaci Soariti, furono contestate dai monaci Salvatoriani, che riconobbero invece come legittimo patriarca Michel Jawhar, che era stato eletto in seguito alla dimissioni di Cirillo VI Tanas.

La contrapposizione fra i sostenitori di Jawhar e quelli di Teodosio V divise profondamente la Chiesa melchita per buona parte della seconda metà del Settecento. Per sostenere le proprie posizioni, Jawhar si appellò alla Santa Sede. Papa Clemente XIII confermò in via definitiva l'elezione di Teodosio V il 9 luglio 1764[1] e il 23 luglio gli concesse il pallio.[2] Solo con la totale sottomissione di Jawhar nel 1768 poté essere raggiunta l'unità e la pace nella Chiesa melchita.

Nel 1772 il papa concesse a Teodosio V il titolo di amministratore dei cattolici melchiti di Alessandria d'Egitto e di Gerusalemme, prerogativa finora detenuta dai Custodi di Terra Santa.

Teodosio V morì il 30 marzo 1788.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Septimo idus iulii MDCCLXIV. Cfr. Iuris pontificii de propaganda fide, vol. IV, pp. 100-105.
  2. ^ Bullarium pontificium Sacrae Congregationis de Propaganda Fide, vol. IV, pp. 95-96.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Antiochia dei Melchiti Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Massimo II Hakim 9 luglio 1764 - 30 marzo 1788 Athanasios IV Jawhar
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie