Theda Ukena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Theda Ukena

Theda Ukena (Oldersum, 1432Greetsiel, 16 novembre 1494) fu la seconda moglie del conte Ulrico I della Frisia orientale ed alla di lui morte, contessa della Frisia orientale dapprima autonomamente e poi associando a sé i figli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Theda era nipote del capo fazione Focko Ukena (m. 1436) che era stato storicamente opposto ai conti della Frisia orientale. Ella era nata nel 1432 ad Oldersum, figlia di Uko Focken e Heba Attena. Il suo nome le derivò probabilmente dalla nonna Theda Reide, prima moglie di Focko Ukenas. Suo padre venne assassinato nel giugno del 1432.

Nel 1455, Theda sposò Ulrico I della Frisia orientale che dall'anno precedente era divenuto conte dell'intera area frisiana. Theda portò in dote tra le altre sostanze anche la città di Oldersum.

Dopo la morte di Ulrico nel 1466 ella assunse, assistita dal consigliere e cugino Sibet Attena, la reggenza ufficiale dei territori del marito associandovi quando raggiunsero l'età matura i figli Enno I ed Edzardo.

Theda morì il 16 novembre 1494 a Greetsiel.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Theda sposò Ulrico I della Frisia orientale e da quest'unione la coppia ebbe i seguenti figli:

  • Heba (1457 - 1476), sposò il conte Eric I di Schaumburg-Pinneberg,
  • Gela (1458 - 1497)
  • Enno I (1460 - 1491), conte della Frisia orientale
  • Edzardo I, conte della Frisia orientale
  • Uko (1463 - 1507)
  • Almut (1465 - 1522/23)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heiko Ebbel Janssen: Gräfin Anna von Ostfriesland - eine hochadelige Frau der späten Reformationszeit (1540/42-1575). Ein Beitrag zu den Anfängen der reformierten Konfessionalisierung im Reich. Münster, 1998, 285 Seiten, ISBN 3-402-03802-1
  • Heinrich Reimers: Ostfriesland bis zum Aussterben seines Fürstenhauses, Bremen 1925
  • Ernst Esselborn: Das Geschlecht Cirksena, Berlin 1945
Predecessore Contessa della Frisia orientale Successore
Ulrico I 1466-1494
con Enno I dal 1466 al 1492
con Edzardo I dal 1492 al 1494
Edzardo I

Controllo di autorità VIAF: 80362751