Thectocercus acuticaudatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Conuro capoazzurro
Aratinga acuticaudata -San Isidro -Bolivia -eating-8.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Psittaciformes
Famiglia Psittacidae
Sottofamiglia Arinae
Genere Thectocercus
Ridgway,1912
Specie T. acuticaudatus
Nomenclatura binomiale
Thectocercus acuticaudatus
(Vieillot, 1818)
Sinonimi

Aratinga acuticaudata

Sottospecie

vedi testo

Il conuro capoazzurro (Thectocercus acuticaudatus (Vieillot, 1818)) è un uccello della famiglia degli Psittacidi. È l'unica specie del genere Thectocercus.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La colorazione base è verde, più intenso nelle parti superiori, più sfumato in quelle inferiori. Il colore blu è presente sulla faccia in modo più o meno esteso secondo l'età, la sottospecie e il soggetto. È presente un anello perioftalmico nudo di un colore bianco latte; ramo superiore del becco marroncino con punta nera, ramo inferiore nero. Le zampe sono rosate. A volte sono presenti riflessi bluastri sul petto. La taglia è attorno ai 37 cm compresa la coda, di media lunghezza, con penne sfumate in rossiccio, visibili soprattutto quando l'uccello è in volo. I giovani presentano il blu solo sulla fronte e parzialmente sulla corona.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Vive in gruppi anche numerosi che compiono piccole migrazioni locali stagionali, alla ricerca del cibo. Nidifica nelle cavità degli alberi a partire da dicembre. La femmina depone 2-5 uova che vengono covate per 25 giorni; i piccoli si involano attorno alle 8 settimane di vita[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Abita un areale vasto, dalla Colombia al Venezuela, al Brasile, al Paraguay, all'Uruguay e al nord dell'Argentina. Abbastanza comune in natura, non è molto diffuso in cattività.

Abita le foreste secondarie, le savane aride con boscaglie sparse e le savane erbose.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende 5 sottospecie:[2]

  • T. a. acuticaudatus (Vieillot, 1818)
  • T. a. koenigi (Arndt, 1995)
  • T. a. neoxenus (Cory, 1909)
  • T. a. haemorrhous (von Spix, 1824)
  • T. a. neumanni (Blake & Traylor, 1947)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Aratinga acuticaudata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psittacidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  3. ^ David Alderton, The Ultimate Encyclopedia of Caged and Aviary Birds, London, England, Hermes House, 2003, p. 193, ISBN 1-84309-164-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli