The Sun (New York)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La prima pagina del Sun del 26 novembre 1834

The Sun è un quotidiano del mattino uscito per la prima volta a New York il 3 settembre 1833 e pubblicato fino al 1950. Edito da Benjamin Day, è il primo esempio di penny press della storia[1].

L'ascesa: nasce la penny press[modifica | modifica sorgente]

Il quotidiano, con lo slogan It shines for all ("splende per tutti") era in vendita ad un penny e distribuito per strada dagli strilloni, introducendo già per questo fattore un elemento di novità nel panorama editoriale, che fino ad allora vedeva solo quotidiani distribuiti per abbonamenti. Inoltre il giornale introdusse per la prima volta articoli sulla cronaca locale e servizi sensazionalistici: proprio per questo suo stile non più rivolto solo alle élite, il Sun ottenne grande successo fra gli operai, arrivando in due mesi a una vendita di duemila copie al giorno, quadruplicata nei quattro mesi successivi. Proprio ad uno di questi servizi sensazionalistici, un servizio-bufala sulla presunta scoperta di vita sulla luna uscito in sei puntate nel 1835, il Sun deve tuttora gran parte della sua notorietà. Nel 1887, sulla scorta di questi successi, il Sun diede vita a un'edizione del pomeriggio. Fra il 1947 e il 1948 sul Sun uscì una serie di 24 articoli di Malcolm Johnson sulla criminalità al porto, un servizio che valse a Johnson il Premio Pulitzer per le cronache locali nel 1949. Gli articoli servirono da base per il film del 1954 Fronte del porto.

Influenza culturale[modifica | modifica sorgente]

  • A un redattore della cronaca cittadina del Sun, John Bogart[2], si deve una delle citazioni più note sul giornalismo:
« Quando un cane morde un uomo non fa notizia, perché capita spesso. Ma se un uomo morde un cane, quella è una notizia »
  • Il 21 settembre 1897 il quotidiano pubblicò un editoriale intitolato Esiste Babbo Natale? (la domanda di una bambina) a cui il giornalista Francis Pharcellus Church rispondeva Sì, Virginia, Babbo Natale esiste. L'articolo ebbe un tale successo che fu ripubblicato tutti gli anni fino alla chiusura del giornale nel 1950.
  • La testata del Sun appare in un montaggio di fogli di giornale nel film Il padrino
  • Nel 2002 a New York è nato un quotidiano denominato The New York Sun. Fra le due testate, però, non c'è nessun collegamento

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Franco Abruzzo, Il codice dell'informazione e della comunicazione, Centro di documentazione giornalistica, 2006, ISBN 88-85343-38-4
  2. ^ Bartlett's Familiar Quotations, 16ma edizione, ed. Justin Kaplan (Boston, Londra, e Toronto: Little, Brown, 1992), p. 554. Altre fonti, tuttavia, la attribuiscono a Charles Dana, redattore e proprietario di alcune quote del quotidiano fra il 1868 e il 1897

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria