The Soft Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Soft Machine

Artista Soft Machine
Tipo album Studio
Pubblicazione 1968
Durata 41 min : 30 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Rock progressivo
Rock sperimentale[1]
Art rock[1]
Rock psichedelico[1]
Fusion[1]
Etichetta In America: ABC Records Probe CPLP 4500; in Francia: Barclay
Produttore Chas Chandler, Tom Wilson
Registrazione 1968 a New York, durante una pausa del tour dei Soft Machine in Nordamerica come gruppo di supporto alla Jimi Hendrix Experience
Soft Machine - cronologia
Album precedente
([[:Categoria:Album del 1972
demo registrati nel 1967 e pubblicati nel 1972|1972
demo registrati nel 1967 e pubblicati nel 1972]])
Album successivo
(1969)

The Soft Machine (1968) è l'album di debutto dei Soft Machine, gruppo progressive rock inglese, appartenente alla scena di Canterbury.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Lato A[modifica | modifica sorgente]

  1. Hope for Happiness (Brian Hopper, arr. Wyatt/Ratledge/Ayers) - 4:21
  2. Joy of a Toy (Ayers/Ratledge) - 2:49
  3. Hope for Happiness (reprise) (Brian Hopper, arr. Wyatt/Ratledge/Ayers) - 1:38
  4. Why Am I So Short? (Hugh Hopper, Robert Wyatt) - 1:39
  5. So Boot if At All (Ratlege/Ayers/Wyatt) - 7:25
  6. A Certain Kind (Hugh Hopper) - 4:11

Lato B[modifica | modifica sorgente]

  1. Save Yourself (Wyatt) - 2:26
  2. Priscilla (Ayers/Ratledge/Wyatt) - 1:03
  3. Lullabye Letter (Ayers) - 4:32
  4. We Did It Again (Ayers) - 3:46
  5. Plus Belle Qu'une Poubelle (Ayers) - 1:03
  6. Why Are We Sleeping? (Ayers/Ratledge/Wyatt) - 5:30
  7. Box 25/4 Lid (Mike Ratledge, Hugh Hopper) - 0:49

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Bush, John: Recensione dell'album su Allmusic
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo