The Shadow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

The Shadow (spesso tradotto come l'uomo ombra in italiano) è un personaggio creato da Walter B. Gibson, protagonista dagli anni trenta di romanzi e serial radiofonici e che è stato fonte di ispirazione per i successivi personaggi del tipo "giustiziere mascherato", tra cui il supereroe dei fumetti Batman.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un giovane Orson Welles, qui ripreso nei panni del personaggio nel 1937 o 1938, diede la propria voce a The Shadow per la radio.

Il personaggio ha origine dal programma radiofonico Detective Stories del 1930, in cui era solo una voce che aveva il compito di presentare le diverse storie, e che concludeva il programma con l'enigmatica frase "The Shadow knows!" ("l'Ombra sa!"). L'alone di mistero che attorniava la voce cavernosa e la sua risata spettrale colpirono il pubblico di radioascoltatori. Il programma riscosse un certo successo, tanto che gli editori Street & Smith (gli stessi che pubblicavano Astounding dedicata alla fantascienza) fecero uscire una rivista popolare dal titolo Detective Stories, un pulp magazine in cui trovavano spazio vari racconti del mistero, che continuò le pubblicazioni fino al 1954. La popolarità del personaggio era tale che gli stessi editori commissionarono ben presto allo scrittore Walter B. Gibson una serie di romanzi. Gibson, con lo pseudonimo di Maxwell Grant, scrisse ben 282 storie su The Shadow, delle oltre 300 che furono pubblicate (nel 1980 firmò l'ultima, con il suo vero nome).

Il maggiore illustratore di The Shadow è stato senza dubbio Edd Cartier (scomparso l'8 gennaio 2009), che per Street & Smith a partire dal 1936 realizzò oltre 800 illustrazioni, rimanendo responsabile fino al 1948 delle strisce a fumetti del personaggio.[1]

Nel 1937 l'Uomo Ombra rientrò nel mondo della radio, stavolta con una propria serie di avventure. La voce del protagonista era inizialmente quella originale di Frank Readick, ma in seguito si cimentò nella parte anche Orson Welles, agli inizi della propria carriera.

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

  • L'uomo ombra è la trasposizione a fumetti del personaggio dei romanzi, realizzate da vari autori per diverse case editrici.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

The Shadow è stato fonte di ispirazione per tutti i successivi giustizieri mascherati dei fumetti tra cui anzitutto Batman (1939); più recentemente anche per Alan Moore quando nel 1981 scrisse la graphic novel V for Vendetta. Nel gruppo di eroi pulp guidati da Axel Brass, uno dei personaggi comprimari della serie a fumetti Planetary, creata da Warren Ellis e John Cassady e pubblicato dalla casa editrice Wildstorm, compare anche una versione aggiornata di The Shadow.

Il personaggio è rievocato in alcuni film che si occupano del periodo, tra cui Radio Days.

Il regista Sam Raimi, appassionato da lungo tempo dei fumetti, tentò di adattare The Shadow in un film, ma non riuscì ad assicurarsi i diritti. Così creò un proprio supereroe, Darkman (1990).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Tempo - adnkronos
  2. ^ (EN) The Shadow Strikes in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  3. ^ (EN) International Crime in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  4. ^ (EN) The Shadow in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  5. ^ Scheda su The Shadow (serial) dal sito Fantafilm
  6. ^ (EN) The Shadow Returns in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]