The Rugby Championship

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Rugby Championship
Logo della competizione
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Tipo A squadre nazionali
Paese Argentina Argentina
Australia Australia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Sudafrica Sudafrica
Organizzatore SANZAR
Cadenza Annuale
Apertura agosto
Chiusura ottobre
Partecipanti 4
Formula Girone all'italiana
Sito Internet sanzarrugby.com
Storia
Fondazione 1996
Detentore Nuova Zelanda Nuova Zelanda (12º titolo)
Maggiori titoli Nuova Zelanda Nuova Zelanda (12)
Edizione in corso The Rugby Championship 2013

The Rugby Championship è un torneo annuale internazionale di rugby a 15, che si tiene interamente nell'emisfero australe, in quanto vede come protagoniste le nazionali di Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa e dell'Argentina. In precedenza, fin dalla sua fondazione avvenuta nel 1996 e fino al 2011, prima dell'inserimento dell'Argentina tra le partecipanti, il torneo era chiamato Tri Nations.[1]

È l'equivalente del Sei Nazioni europeo per quel che riguarda quattro delle più forti nazionali di rugby del mondo, che si trovano al di sotto dell'equatore. Il torneo consiste in match incrociati tra le quattro formazioni, uno in casa ed uno in trasferta contro ognuna delle tre rivali. All'interno del torneo vi è una rivalità particolare tra le "vicine" di casa Australia e Nuova Zelanda, che si contendono (nei loro scontri diretti) anche la vittoria della Bledisloe Cup. Allo stesso modo Australia e Sud Africa, dal 2006, si disputano il Mandela Challenge Plate, mentre Nuova Zelanda e Sud Africa si contendono la Freedom Cup.

Il torneo nacque nel 1996 all'indomani dell'apertura del International Rugby Board al professionismo e sulla spinta delle TV commerciali. Il primo contratto, della durata di dieci anni e scaduto nel 2005, è stato sostituito da un secondo, quinquennale, valido fino al 2010; in corrispondenza dell'entrata in vigore del secondo contratto, dal 2006 il numero di partite è stato aumentato da 6 a 9 (tranne che nell'edizione 2007, anno dei mondiali di rugby).

Competizione[modifica | modifica sorgente]

Le regole e l'organizzazione del torneo sono cambiate molte volte nel corso della sua storia. Il calendario usato attualmente è stato realizzato nel 2002.

Calendario[modifica | modifica sorgente]

Negli anni dispari, il torneo inizia in Sudafrica, con la formazione di casa che ospita l'Australia. La settimana successiva, il Sud Africa ospita la Nuova Zelanda. Il Tri Nations si sposta poi in Australia per due settimane. Il primo match è anche quello d'apertura della Bledisloe Cup, tra Australia e Nuova Zelanda, con la gara tra Australia e Sud Africa la settimana seguente. Alla fine, il Tri Nations attraversa il mare della Tasmania per approdare in Nuova Zelanda, che affronta il Sud Africa come prima rivale. La serie si conclude con lo scontro tra Nuova Zelanda ed Australia, che si giocano anche la Bledisloe Cup.

Negli anni pari, l'ordine tenuto è l'inverso; questo significa che il primo match del Tri Nations coincide con quello della Bledisloe Cup.

I match si tengono generalmente in luglio ed agosto, dopo il termine del torneo Super 15, che comprende formazioni di club dalle stesse nazioni del Tri Nations.

Nel 2006 si è introdotta una formula che prevede 9 incontri invece di 6 (ogni squadra incontra le altre 3 volte anziché due). Tale formula, che pure non ha riscosso il gradimento sperato, poiché a metà torneo era ormai scontato il successo della Nuova Zelanda, è stata mantenuta per gli anni successivi ad eccezione del 2007 (torneo di 6 partite, anticipato a giugno-luglio per gli impegni di preparazione alla Coppa del Mondo) e del 2011, questa volta disputato tra luglio-agosto, tornando così ad un calendario più simile a quello delle prime edizioni.

Dal 2012, con l'ingresso della nazionale argentina, è previsto il ritorno ad un torneo di sei week-end, con ovviamente due match per turno.

Espansione[modifica | modifica sorgente]

Sia l'Argentina che l'IRB hanno più volte richiesto l'espansione del torneo con l'ammissione della squadra sudamericana. Tale ammissione ha avuto effetto dal 2012.[1][2] Per preparsi all'esordio e per far crescere il livello tecnico dei giocatori argentini, anche di quelli non impegnati con i club Europei, nel 2010 e nel 2011 una selezione di giocatori argentini denominata "Pampas XV" e formata da giocatori senza esperienze di club all'estero, ha partecipato alla Vodacom Cup, torneo di inizio stagione per le provincie sudafricane, cogliendo un imprevisto successo nella seconda partecipazione.

Assegnazione dei punti[modifica | modifica sorgente]

Il vincitore viene determinato da un punteggio assegnato nei vari incontri:

  • 4 punti per la vittoria
  • 2 punti per il pareggio
  • 0 punti per la sconfitta

Dei "punti bonus" possono essere guadagnati in ogni partita, e spesso risultano determinanti per la vittoria finale di un team. Possono essere guadagnati in diversi modi:

  • Segnando quattro o più mete in un match, indipendentemente dal risultato finale.
  • Perdendo di sette punti o meno.

Il team vincente può guadagnare 4 o 5 punti, se ha segnato o meno 4 mete. Il team perdente tra 0 e 2.

Alla fine del torneo la nazionale con il maggior numero di punti risulta vincitrice.

Albo d’oro della competizione[modifica | modifica sorgente]

Tri Nations[modifica | modifica sorgente]

Anno Vincitore 2º classificato 3º classificato
1996 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica Australia Australia
1997 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica Australia Australia
1998 Sudafrica Sudafrica Australia Australia Nuova Zelanda Nuova Zelanda
1999 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2000 Australia Australia Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica
2001 Australia Australia Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica
2002 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2003 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2004 Sudafrica Sudafrica Australia Australia Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2005 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica Australia Australia
2006 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2007 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2008 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2009 Sudafrica Sudafrica Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia
2010 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica
2011 Australia Australia Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica

The Rugby Championship[modifica | modifica sorgente]

Anno Vincitore 2º classificato 3º classificato 4º classificato
2012 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Australia Australia Sudafrica Sudafrica Argentina Argentina
2013 Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sudafrica Sudafrica Australia Australia Argentina Argentina

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) "The Rugby Championship" to replace Tri Nations in rugby.com.au, 8 novembre 2011. URL consultato il 18 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) Rugby: IRB clears way for Argentina to join Tri-Nations, The New Zealand Herald, 13 maggio 2010. URL consultato il 23 agosto 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby