The Reminder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Reminder
Artista Feist
Tipo album Studio
Pubblicazione 23 aprile 2007
Durata 50:01
Dischi 1
Tracce 13
Genere Indie rock
Baroque pop
Etichetta Cherrytree, Polydor, Arts & Crafts, Interscope
Produttore Gonzales, Feist, Renaud Letang, Mocky, Ben Mink
Registrazione marzo 2006
Feist - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2011)

The Reminder è il terzo album discografico in studio della cantautrice canadese Feist, pubblicato nel 2007.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

L'album è stato pubblicato il 23 aprile 2007 fuori dal Nord America ed il 1º maggio seguente in Canada e Stati Uniti.

Dopo la pubblicazione l'album ha debuttato nella classifica statunitense Billboard 200 al numero #16.[1] In Canada ha esordito direttamente alla seconda posizione della classifica degli album più venduti.[2] In totale, al luglio 2011, sono state vendute circa 730.000 copie del disco negli Stati Uniti.[3]

Il 25 novembre 2008 è stata rilasciata un'edizione "deluxe" dell'album, costituita da un doppio CD con nove tracce aggiuntive.

La sesta traccia, Sealion, è un adattamento della canzone di Nina Simone tratta da Broadway-Blues-Ballads (1964) intitolata See-Line Woman.

I singoli estratti sono stati My Moon My Man, 1234, I Feel It All e Honey Honey. Il primo include un remix del musicista tedesco Boys Noize. Nel settembre 2007 il brano 1234 è stato utilizzato in uno spot per l'iPod nano. La canzone ha avuto un enorme successo ed ha raggiunto la posizione #8 della UK Singles Chart e la #8 della Billboard Hot 100 nel mese di ottobre. Tale canzone è stata scritta con l'australiano Sally Seltmann (aka New Buffalo).

L'album è stato inserito al terzo posto dal TIME nella classifica dei migliori album del 2007.[4]

Il brano The Limit to Your Love è stato reinterpretato da James Blake ed inserito nel suo album d'esordio (2011).

Feist ha vinto il Shortlist Music Prize nel 2007 per The Reminder. Inoltre nel 2008 si è aggiudicata con questo album due premi Juno Award nelle categorie "album pop dell'anno" e "album dell'anno". Inoltre il disco è stato in nomination ai 50i Grammy come "album pop dell'anno".

L'album è entrato in classifica in diversi Paesi. Negli Stati Uniti ha raggiunto la posizione #16 della Billboard 200 ed è stato certificato disco d'oro. Nel Regno Unito si è posizionato fino alla posizione #28 della UK Albums Chart. Inoltre è stato certificato disco d'oro anche in Francia, Australia e Austria. In Canada invece l'album ha avuto un successo maggiore (#2 in classifica, doppio disco di platino). Infine ha raggiunto la "Top 40" in Germania (#11), Svezia (#8), Svizzera (#7), Francia (#8), Portogallo (#29), Belgio-Fiandre (#16), Austria (#4).

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Tracce}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Tutte le canzoni sono state scritte da Feist, eccetto dove indicato.

  1. So Sorry (Feist, Dominic "Mocky" Salole) – 3:12
  2. I Feel It All – 3:39
  3. My Moon My Man (Feist, Jason "Gonzales" Charles Beck)– 3:48
  4. The Park– 4:34
  5. The Water (Feist, Brendan Canning)– 4:46
  6. Sealion (Feist, George Bass, Nina Simone)– 3:39
  7. Past in Present – 2:54
  8. The Limit to Your Love (Feist, Jason "Gonzales" Charles Beck) - 4:21
  9. 1234 (Sally Seltmann, Feist)– 3:03
  10. Brandy Alexander (Feist, Ron Sexsmith) – 3:36
  11. Intuition – 4:36
  12. Honey Honey – 3:27
  13. How My Heart Behaves – 4:26

Formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Leslie Feist - chitarra elettrica, chitarra acustica, banjo, voce, piano
Altri musicisti
  • Gonzales - piano, organo, vibrafono, batteria
  • Jesse Baird - batteria
  • Mocky - basso acustico, farfisa, organo
  • Bryden Baird - tromba, flicorno, percussioni
  • Julian Brown - basso elettrico, melodica
  • Jamie Lidell - arrangiamenti, voce
  • Town Hall - gruppo percussioni e cori
Ospiti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ billboard.com
  2. ^ jam.canoe.ca
  3. ^ billboard.com
  4. ^ time.com
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica