The Phantom Agony (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Phantom Agony
Artista Epica
Tipo album Studio
Pubblicazione 5 giugno 2003
Durata 51:43
Dischi 1
Tracce 9
Genere Symphonic metal
Etichetta Transmission
Produttore Sascha Paeth
Registrazione Pathway Studio, Wolfsburg (Germania)
Formati CD, 2CD, download digitale
Epica - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2004)
Singoli
  1. The Phantom Agony
    Pubblicato: 30 ottobre 2003
  2. Feint
    Pubblicato: 8 gennaio 2004
  3. Cry for the Moon
    Pubblicato: 25 maggio 2004

The Phantom Agony è il primo album in studio del gruppo musicale olandese Epica, pubblicato il 5 giugno 2003 dalla Transmission Records.

Il 23 marzo 2013, in occasione del decimo anniversario dell'album, gli Epica lo hanno ripubblicato in una versione speciale costituita da due CD.[1]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album presenta sonorità symphonic metal con forti influenze gothic metal e sfumature power metal.[2]

Oltre ai sei componenti del gruppo e ai sei coristi, nel disco suona una vera orchestra da camera, composta da due violini, due viole, due violoncelli e un contrabbasso.[3]

Le tematiche trattate spaziano tra l'attualità, la filosofia e la religione, continuando la saga-concept "The Embrace That Smothers" iniziata dagli After Forever in Prison of Desire. In particolare, si parla dei casi di pedofilia all'interno della Chiesa Cattolica, di come le religioni siano state inventate dagli uomini per ottenere potere, del fondamentalismo religioso e del terrorismo, dei sogni lucidi, del caso e del destino nell'esistenza umana, dell'omicidio di Pim Fortuyn e della libertà di pensiero, di come l'amore tra due persone possa diventare odio e della frustrazione di Mark Jansen per essere stato allontanato dagli After Forever. Inoltre nel brano Façade of Reality è presente un discorso campionato di Tony Blair[4].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Adyta (The Neverending Embrace ~ Prelude) – 1:27 (testo: Simone Simons, Mark Jansen – musica: Mark Jansen)
  2. Sensorium – 4:48 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  3. Cry for the Moon (The Embrace That Smothers ~ Part IV) – 6:44 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  4. Feint – 4:18 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  5. Illusive Consensus – 4:59 (testo: Simone Simons – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  6. Façade of Reality (The Embrace That Smothers ~ Part V) – 8:10 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  7. Run for a Fall – 6:31 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  8. Seif al Din (The Embrace That Smothers ~ Part VI) – 5:47 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter)
  9. The Phantom Agony – 8:59 (Mark Jansen, Ad Sluijter, Yves Huts)
    • Impasse of Thoughts
    • Between Hope and Despair
    • Nevermore
Traccia bonus nell'edizione canadese e statunitense
  1. The Phantom Agony (Bonus Track ~ Single Version) – 4:35 (Mark Jansen, Ad Sluijter, Yves Huts)
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Triumph of Defeat – 3:58 (musica: Coen Janssen)

Expanded Edition[modifica | modifica wikitesto]

  • Chapter 1
  1. Adyta (The Neverending Embrace ~ Prelude) – 1:27 (testo: Simone Simons, Mark Jansen – musica: Mark Jansen)
  2. Sensorium – 4:49 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  3. Cry for the Moon (The Embrace That Smothers ~ Part IV) – 6:44 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  4. Feint – 4:19 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  5. Illusive Consensus – 5:00 (testo: Simone Simons – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  6. Façade of Reality (The Embrace That Smothers ~ Part V) – 8:10 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  7. Run for a Fall – 6:31 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  8. Seif al Din (The Embrace That Smothers ~ Part VI) – 5:46 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter)
  9. The Phantom Agony – 8:59 (Mark Jansen, Ad Sluijter, Yves Huts)
  10. Veniality – 4:37
  11. The Phantom Agony (Single Version) – 4:33 (Mark Jansen, Ad Sluijter, Yves Huts)
  12. Triumph of Defeat – 3:54 (musica: Coen Janssen)
  • Chapter 2
  1. Adyta (Orchestral Version) – 1:28 (testo: Simone Simons, Mark Jansen – musica: Mark Jansen)
  2. Sensorium (Orchestral Version) – 4:53 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  3. Cry for the Moon (Orchestral Version) – 6:40 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  4. Feint (Orchestral Version) – 4:18 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  5. Illusive Consensus (Orchestral Version) – 5:02 (testo: Simone Simons – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  6. Basic Instinct (Orchestral Track) – 4:07
  7. Run for a Fall (Orchestral Version) – 6:26 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  8. The Phantom Agony (Orchestral Version) – 9:00 (Mark Jansen, Ad Sluijter, Yves Huts)
  9. Veniality (Orchestral Version) – 4:35
  10. Feint (Piano Version) – 4:53 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)
  11. Cry for the Moon (Single Version) – 3:30 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  12. Run for a Fall (Single Version) – 4:29 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Sluijter, Coen Janssen, Simone Simons)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas Glockner, Andreas Pfaff, Tobias Rempre – violini
  • Marie-Thereis Stumpf, David Schelage – viole
  • Jorn Kellermann, Cordula Rohde – violoncelli
  • Andrè Neygenfind – contrabbasso
  • Annette Berryman – flauto

Coro[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
massima
Belgio (Vallonia)[5] 114
Paesi Bassi[5] 8
Paesi Bassi (Top 30 Alternative)[5] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Phantom Agony - expanded edition, Epica, 28 febbraio 2013. URL consultato il 29 maggio 2015.
  2. ^ Gianluca Leone, Epica - The Phantom Agony, Metallized.it. URL consultato il 29 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Note di copertina di Epica, The Phantom Agony, Transmission Records, CD, 5 giugno 2003.
  4. ^ http://web.archive.org/web/20080308195615/http://www.epicaitaly.it/phantomagony_trad.php
  5. ^ a b c http://www.dutchcharts.nl/showitem.asp?interpret=Epica&titel=The+Phantom+Agony&cat=a

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal