The Peacemaker (film 1997)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Peacemaker
The Peacemaker.png
George Clooney e Nicole Kidman in una scena del film
Titolo originale The Peacemaker
Paese di produzione USA
Anno 1997
Durata 123 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller, azione
Regia Mimi Leder
Soggetto basato su articolo di Leslie e Andrew Cockburn
Sceneggiatura Michael Schiffer
Fotografia Dietrech Lohmann
Montaggio David Rosenbloom
Effetti speciali Martin Gutteridge
Musiche Hans Zimmer
Scenografia Leslie Dilley
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Peacemaker è un film del 1997 diretto da Mimi Leder, con George Clooney e Nicole Kidman. È il primo film prodotto dalla DreamWorks SKG.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Durante il trasporto su treno di testate nucleari in Russia, il Generale Kodoroff, corrotto e insoddisfatto, con l'aiuto di un altro graduato e di alcuni militari a lui fedeli, riesce ad impossessarsi di 9 delle 10 piccole testate nucleari trasportate; una viene armata e lasciata sul treno che, privo di guida, viene immesso su un binario dove finisce per scontrarsi con un altro treno che proviene dal senso opposto. Poco dopo il disastroso incidente, la testata armata esplode, mentre Kodoroff e i suoi complici si sono messi al riparo in una galleria, l'esplosione serve per coprire il furto delle testate, la ricaduta nucleare infatti proibirà di raggiungere la zona per svariati giorni. Sull'incidente indagano la dottoressa Kelly, esperta in fisica nucleare, che lavora per l'anti contrabbando nucleare americano ed il colonnello Devoe. I due scoprono ben presto che dietro all'incidente c'è qualcosa di più grande. Usando anche metodi poco diplomatici, riescono a recuperare otto delle nove testate trafugate dirette in Iran e ad uccidere Kodoroff. All'appello manca però una testata. I due scoprono che è finita nella mani di Dusan Gavrich, cittadino della ex Jugoslavia, che durante la guerra nel suo paese ha perso moglie e figlia ed è ora deciso a vendicarsi contro quelli che lui ritiene essere i colpevoli: si dirige a New York, dove ha deciso di far esplodere l'ordigno, uccidendo centinaia di migliaia di persone innocenti. Dopo una pericolosa corsa contro il tempo i due riescono a fermare Gavrich ed evitare l'esplosione nucleare, salvando così la città.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Le scene dell'inseguimento di Vienna sono state in realtà eseguite presso Bratislava, in Slovacchia.

Le riprese che ritraggono il terminal dell'aeroporto John F. Kennedy di New York sono state svolte presso il Jacob Javits Convention Center di Manhattan.

Per le scene finali nella chiesa venne chiesto il permesso di svolgere le riprese all'interno di alcuni luoghi sacri di New York, ma i curati che li gestivano rifiutarono. Ciò costrinse il regista ad eseguire la scena in computer grafica.

Cast[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente, il ruolo di Dusan Gavric era stato offerto agli attori serbi Predrag Manojlovic, Lazar Ristovski e Dragan Nikolic, i quali hanno tutti rifiutato l'ingaggio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema