The Legend of Zelda: Twilight Princess

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
The Legend of Zelda: Twilight Princess
Logo ZeldaTwilight.png
Sviluppo Nintendo EAD
Pubblicazione Nintendo
Ideazione Shigeru Miyamoto,
Eiji Aonuma
Serie The Legend of Zelda
Data di pubblicazione Wii
Nord America 19 novembre 2006
Giappone2 dicembre 2006
Australia 7 dicembre 2006
Europa 6 dicembre 2006
SK 27 agosto 2009

GameCube
Nord America 2 dicembre 2006
Giappone 12 dicembre 2006
Australia 12 dicembre 2006
Europa 15 dicembre 2006
SK 27 agosto 2009

Genere Avventura, Action RPG
Tema Fantasy
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Wii, Nintendo GameCube
Supporto 1 × Disco ottico Nintendo
Fascia di età ESRB: Teen (T)
PEGI: 12+
Periferiche di input Wiimote e Nunchuk, GameCube gamepad

The Legend of Zelda: Twilight Princess (ゼルダの伝説 トワイライトプリンセス Zeruda no densetsu Towairaito purinsesu?) è un videogioco della serie The Legend of Zelda pubblicato per GameCube e Wii da Nintendo. Inizialmente previsto per il novembre del 2005, è stato posticipato per permettere ai programmatori di poter aggiungere più contenuti e per rifinire il gioco.[1] Le versioni per la console Wii sono state pubblicate durante il lancio della console il 19 novembre 2006 in Nord America, il 2 dicembre in Giappone, il 6 dicembre in Europa (un giorno prima del lancio della console) e il 7 dicembre in Australia, rendendo così Twilight Princess il primo gioco della serie Zelda ad essere in vendita fin dal lancio di una console Nintendo. La versione per GameCube è stata pubblicata il 2 dicembre 2006 in Giappone assieme alla versione per Wii, il 12 dicembre 2006 in Nord America e Australia, in Europa il 15 dicembre 2006.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Link, un giovane ragazzo del villaggio Tauro, piccolo e pacifico villaggetto che si trova nelle terre di Ratane, una parte delle grandi lande di Hyrule, viene incaricato da un suo caro amico e dal capo villaggio a partire per un lungo viaggio in direzione del Castello di Hyrule, capitale del regno, e portare in dono una spada, forgiata per la Principessa Zelda e i Nobili.

Due giorni prima della partenza di Link un gruppo di scimmie continua a spaventare e derubare il suo villaggio e proprio il giorno della partenza, Link affronta con una spada di legno alcune creature che sembrano essersi insediate inspiegabilmente nel Grande Albero della Foresta di Firone (che è un chiaro richiamo al Deku Tree di Ocarina of Time, molti fan dicono infatti che la foresta di Firone sia l'ex-foresta Kokiri) che hanno intrappolato uno degli amici di Link, Furio, ed una scimmia che aiuterà Link successivamente.

Dopo molte peripezie, arriva il giorno della partenza, ma Iria, amica di Link e figlia del capovillaggio, nota che Epona, il cavallo del giovane, è ferita ad una zampa e sgrida Link per averle fatto passare troppi pericoli e decide di portarla alla Sorgente di Ratane per guarirla impedendo a Link di partire per il castello di Hyrule.

Link, disarmato e preoccupato di non essere perdonato da Iria per Epona, arriva alla Sorgente passando per un cunicolo nascosto e quando sta per scusarsi con la ragazza, arrivano dei mostri in groppa a dei cinghiali che stordiscono Link e rapiscono Iria e Colin, un ragazzino del villaggio.

Link, ripresosi dal colpo che gli è stato inflitto, comincia a camminare e si ritrova dinanzi ad un portale che lo risucchia, facendolo entrare in un mondo chiamato Crepuscolo ma facendogli assumere le sembianze di un lupo nero. Link, stordito, si risveglia in una prigione e si rende conto di cosa è diventato. Dopo tutto ciò, incontra Midna che decide di aiutare Link e dice che l'unico modo per tornare normale è uscire dal Crepuscolo. Percorrono tutta la prigione dove Midna lo aiuta a scoprire le sue abilità quando è Lupo e incontra la Principessa Zelda, che è stata maledetta da Zant, il Re del Crepuscolo.

Per poter sconfiggere Zant, i due devono cercare i tre Cristalli Oscuri, nei quali è racchiuso l'antico potere per il quale furono relegati nel crepuscolo gli antenati di Midna. Allo stesso tempo Link deve aiutare gli spiriti della luce che Zant ha intrappolato nel Reame del Crepuscolo; Ratane, Firone, Oldin e Ranel, per farlo deve impossessarsi degli insetti della luce ognuno dei quali porta con sé una parte degli spiriti originari. Link libera per primo Ratane, eliminando i Twili, i mostri che abitano il Crepuscolo, ingigantiti da Zant. Lasciato il villaggio libera Firone, e si accorge che è tornato normale ma con un vestito diverso, il vestito dell'Eroe Prescelto dalle Dee, allo stesso tempo scopre anche che quando entra nelle zone del crepuscolo assumerà sempre la forma di lupo.

Il primo cristallo si trova nella selvaggia foresta di Firone accanto al villaggio Tauro, custodito all'interno del Grande Albero. Arrivato nel cuore dell'albero trova un grande lago pieno di liquame rosso, e qui si spiega la causa delle creature che hanno infestato il villaggio: l'albero è divenuto la dimora di un terribile parassita, Nefentyax. Questo, dopo uno scontro, viene comunque distrutto.

Raggiunge poi, le terre di Oldin e libera lo spirito, che rivela dove si trova il secondo cristallo: è situato nel Monte Morte; per accedervi Link chiede l'aiuto del pastore del villaggio che rivela che gli unici che possono aiutarlo sono i Goron, che stranamente non fanno passare nessuno nella zona del monte. Decide di andare al suo villaggio: il capo ha infatti degli stivali di ferro che lo faranno rimanere saldato a terra durante le spinte dei Goron. Riesce quindi a penetrare all'interno del monte e il patriarca da quindi una spiegazione: il grande capo, infatti, era stato colpito dalle scorie del secondo cristallo oscuro e si era trasformato in un enorme mostro. Raggiunge alla fine, il centro del vulcano sconfiggendo il mostro e libera il grande capo.

Raggiunge, infine, le immense terre di Ranel, sconfiggendo altri insetti compreso il Twili Bloat, capo delle schiere degli insetti del Crepuscolo. Dopo aver riempito il goccioliere di luce dello spirito Ranel, a Link viene mostrata, in un vivido sogno, la storia del Regno di Hyrule: secondo questa leggenda il mondo è sempre esistito in una forma caotica, ed è rimasto in questo stato finché le tre divinità principali, Nayru, Farore e Din, decisero di ordinarlo; dopo la creazione degli esseri umani, le dee crearono la Triforza e i quattro Spiriti della Luce: ci fu un periodo di pace e prosperità, che durò incontrastato sino all'arrivo di un popolo di maghi dotati di grandi poteri, i Twili; alcuni di questi riuscirono a sottomettere il mondo al loro volere trasformandolo in un regno oscuro; le divinità intervennero per ripristinare l'ordine e inviarono i sei saggi, sigillando il popolo di maghi nel Reame del Crepuscolo; la chiave del potere, dunque, è rinchiusa proprio in quel Reame, e ciclicamente nella storia dell'umanità un individuo malvagio, di nome Ganondorf, cercò di impossessarsene, c'era riuscito, ma alla fine venne sconfitto dai Sei Saggi. Midna spiega quindi cos'è il Crepuscolo: un mondo pieno di mostri dove la luce non può filtrare. Lei era invece a regina votata dal popolo, ma, prima dell'elezione, era stata scacciata dal suo Reame del Crepuscolo da Zant, che la trasformò nella creaturina che è adesso. Il terzo cristallo è conservato in un santuario situato al fondo del lago Hylia: in questo caso Link prima scioglie i ghiacci che si sono formati alla sorgente del lago, per farne fuoriuscire di nuovo il flusso d'acqua, poi chiede aiuto agli Zora, che vivono nelle zone umide accanto al fiume Hylia, e parlando con lo spirito della Regina, comprende che deve trovare e salvare il piccolo principe degli Zora. Scopre che in una locanda del borgo di Hyrule, riposa Iria, in compagnia del principino. Decide quindi di aiutarla a portarlo nelle terre di Oldin, per il fatto che il ragazzo è malato: riesce quindi nell'intento, ottenendo la tunica Zora grazie alla quale, potendo respirare sott'acqua, raggiunge il dungeon sommerso, dove si cela un mostro marino, che viene sconfitto. Dopo aver ottenuto l'ultimo cristallo, raggiungono il covo di Ranel, dove si cela Zant, che attacca Midna, esponendola direttamente alla luce di Ranel, e Link, trasformandolo di nuovo in lupo. Sul punto di ucciderli, viene però fermato dal quarto Spirito della Luce (Ranel, appunto) che li teletrasporta al borgo di Hyrule. Quindi, Midna, in fin di vita, implora Link di portarla da Zelda, giacché ella possa aiutarli. Sfortunatamente le condizioni della creatura delle tenebre non lasciano altra scelta alla principessa che unire i loro spiriti, dimodoché possano muoversi attraverso luce e ombra. Infine Zelda consiglia a Link di dirigersi alla Foresta Sacra, situata nella foresta di Firone. Reclamare quindi, la Spada Suprema, unico oggetto in grado di esorcizzare il Male.

Dopo aver preso la spada, Midna consiglia al giovane di cercare lo Specchio oscuro, un oggetto magico che venne usato anticamente dalle tre dee per imprigionare i Twili, e dai Sei Saggi, come portale per rinchiudere il Re del Male Ganondorf, nel Crepuscolo. La scelta era stata dovuta dal fatto che il potere di Ganondorf, riveniente dalla Triforza del Potere, era stato così forte da uccidere uno dei saggi. Raggiungono il deserto Gerudo e, intrufolatisi nel "Patibolo del Deserto", stanno per raggiungere i Saggi, ma Zant risveglia un fossile gigantesco, Stallord, che viene distrutto. Si scoprirà in seguito che lo specchio è stato diviso in quattro parti dal re del Crepuscolo, e che è stato scaraventato in quattro zone di Hyrule. Uno si trova invece nel Patibolo e viene subito scoperto da Midna.

Per ricomporre i frammenti dello specchio Link si reca al Borgo, dove conosce quattro forestieri intenti alla ricerca degli stessi oggetti, tra loro c'è anche il caro amico di Link, che deciso ad aiutare Hyrule si unisce a loro. Il secondo frammento si trova in una villa sofisticata alla sommità del Ghiacciaio; per giungervi Link segue le orme di un mostro che poi si scoprirà essere il padrone della villa. Prende possesso del pezzo sconfiggendo una grande Signora Yeti, Blizzetta. Il terzo frammento si trova nell'antica Foresta Sacra, custodito all'interno del Santuario del Tempo in cui, secoli prima, l'Eroe del Tempo prese la Master Sword per sconfiggere Ganon. Prima di trovare il quarto frammento, Link si reca in un villaggio dimenticato, dove prima vivevano i Guardiani Reali di Hyrule, in questo posto salva una vecchietta, unica discendente dei guardiani, che gli dona la prima parte di un antico Libro, il quale contiene le indicazioni per arrivare alla città dei cieli, dove è custodito l'ultimo frammento di specchio. Facendosi aiutare da uno dei quattro forestieri conosciuti nel Borgo, Link scopre che nell'Antico Libro è scritto l'incantesimo per spezzare il sigillo della statua del tempio del Villaggio Calbarico, dietro la quale vi è lo strumento con cui è possibile arrivare nei cieli; dopo aver trovato i pezzi dell'Antico Libro sparsi per Hyrule, Link effettua l'incantesimo spezzando la statua, trova un cannone che, fattolo riparare, gli permette di cataputarsi fino al firmamento. Proprio nei cieli Link incontra gli Eterei, una razza ancora più vicina degli Hylia alle divinità. Scopre che il pezzo è stato preso da un dragone enorme, che viene ucciso da Link.

Dopo aver ricostituito lo specchio, Link e Midna giungono nel Crepuscolo, e in seguito alla dimora di Zant e, dopo averlo sconfitto (Tuttavia Zant, grazie ai suoi grandi poteri, riesce a sopravvivere) scoprono poi che in realtà egli non era altro che un complice del redivivo Ganondorf, impossessatosi del castello e deciso a conquistare il mondo. Midna riesce tuttavia ad uccidere Zant definitivamente. Tornati a Hyrule, Link si reca al castello, intanto divenuto sede di Ganondorf, e scopre che la principessa Zelda è ancora in balia del malvagio nemico. Dopo aver liberato Zelda e aver sconfitto Ganon in forma di bestia, Midna tenta di sigillare nuovamente il Nemico ma viene sconfitta, così Link e Zelda si ritrovano insieme sulla piana di Hyrule, intenti ad affrontare Ganon in uno scontro a cavallo; mentre Zelda tenta di colpire Ganondorf con le frecce di luce, Link lo ferisce con la spada; quando sembra che Ganon sia stato definitivamente sconfitto, Link viene sbalzato da sella e costretto a fronteggiare il suo avversario faccia a faccia in un duello all'ultimo sangue. Alla fine Link uccide Ganondorf, il quale promette di ritornare ancora.

Grazie all'aiuto degli spiriti della luce, la Principessa del Crepuscolo si rivela nel suo vero aspetto, ritorna nel suo regno e distrugge per sempre lo Specchio oscuro, così che nessuno potrà più entrare in quel regno.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Boss[modifica | modifica wikitesto]

  • Nefentyax, il parassita del Crepuscolo (Santuario della foresta):

Un enorme parassita con altri due più piccoli, che usa per attaccare. È formato dal primo Cristallo Oscuro.nella prima parte Attacca con le piante e bisognera trasportare gli insetti-bomba nelle bocche.nella seconda parte per sconfiggerlo bisogna usare il Boomerang Ciclone sugli Insetti-Bomba portati dal babbuino Ook e portarla sulla pianta-madre.

  • Pyrus, il vulcano del Crepuscolo (Miniere Goron):

È il patriarca dei Goron Dalvos colpito dal potere del secondo Cristallo Oscuro, sembra un Goron gigante infuocato con un grande occhio rosso e delle catene che penzolano dal corpo. Per sconfiggerlo bisogna colpire con una freccia il suo occhio e poi, utilizzando gli Stivali di Ferro, tirare una catena, farlo cadere e colpirlo.

  • Octoguilla, l'acquatico del Crepuscolo (Santuario del lago):

All'inizio sembra un Anemone con un occhio che gira per i tentacoli, successivamente si mostra tutto e assomiglia a un serpente marino con dei tentacoli sulla testa e un occhio sulla schiena. È formato dal terzo Cristallo Oscuro. Per sconfiggerlo bisogna equipaggiare la Tunica Zora e gli Stivali di Ferro. Dopo che si è arrivati sul fondo si equipaggia l'Artiglio X3 e si mira l'occhio, lo si arpiona e lo si colpisce. Dopo che lo si ha fatto 3 volte Octoguilla emergerà. Si deve quindi togliere gli Stivali di Ferro e nuotargli sopra. Quando si può si mira l'occhio e lo si arpiona e poi lo si colpisce.

  • Stallord, il fossile del Crepuscolo (Patibolo del deserto):

È un fossile di un mostro gigante rivitalizzato da Zant. Inizialmente è uno scheletro sotterrato fino alla vita che sputa un getto di fiamme e rivitalizza altri scheletri. Bisogna girare in senso antiorario con il Disco Rotante, staccandosi quando arrivano le trappole, e colpirlo alla schiena quando è voltato premendo B all'ultimo momento. Dopo 3 volte sprofonderà e dopo aver fatto salire la colonna diventerà un teschio che vola e che sputa fuoco. Bisognerà usare la trottola per salire evitando fiamme e trappole e colpirlo. Dopo 5 volte viene sconfitto. Il suo tema di battaglia nella seconda fase è lo stesso di King Dodongo e Varubaja di Ocarina of Time, e qualcuno teorizzerebbe che Stallord fosse i resti di uno dei due.

  • Blizzeta, l'iceberg del Crepuscolo (Rovine del ghiacciaio):

È Yeta usata dal potere dello Specchio oscuro. Nella prima parte è un'enorme sfera di ghiaccio che va scolpita fino a distruggerla. La seconda è un trono di ghiaccio, con dentro Yeta, circondato da iceberg. Per batterlo inizialmente bisogna mirarlo con Z e colpirlo con il martello ferrato quando si avvicina, nella seconda, guardando il riflesso si devono evitare gli iceberg e distruggerne un paio, poi farsi circondare e uscire dal buco fatto tra gli iceberg e poi colpire il trono. Si può farlo anche quando è in aria.

  • Armogohma, l'aracnide del Crepuscolo (Santuario del Tempo):

È un ragno gigante con un occhio rosso sulla schiena che spara un raggio laser. È il terzo frammento di Specchio. Per sconfiggerlo bisogna lanciargli una freccia sull'occhio quando lo apre e poi quando è a terra usare lo Scettro sulla statua accanto e premere B per fargli tirare un pugno. Ogni volta farà cascare dei ragnetti. Dopo tre volte rimarrà solo l'occhio con un'infinita di ragnetti e bisognerà colpirlo. Alla fine del combattimento Armogohma non morirà, ma diventerà piccolissimo ad eccezione dell'occhio che rimarrà grande, e quindi bisogna inseguirlo per dargli l'ultimo colpo.

  • Argorok, il dragone del Crepuscolo (La città Eterea):

È, appunto, un dragone corazzato con un cristallo rosso sulla schiena. È il quarto frammento. Per batterlo bisogna inizialmente evitare i suoi attacchi rasoterra e quando batte le ali usare l'Artiglio X6 sulla coda ed equipaggiare gli stivali di ferro. Dopo due volte bisognerà arrampicarsi con gli artigli fino alle piante volanti evitando i getti di fuoco, lanciarsi sulla schiena e colpire il cristallo.

  • Zant, l'Usurpatore (Palazzo del Crepuscolo):

È Zant, colui che ha usurpato il trono del Crepuscolo. È più abile in attacchi magici che fisici ma comunque molto pericoloso. Lo scontro è diviso in sei parti in sei luoghi diversi:

Santuario della Foresta:
Zant levita su una lago di liquame viola, bisognerà mirarlo e lanciare il boomerang ciclone per farlo cadere e colpirlo.

Miniere Goron:
Zant farà oscillare una piattaforma magnetica e quindi si devono equipaggiare gli stivali di ferro e tenersi al centro badando di mantenere mirato Zant, che si teletrasporterà. Dopo aver lanciato i suoi incantesimi, che vanno parati con lo scudo, si fermerà e bisognerà togliere gli stivali, raggiungerlo e colpirlo.

Santuario del Lago:
Bisognerà usare tunica Zora e stivali di ferro. Apparirà una maschera di Zant gigante da dove lui vi lancerà le sue magie. Quando avrà finitelo arpionatelo con l'artiglio e colpitelo. In seguito ci saranno 4 maschere ma la tattica sarà la stessa.

Santuario della Foresta (miniboss):
Zant salterà su varie colonne e bisognerà rotolare un paio di volte addosso alla colonna su cui si trova per farlo cadere e colpirlo.

Rovine del Ghiacciaio:
Uno Zant gigante vi sovrasterà e tenterà di schiacciarvi, si deve colpirgli il piede per rimpicciolirlo e colpirlo.

Castello di Hyrule:
Zant attaccherà con delle lame in attacchi frenetici che possono essere parati con lo scudo e quando si ferma colpirlo. Inoltre utilizzerà un attacco rotante che è meglio evitare che parare con lo scudo perché può mandare contro la barriera, che danneggerà, e quando si fermerà colpirlo. Toccherà a Midna dargli il colpo di grazia.

  • Ganondorf, Re del Male (Castello di Hyrule):

Lo scontro è diviso in quattro parti:

Zelda, il fantoccio di Ganondorf:
Ganondorf ha preso possesso del corpo della principessa Zelda e la utilizzerà per combattere contro Link. Il combattimento si svolge nella sala del trono, circondati da un campo di forza. Zelda attaccherà in tre modi: un attacco fisico con la spada, molto facile da evitare, un attacco magico che illuminerà la zona dove sta per colpire, e quindi permette di rotolare fuori, e un attacco con il quale lancerà una sfera di energia che bisognerà rilanciare più volte colpendola con la spada o un'Ampolla vuota. Dopo che Zelda sarà stata colpita tre volte verrà sconfitta.

Ganon, Bestia delle Tenebre:
Ganondorf ha assunto la sua forma animale, Ganon, un cinghiale gigante. Ganon si sposterà attraverso dei portali di cui ne compariranno diversi, tuttavia quello autentico si tingerà di viola. Nella prima parte del combattimento bisognerà tenere d'occhio i portali e quando Ganon comparirà bisognerà lanciare una freccia sul punto bianco sulla sua fronte e rotolare via per evitarlo, poiché, nonostante cada, andrà comunque a sbattere contro Link. Bisognerà quindi colpirlo sullo stomaco. Dopo un paio di volte bisognerà trasformarsi in lupo, posizionarsi davanti al portale e premere A quando sta per colpirvi. Midna lo afferrerà e bisognerà spostare il controller a destra o a sinistra per farlo cadere e colpirlo. Dopo due volte verrà sconfitto e Midna lo attaccherà.

Ganondorf, Re del Male, combattimento a cavallo:
Il combattimento consisterà nel seguire Ganondorf tenendolo mirato per permettere a Zelda di colpirlo con le Frecce di Luce, che lo stordiranno e permetteranno di avvicinarsi e colpirlo. Ganondorf attaccherà con la spada e lanciando sfere che materializzeranno cavalieri fantasma, i quali si possono evitare con lo sprint.

Ganondorf, Re del Male, duello:
È un duello all'ultimo sangue. Cercate di colpirlo da dietro perché ha una difesa molto alta, tenetelo sempre inquadrato con Z e appena avete chance colpitelo con il colpo in salto (quello normale, non quello caricato), uccidetelo infine col colpo di grazia.

Miniboss[modifica | modifica wikitesto]

  • Re Ook (Santuario della Foresta):

Il capo delle scimmie salterà su delle colonne e bisognerà rotolare sulle colonne per farlo cadere e colpirlo. Attaccherà lanciando il boomerang. Come premio si ottiene il Boomerang Ciclone.

  • Combattente Goron (Miniere di Goron):

Ci si troverà su una piattaforma oscillante dove bisognerà usare gli Stivali di Ferro per rimanere ancorati e afferrare il Goron che rotolerà contro Link e lanciarlo nella lava. Il premio è l'Arco dell'Eroe.

  • Insetto Ombra gigante (Lago Hylia):

Si tratta del capo degli insetti ombra, che dovrete sconfiggere in forma di lupo. Quando sarete al centro del lago, questo uscirà fuori dalle acque. Usate l'istinto per renderlo visibile, dovrete inizialmente schivare i suoi attacchi poi, quando il nemico è fermo e l'elettricità che lo avvolge scompare, lo attaccherete al punto debole (la pancia) e cadrà nel lago e dovrete quindi colpirlo ai sei tentacoletti. Ripetete la procedura fino a quando non morirà.

  • Rospo gigante (Santuario del Lago):

Per iniziare il combattimento bisognerà mettere la visuale in prima persona e guardare in alto, il rospo allora scenderà, evitate i suoi attacchi e quando salterà evitatelo seguendo l'ombra che comparirà sul pavimento, quando atterrerà avrà uno "svenimento" e porterà fuori la lingua, che bisognerà colpire con la spada. Poi lascerà delle uova, rompetene il più possibile prima che si schiudano, poi usate degli attacchi rotanti per quelle schiuse e il ciclo ripartirà per tre volte. Il premio è l'artiglio X3.

  • Spada Mortis (Patibolo del Deserto):

Dopo esser entrati in una stanza e aver tagliato delle liane il nemico si libererà dalla sua prigionia, trasformatevi in lupo e usate l'istinto, dovrete evitare i suoi attacchi e colpirlo, quando sarà visibile senza istinto diventate umani, galleggerà per aria, lo dovrete colpire con una freccia e girerà per la stanza, non preoccupatevi se andrà veloce e si avvicinerà, perché a un certo punto si fermerà e allora colpitelo, poi dovrete rifarlo senza la parte del lupo per tre volte, poi morirà. Il premio è il Disco Rotante.

  • Darkhammer (Rovine del ghiacciaio):

Il guerriero avrà un'armatura, quindi non potrà ricevere danni, la battaglia è pericolosa, ed è consigliabile avere un paio di fate. Se vi attira in un angolo usate l'artiglio per scappare e non fatevi ingannare dalle piattaforme sul soffitto perché potrete spavarvi anche sulla griglia, dovrete trovare la distanza giusta perché lui vi lanci la sua mazza, e allora dovrete essere veloci e andargli dietro per colpire la coda, dopo tre o quattro volte morirà ma il suo Martello Ferrato resterà lì e voi potrete prenderlo. E un mix tra un Lizalfos e un Ball and Chain Soldier dei precedenti giochi.

  • Titanius Magnus (Santuario del Tempo):

Non è altri che un Titanus con un'armatura ed un equipaggiamento un po' diverso dagli altri, visibile in altri giochi, in Twilight Princess è raro perché qui è più difficile, dovrete evitare i suoi attacchi e colpirlo, finché non gli cadrà un pezzo di armatura, dopo diventerà poco più veloce, ma dovrete fargli cadere ancora molti pezzi, dopodiché diventerà molto veloce e userà due spade, questa battaglia non avrà un meccanismo, dovrete proteggervi e colpirlo. Il premio è lo Scettro del Plagio.

  • Drago Guerriero (Città Eterea):

Questo drago inizialmente volerà sopra di voi, e ogni tanto vi caricherà, ma prima di farlo mostrerà lo scudo, che può essere agganciato con l'artiglio, così per un paio di volte, dopo volerà fuori e ogni tanto entrerà nella stanza, allora colpitelo o se è in aria prendetelo con l'artiglio e colpitelo per un po' di volte. Il premio è un secondo Artiglio X3, creando così l'Artiglio X6.

  • Phantom Zant (Palazzo del Crepuscolo):

È una copia di Zant e i suoi attacchi sono due: il primo è teletrasportarsi da una parte all'altra della stanza velocemente, non potrete colpirlo, questo attacco servirà a farvelo perdere di vista, l'altro sarà creare una sfera sopra di lui da cui usciranno nemici, allora potrete colpirlo, se riuscite a farlo prima che i nemici appaiano ancora meglio, l'attacco sarà recente, per cui dovrete colpirlo un po' di volte.

  • Re bulblin (Castello di Hyrule):

Dovrete colpirlo alla schiena, consiglio l'attacco alle spalle, o se non lo avete o non lo usate per proteggervi, quando attacca andategli alla schiena. Ripetete la procedura finché non sarà sconfitto. Il premio è una Chiave piccola extra che potrà aprire la "sala del tesoro" del Castello di Hyrule.

Caratteristiche del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Pietre del Vento e tecniche di combattimento[modifica | modifica wikitesto]

A Hyrule sono sparse delle pietre speciali chiamate pietre del vento, perché sembrano suonare una melodia, che Link quando è sotto forma di lupo può ascoltare e ululare. Se la melodia di Link viene eseguita correttamente, Link farà una sorta di sogno in cui incontra lo Spirito dell'Eroe, il fantasma dell'Eroe del Tempo (il Link di Ocarina of Time e Majora's Mask), sotto forma di lupo dorato, che si offre di insegnargli le tecniche leggendarie. Risvegliatosi dal sogno, Link dovrà andare nel punto segnato sulla mappa a cercarlo e lui gli insegnerà una delle 7 tecniche leggendarie. La prima volta il maestro verrà da solo e lo troverete nella Foresta di Firone, vi insegnerà il colpo di grazia.

Abilità, armamentario, oggettistica[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Link nel corso del gioco riuscirà a ottenere numerose armi e vari strumenti utili al completamento della missione principale. Molte di questi armi serviranno anche a risolvere i moltissimi minigames che costellano l'avventura, sostanzialmente questi serviranno a ottenere degli upgrade, ovvero degli avanzamenti (ad esempio facendo aumentare la capienza della faretra e del portabombe).

Inventario:

  • Spada di Legno
  • Spada di Tauro
  • Spada Suprema
  • Scudo di Tauro
  • Scudo di legno
  • Scudo di Hylia
  • Tunica dell'eroe
  • Tunica degli Zora
  • Armatura magica (difende dagli attacchi nemici consumando rupie)
  • Arco e frecce (fino a un massimo di 100)
  • Portabombe, bombe normali e acquatiche (fino a un massimo di 30 bombe per 3 portabombe)
  • Fionda
  • Artiglio X3 e Artiglio X6
  • Stivali di ferro
  • Ampolle (fino a un massimo di 4)
  • Canna da pesca
  • Lanterna
  • Disco roteante
  • Scettro del plagio
  • Boomerang-ciclone
  • Martello ferrato
  • Fischietto d'argilla

La vera novità rispetto alla tradizione della saga è l'assenza dell'abilità magica del protagonista; infatti negli altri episodi Link poteva sfruttare un'energia magica per poter usare certi oggetti o attivare determinati meccanismi, in questo caso Link non ha avrà modo di usare la magia. Questa scelta, che è stata criticata dai fan più conservatori, è in realtà coerente allo sviluppo della trama: infatti la base narrativa di questa avventura è costituita dalla lotta tra un mondo razionale e ordinario, quello di cui fa parte Link, e un mondo speculare e incantato, il Reame del Crepuscolo, dove la magia esiste ma in una forma malvagia e asservita al potere delle tenebre. Ovviamente Link, essendo umano, non può usare la magia e anzi il suo compito è quello di ricacciarla nel mondo del crepuscolo.

I comandi Wii[modifica | modifica wikitesto]

Nella versione per Wii si usano, come controller, il telecomando e il nunchuk. L'intero gioco è speculare rispetto alla versione per Gamecube, per rendere Link destrimano anziché mancino come da tradizione nella saga. Questa scelta degli sviluppatori è dovuta al fatto che la maggior parte dei videogiocatori avrebbe tenuto il Wiimote con la mano destra e se Link fosse stato mancino l'immedesimazione col personaggio sarebbe stata minore.

Telecomando Wii:

Pulsantiera:

alto: parla con Midna.

sinistra, destra, basso: utilizza gli oggetti assegnati.

A: seleziona, compi azioni.

B: utilizza oggetto assegnato, compi azioni.

+: apri l'inventario.

-: apri lo schermo degli oggetti.

1: apri la mappa.

2: mostra/nascondi la minimappa.

Nunchuk:

Control Stick: muovi Link, scorri opzioni.

C: attiva la visuale in prima persona.

Z: punta un avversario, un personaggio o un oggetto.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto vari premi, come il "Best Game for Wii and Gamecube" da parte di IGN per l'anno del 2006. NRU, una rivista italiana di videogiochi Nintendo, ha recensito il gioco nel suo sessantesimo numero, inserendolo nella top ten dei miglior giochi per Nintendo Wii, con un voto di 10/10. Nintendo Power lo ha invece classificato al quarto posto tra i giochi più belli della serie Zelda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IGN Staff, E3 2004: New Legend of Zelda Details in IGN.com, IGN Entertainment, Inc, 12 maggio 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi