La leggenda di Korra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Legend of Korra)
La leggenda di Korra
cartone
Logo originale della serie
Logo originale della serie
Titolo orig. The Legend of Korra
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autori
Sceneggiatura
Studio
Musiche
Rete Nickelodeon
1ª TV 14 aprile 2012 – in corso
Episodi 39 / 52 Completa al 75%.
Durata ep. 24 minuti
Rete it. Nickelodeon
1ª TV it. 8 dicembre 2012 – in corso
Generi avventura, fantasy
Cronologia
  1. Avatar - La leggenda di Aang
  2. La leggenda di Korra

La leggenda di Korra (The Legend of Korra) è un cartone animato statunitense trasmesso per la prima volta su Nickelodeon il 14 aprile 2012[1]. È stato creato da Michael Dante Di Martino e Bryan Konietzko come sequel del precedente cartoon Avatar - La leggenda di Aang, trasmesso nello stesso canale dal 2005 al 2008.

Come nella serie precedente, i personaggi sono in grado di "dominare" i quattro elementi (Acqua, Terra, Fuoco, Aria), ma solo una persona chiamata "Avatar" può dominarli tutti e quattro, e lui o lei è responsabile di mantenere la pace e l'equilibrio nel mondo. In questa serie, ambientata settanta anni dopo la prima serie, seguiamo Korra, l'attuale reincarnazione dell'avatar, erede dell'avatar Aang. Korra conosce già i Domini dell'Acqua, della Terra e del Fuoco e si recherà a Città della Repubblica per imparare il Dominio dell'Aria e lottare contro gli anti-dominatori rivoluzionari noti come "Paritari" '[2].

La serie, il cui stile è influenzato dall'animazione giapponese[3], è stata annunciata al Comic-Con a San Diego nel 2010[4].

Negli stati uniti la trasmissione televisiva sul canale Nickelodeon è stata sospesa a metà della terza stagione, per privilegiare quella sulle piattaforme digitali (come: Nick.com, via app, Amazon, Google Play, Xbox, Hulu). Secondo Bryan Konietzko (co-creatore assieme a Michael Dante DiMartino e produttore esecutivo) intervistato presso il San Diego Comic-Con 2014, la decisione sarebbe stata presa per concentrarsi su quel media che è risultato più seguito dagli spettatori con questa serie animata.[5]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono state trasmesse tre stagioni; una quarta è in via di trasmissione.

Libro1 : Aria[modifica | modifica wikitesto]

Korra è una ragazza di 17 anni proveniente dalla Tribù dell'Acqua del Sud. Ha appreso le tecniche del Dominio dell'Acqua, della Terra e del Fuoco sin dall'infanzia, ma deve completare l'addestramento da Avatar imparando il Dominio dell'Aria e la componente spirituale, che le saranno insegnati da Tenzin, il figlio di Aang e Katara. Per far ciò, Korra, seguirà Tenzin a Città della Repubblica, fondata dal precedente Avatar, Aang, e dal Signore del Fuoco, Zuko, dove dominatori mescolati fra loro coabitano insieme ai non-dominatori. Qui Korra vivrà le sue prime avventure come Avatar, fronteggiando una rivolta di una setta formata da non-dominatori: i Paritari (in originale Equalist), comandati dal misterioso Amon, intenzionato ad instaurare con la forza la "parità" privando del loro dominio tutti i dominatori. Durante la sua permanenza in città, Korra conosce Mako e Bolin, due fratelli orfani che lottano nel campionato di Dominio Sportivo (in originale Pro-Bending): Mako domina il Fuoco mentre Bolin la Terra. Korra si innamorerà di Mako, che però si fidanzerà con Asami Sato, la figlia del più potente industriale di Città della Repubblica, che li aiuterà nella lotta contro il subdolo Amon.

Libro 2 : Spiriti[modifica | modifica wikitesto]

Korra ha imparato a controllare lo stato dell'avatar ed è fidanzata con Mako, mantenendosi amica con Asami; tuttavia i rapporti tra i due fidanzati novelli sono tesi e difficili.

Tenzin, Korra, Mako, Bolin vanno allla tribù dell'acqua del sud, paese natale di Korra, per il festival. Va con loro anche Asami: ha bisogno di investitori per la sua azienda, e vuole contattare lo stravagante ma ricco Varrick. Sono accolti dal padre di Korra Tonraq, che è anche il capo tribù, ed aspettano l'arrivo del capo della tribù del nord: Unalaq. Costui è fratello di Tonraq e zio di Korra; fra i due capi non scorre affatto buon sangue. Unalaq è accompagnato dai suoi due lugubri figli gemelli Eska e Desna, praticamente identici sebbene di genere opposto. Unalaq al banchetto serale inizia a fare strani discorsi sull'armonia perduta fra umani e spiriti: a suo dire gli spiriti si sono incattiviti ed attaccano gli umani. Infatti non passa molto tempo che uno spirito incattivito attacca la città, e nessuno riesce a fermarlo; tranne Unalaq, che usando una tecnica di dominio dell'acqua insolita, riesce a placarne l'animo ed a disperderne il corpo immateriale. A seguito di ciò Korra ripudia Tenzin come maestro, ed accetta la richiesta di aiuto e di insegnamento dello zio.

Dal momento che Tenzin non è più un consigliere a città della repubblica, né maestro dell'avatar, decide di prendersi finalmente una vacanza con la moglie ed i figli, per andare a visitare i luoghi della memoria della nazione dell'aria. Ma si intromette sua madre, Katara, chiedendogli di portare con sé anche i suoi due fratelli: Bumi (non dominatore) e Kaia (dominatrice dell'acqua). Tenzin non è mai andato d'accordo coi fratelli, usi a coalizzarsi contro di lui, ma la madre lo ammonisce: quando sarà vecchio, rimpiangerà di non avere trascorso abbastanza tempo con la famiglia, tutta quanta.

Per placare gli spiriti Unalaq propone che l'avatar apra un portale presente al polo sud, e Korra lo accontenta nonostante il parere contrario del padre. Korra ha scoperto che il padre fu bandito dalla tribù del nord, a causa di una fallimentare caccia a dei banditi, che furono sì catturati, ma provocando la collera degli spiriti, che distrussero la città; perciò non intende ascoltarlo. A seguito dell'aperura del portale Unalaq dichiara che il portale degli spiriti va protetto e subito arrivano, evidentemente già partite da tempo, numerose navi da guerra cariche di soldati della tribù del Nord. Korra non potrebbe proteggere il portale, perché dovrebbe andare al nord ad aprire il portale gemello; l'apertura dei due portali sarebbe gradita agli spiriti, ed inoltre permetterebbe agli umani di viaggiare fra i due poli in un istante. In men che non si dica la città del sud è occupata e fortificata di ghiaccio. Proclamato il blocco navale non si può commerciare più. Gli abitanti del sud non ne sono affatto contenti; Korra non sa decidersi, mentre Unalaq è decisissimo: secondo lui le tribù devono riunirsi, e se lo fai lui, capo del nord, non si può parlare di invasione. Il popolo si accorge di avere già perduto la propria indipendenza ed inizia a cospirare.

Si organizza dunque un rapimento di Unalaq, sventato a malincuore da Korra all'estremo; ma il giusto processo promessole, si rivela una farsa: gli attentatori rischiano addirittura la pena capitale, ma si prendono comunque l'ergastolo. Korra si insospettisce e corre ad inquisire il giudice: i suoi sospetti erano fondati, egli è stato un mero esecutore di ordini. Infatti Unalaq vuole il fratello in carcere e la nipote al suo servizio, e la recita processuale per poco non funzionava. Ma il giudice continua a parlare e Korra scopre che fu sempre Unalaq a fare bandire anni fa il padre dalla tribù del nord, per potere usurpargli la carica che avrebbe altrimenti ereditato; era stato lui ad assoldare i banditi e ad ordinare loro di dirigersi verso la foresta degli spiriti. Dunque la squadra dell'avatar escogita un piano rocambolesco per far evadere Tonraq, che viene poi messo al corrente delle malefatte del fratello.


Come sfondo è presente il genio/pazzo Varrik, con cui Asami è in affari, che si scoprirà essere un personaggio mutevole e doppiogiochista. In questo contesto il tema principale sono gli spiriti in cui tutto è collegato con il primo Avatar che sia mai esistito, Raava, lo spirito della luce e Vaatu, lo spirito dell'oscurità.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente è stata concepita come miniserie composta da 12 episodi[6], ma in seguito al successo della serie è stato deciso di suddividerla in tre stagioni per un totale di 52 episodi[7]. I creatori hanno diviso le quattro stagioni in quattro "libri" in cui raccontare storie autonome. Molti produttori e doppiatori impiegati in Avatar - La leggenda di Aang sono tornati anche a lavorare in questa serie, come per esempio il designer Joaquim Dos Santos e il compositore Jeremy Zuckerman.

La serie ha ricevuto una media di 3,7 milioni di ascolti quando il Libro Primo: Aria è stato trasmesso da aprile a giugno 2012.

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 12 2012 2012
Seconda stagione 14 2013 inedita
Terza stagione 13 2014 inedita
Quarta stagione 13 2014 inedita

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Korra: protagonista della serie, è la nuova reincarnazione dell'avatar. L'esatto opposto di Aang, Korra è impulsiva e attaccabrighe. Ha già imparato a dominare acqua, terra e fuoco (quest'ultimo dominio le è particolarmente congeniale) e segue Tenzin a Città della Repubblica per apprendere le tecniche del dominio dell'aria. Padroneggia perfettamente la componente "fisica" di tutti i domini che ha imparato, ma non riesce ad afferrare la componente spirituale. A Città della Repubblica partecipa al torneo di Dominio Sportivo unendosi alla squadra formata da Bolin e Mako. Nella seconda stagione, Korra deve fare i conti con la "Convergenza Armonica": l'evento avvenuto 10000 anni prima che ha dato inizio al ciclo degli Avatar, per cui dovrà imparare ad entrare nel mondo degli spiriti attraverso la meditazione, cosa per lei molto ardua. Alla fine, una volta risolta la crisi, Korra decide di tenere aperti i portali per il mondo degli spiriti, chiusi durante la precedente Covergenza Armonica da Wan, il primo Avatar. Nella terza stagione deve far fronte alle conseguenze della Convergenza Armonica: l'occupazione di Città della Repubblica da parte degli spiriti, l'acquisizione da parte di molti non-dominatori del dominio dell'aria, e l'evasione di un gruppo di criminali anarchici capeggiati da Zaheer, un nuovo dominatore dell'aria intenzionato a mettere fine al ciclo degli Avatar. Alla fine della seconda stagione, la temporanea separazione da Raava ha fatto sì che Korra perda la capacità di comunicare con le sue vite precedenti.
Doppiata in italiano da: Domitilla D'Amico
  • Mako: amico di Korra conosciuto a Città della Repubblica durante gli incontri di Dominio Sportivo, è un dominatore del fuoco. Dopo la morte dei loro genitori, si è sempre preso cura del fratello minore Bolin, cosa che lo ha reso molto responsabile ma anche molto severo e chiuso in se stesso. Si unisce a Korra nella lotta contro Amon, capisce poi di essere innamorato di Korra e si mettono insieme, per poi lasciarsi nella seconda stagione. Nella terza stagione aiuta l'Avatar nella ricerca dei nuovi dominatori dell'aria e nel contempo, ritrova assieme al fratello la parte della sua famiglia rimasta a Ba Sing Se.
Doppiato in italiano da: Daniele Raffaeli
  • Bolin: fratello minore di Mako e come lui lottatore di Dominio Sportivo, è un dominatore della terra. Non si separa mai dal suo fido amico Pabu, un furetto del fuoco. A differenza di Mako, Bolin è un ragazzo vivace e burlone che a volte commette qualche leggerezza di troppo. Anche lui combatte contro Amon al fianco di Korra. Nella seconda stagione inizia la carriera di attore ed aiuta Asami nella gestione della sua azienda e, nel frattempo, deve fare i conti con un quasi matrimonio con Eska, la fredda ed inquietante cugina di Korra. Nella terza stagione, dopo aver ritrovato insieme a Mako la propria famiglia a Ba Sing Se, si innamora di Ophal, nipote di Lin Beifong, e, in preda ad una crisi dovuta alla propria incapacità di dominare il metallo, scopre di poter dominare la lava.
Doppiato in italiano da: Gabriele Patriarca
  • Asami Sato: figlia del più potente industriale di Città della Repubblica, non è una dominatrice ma si avvale della tecnologia del padre e di una grande abilità nel combattimento per sconfiggere i nemici dell'Avatar. Ha una relazione con Mako, e convince il padre a sponsorizzare la squadra di Dominio Sportivo formata da lui, Bolin e Korra.
Doppiata in italiano da: Valentina Mari
  • Tenzin: figlio di Aang e Katara, insegna a Korra il dominio dell'aria. Vive a Città della Repubblica sull'isola del Tempio dell'Aria con la sua famiglia. È uno dei consiglieri di Città della Repubblica. A differenza dei fratelli Bumi e Kya è di temperamento piuttosto serio, mantiene sempre un eccessivo controllo di se stesso perdendolo in rarissime occasioni. A causa di questa differenza così marcata con il carattere di Korra, inizialmente avrà dei problemi a relazionarsi con lei.
Doppiato in italiano da: Roberto Draghetti
  • Lin Beifong: figlia di Toph e capo della polizia di Città della Repubblica. Estremamente severa e ligia al dovere, in rari casi mostra il suo lato tenero, soprattutto in presenza di Tenzin, col quale ebbe una storia in passato, che lei non ha ancora superato. Come la madre Toph, oltre al dominio della terra, esercita anche quello del metallo; inoltre ha l'abilità di "vedere" per mezzo delle vibrazioni del terreno. Talvolta sfrutta quest'ultima abilità scalzandosi e dando un potente calcio al terreno.
Doppiata in italiano da: Isabella Pasanisi

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • Katara: moglie dell'avatar Aang e madre di Bumi, Kya e Tenzin; è una dominatrice dell'acqua, del sangue, e guaritrice fra le migliori.
  • Aang: l'avatar precedente a Korra e deceduto da anni; appare talvolta in forma di spirito per aiutare Korra, od il figlio Tenzin.
  • Pema: moglie di Tenzin e madre di Jinora, Ikki, Meelo e l'ultimo arrivato Rohan. Non è una dominatrice.
  • Jinora: Figlia primogenita di Tenzin e Pema, è una dominatrice dell'aria. È la più posata e studiosa.
  • Ikki: Figlia secondogenita, e dominatrice dell'aria, Ikki è molto vivace ed impicciona. È capace di parlare tantissimo ma senza che le sfugga nulla. [8]
  • Meelo: Figlio terzogenito e dominatore dell'aria; gli piace la compagnia dei lemuri volanti, ed ha una ammirazione per Asami.
  • Rohan: Figlio quartogenito.
  • Generale Iroh: nipote di Zuko e comandante della flotta delle Nazioni Unite, riesce a risollevare le sorti della lotta contro Amon giungendo a Città della Repubblica in un momento di grave difficoltà. Alto e formoso, è un dominatore del fuoco.
Doppiato in italiano da: Marco Vivio
  • Tonraq: Padre di Korra, in gioventù era a capo della sicurezza presso la tribù dell'acqua del nord, ma per catturare dei banditi fu costretto a danneggiare un luogo sacro agli spiriti, che si vendicarono sulla città. A seguito di tali fatti fu espulso, e trovò riparo presso la tribù del sud, ove col tempo divenne capo. È alto e possente, ed è un dominatore dell'acqua.
  • Varrick: Stravagante inventore e commerciante, originario della tribù dell'acqua del sud, è diventato ricchissimo e vive nel lusso più assurdo: animali esotici, bizzarri costumi, tecnologie sperimentali, cortigiani annuenti, sono all'ordine del giorno ovunque vada. Possiede pescherecci, navi militari, aerei. Non è cattivo, ma nella conduzione dei suoi affari è del tutto spregiudicato. Non muove un passo senza la sua segretaria Zhu-Li. Non ha mai mostrato abilità di dominio.
  • Zhu-Li: Inseparabile segretaria di Varrick, lo segue ovunque e gestisce i suoi impegni che Varrick, essendo disorganizzatissimo, non potrebbe gestire.
  • Bumi: Figlio primogenito dell'avatar Aang e Katara, fratello di Tenzin e Kya; è un non dominatore. Ha servito per la marina del Regno del fuoco per molti anni, per poi ritirarsi ed aiutare il fratello Tenzin e l'avatar Korra. È un grandissimo burlone e non prende mai nulla sul serio (in questo è un poco simile al vecchio Re Bumi di Omashu, amico del padre), ma è una posa per mascherare il suo disagio interiore: avrebbe voluto tanto essere anche lui un dominatore dell'aria, e non deludere suo padre.
  • Kya Figlia dell'avatar Aang e di Katara, sorella di Tenzin e di Bumi; è una dominatrice dell'acqua e guaritrice. Ha un carattere solitamente gentile e premuroso, va molto d'accordo con i piccoli nipoti.
  • Zuko: l'anziano Signore del fuoco, che ha ormai ceduto lo scettro alla figlia Honora, fu nemico e amico del precedente Avatar. Sotto il suo regno i draghi sono tornati, ed usualmente lui si sposta in groppa ad uno di essi. È uno dei capi del nuovo Loto Bianco, si occupava di organizzare la sicurezza dell'avatar, e di custodire pericolosi criminali, a cui dà la caccia allorché evadono.
  • Iro: il vecchio Iro zio di Zuko, il generale, il membro del Loto bianco, l'amante del tè, è deceduto da molti anni ormai; ma il suo spirito è in attesa di reincarnarsi nel mondo degli spiriti, ed incontra gli altri protagonisti quando capita loro di avventurarsi in quel particolare mondo.
  • Eska e Desna: figli gemelli di Unalaq, Eska è femmina e Desna maschio; a distinguerli solo un velo di trucco ed alcuni accessori fra i capelli di Eska. Sono molto affiatati ed indossano sempre vesti larghe, coprenti e lugubri. Si dicono insoddisfatti di tutto e sempre annoiati. Sono dominatori dell'acqua.

Cattivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Amon: il capo dei Paritari, una setta rivoluzionaria di non dominatori che intende stabilire con la forza una specie di parità fra persone capaci di dominare, a loro dire degli oppressori, e chi non ne è capace. Amon loro capo è l'unica persona al mondo con la capacità di privare del dominio qualunque dominatore, e sostiene che gli sia stata donata dagli spiriti, che gli parlano. I suoi seguaci invece usano tecnologia moderna (guanti metallici ad elettroschock, esoscheletri metallici), e arti marziali bloccanti (colpiscono punti di pressione e muscoli) in grado di bloccare temporaneamente il dominio. Indossa una maschera che gli copre il volto per celare la propria identità, ma il suo vero nome è Noatak, ed è un dominaotore dell'acqua dall'incredibile potere sul sangue, che può dominare senza luna piena.
Doppiato in italiano da: Pasquale Anselmo
  • Tarrlok: consigliere di Città della Repubblica (rappresenta la tribù dell'acqua del Nord; il consiglio è composto da un membro per ciascuna nazione) che cerca di costringere Korra a combattere al suo fianco nella lotta repressiva contro Amon e i Paritari. È un dominatore dell'acqua e, segretamente, sa dominare il sangue senza luna piena.
Doppiato in italiano da: Massimo Bitossi
  • Hiroshi Sato: padre di Asami, è il più potente industriale di Città della Repubblica. Korra scoprirà che è un segreto sostenitore dei Paritari, nonché loro principale fornitore di mezzi di trasporto e armi che producono scosse elettriche in grado di neutralizzare i dominatori.
  • Unalaq: Capo della tribù del nord e padre di Eska e Desna. Alto e magro, la sua ambizione è insaziabile; è un dominaore dell'acqua, e conosce tecniche di pacificazione degli spiriti.

Nel corso della serie tornano i protagonisti della prima serie Avatar - La leggenda di Aang in età adulta ma vengono mostrati solo sottoforma di flashback. Katara, Zuko, Sokka e Azula saranno presenti nella serie anche se a volte solo per poco.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

In Agosto del 2012, Variety ha riportato che Paramount Animation, una compagnia sorella di Nickelodeon, ha iniziato un progetto di vari film animati, con budgets attorno ai 100 milioni di dollari. Secondo Variety, un possibile candidato per uno dei film è The Legend of Korra[9] Il creatore della serie Bryan Konietzko ha scritto nel suo blog che lui e Michael Dante DiMartino "piacerebbe scrivere/dirigere un film d'animazione di Korra qualche volta", nessun film è in progetto attualmente[10]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella precedente serie era presente uno sfortunatissimo e comico venditore di cavoli, la cui merce andava sempre perduta: ora perché Aang gli butta un cassone contro, poi gli viene distrutta dalla dogana di Omashu; fuggiva verso Ba Sing Se e la sicurezza (con appresso animali enormi) gliela fa divorare, ed altre sventure ancora. Nella serie di Korra scopriamo che riuscì a fare fortuna finalmente presso Città della repubblica: i suoi discendenti gli hanno dedicato una statua[11], ma non si occupano più di commercio di verdure, bensì con la Cavolo Corporation sono diventati industriali, e sono diretti concorrenti delle Industrie Futuro di Hiroshi Sato, il padre di Asami.
  • Nei cassetti delle scrivanie, di qualunque posto, fa spesso comparsa uno strano libbricino con la copertina gialla e stampataci sopra su sfondo rosso una figura umana in posa da combattimento a torso nudo e capelli corti.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premiere del cartone animato statunitense
  2. ^ Legend of Korra, i creatori del nuovo spinoff
  3. ^ Possono gli americani creare degli anime?
  4. ^ Avatar: La Leggenda di Korra, dettagli al Comic-con
  5. ^ Francesca Camerino, The Legend of Korra, la serie animata passa dalla tv al web, 28-07-2014. URL consultato il 03-08-2014.
  6. ^ La Leggenda di Korra, i creatori parlano
  7. ^ Nickelodeon ordina la seconda stagione
  8. ^ Nell'episodio 8 del libro 1, Bolin le fa delle domande a raffica per canzonarla del suo modo didascalico di introdurli al tempio dell'aria, ma Ikki riesce a rispondergli meccanicamente senza battere ciglio
  9. ^ progetto per un film animazione come il predecessore.
  10. ^ Attualmente nessun progetto per un film collegato a questa serie.
  11. ^ Visibile per un momento dell'episodio 6 del libro 1
  12. ^ Si può vedere sia nella centrale di polizia di Città della Repubblica (episodio 5 libro 2), che nell'albergo del deserto del Regno della Terra (episodio 9 libro 3)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]