The Last International Playboy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Last International Playboy
Titolo originale The Last International Playboy
Paese di produzione USA
Anno 2008
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia drammatica
Regia Steve Clark
Soggetto Steve Clark
Sceneggiatura Steve Clark, Thomas Moffett
Fotografia Brian Burgoyne
Montaggio Connor Kalista
Scenografia Amanda Ford
Interpreti e personaggi

The Last International Playboy è un film drammatico del 2008 diretto da Steve Clark.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Jack Frost ha trascorso gli ultimi sette anni (dopo il suo unico libro pubblicato) in un “uragano di sesso” e alcolismo, tanto da essere riconosciuto da tutti come un grande playboy. Le sue giornate si consumano in modo vuoto e inconcludente in un orizzonte di dissipazione, tra party in compagnia di modelle e qualche passeggiata per le vie della città.

Ma questa routine finalmente viene interrotta quando il suo primo amore gli comunica che sta per sposarsi. Jack si rifiuta di accettare che l'unico riferimento rimasto nella sua vita, un'amica vera, con la quale ha condiviso tutto fin da quando erano bambini (e si erano giurati di sposarsi), sta per prendere marito. Nel frattempo Kate, giornalista di un noto magazine, s'interessa alla sua storia personale e finisce con l’innamorarsi di lui, mentre Sophie, una ragazzina di undici anni, diventa sua amica. C'è anche un'altra amica di Frost che ha un disperato bisogno d'aiuto: è una tossicomane, anoressica e aspirante suicida. Il protagonista fa di tutto per salvarla. E finalmente tutto cambia proprio nel momento in cui accompagna Ozye a ricoverarsi in una clinica per disintossicarsi. Da questo gesto disinteressato nasce un nuovo Frost, quello che viene simboleggiato dalla presenza accanto a lui dell'amica undicenne (un angelo?): la parte ancora pura, la sua anima intatta, dopo che lui ha toccato il fondo, lo porta a una risurrezione dolorosa, inattesa e meravigliosa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema