The King of Fighters XIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The King of Fighters XIII
The King of Fighters XIII (logo).jpg
Sviluppo SNK Playmore
Pubblicazione SNK Playmore
Data di pubblicazione 14 luglio 2010[1]
Genere Picchiaduro a incontri
Modalità di gioco Single Player, Multiplayer
Piattaforma Arcade

The King of Fighters XIII è il tredicesimo episodio della serie di videogiochi The King of Fighters, pubblicato dalla casa editrice giappone SNK Playmore. L'anteprima del gioco è stata presentata al pubblico il 25 marzo 2010 ad Akihabara.[2]. Il gioco conclude la storia di Ash Crimson, protagonista della serie a partire da The King of Fighters 2003.[3] Il principale designer del videogioco, Yamamoto, ha dichiarato che voleva che il gioco potesse essere giocato dai fans della serie sulla base della propria esperienza con i titoli precedenti. Inoltre non voleva che il gioco fosse troppo simile ai suoi predecessori, nonostante la precisa volontà di replicare il fascino dei precedenti titoli.[4] Il 25 novembre 2011 è uscito negli stati uniti, il 2 dicembre in Europa e in giappone nelle le versioni per PlayStation 3 e Xbox 360.[5]

Caratteristiche, Storia e Squadre[modifica | modifica sorgente]

Il gioco presenta come nei precedenti King of Fighters le stesse caratteristiche degli scontri 3 su 3, con l'aggiunta di poter concatenare più super mosse, nonché supermosse più ultramosse. All'inizio di ogni scontro vi sono diverbi tra i componenti delle squadre, esattamente come accadeva nel cross-over Snk vs Capcom SvC: Chaos. Le squadre sono formate da alcune presenti già in King of Fighters XI e questo tredicesimo capitolo conclude la cosiddetta "Saga di Ash" iniziata nel 2003. Ash Crimson, precedentemente il leader dell'Hero Team, fa la sua comparsa da singolo (come Iori Yagami in KoF '97 e Kyo nel KoF '99) mentre Elisabeth diviene il nuovo leader dell'Hero Team, insieme a Duo Long e Shen Woo, pronta a fermare Ash che intanto sembra essersi "dimenticato" della sua missione (in seguito si scoprirà che la loro missione era fermare "Coloro che venivano dal passato", una setta che ha l'intenzione di risvegliare il potere di Orochi ed utilizzarlo per i piani del loro leader). Kyo Kusanagi come sempre ha le compagnie di Benimaru Nikaido e Goro Daimon, mentre un Iori Yagami depredato della sua fiamma viola (è stato Ash a rubargliela come ha già fatto con Chizuru Kagura) recupera, ancora una volta, le compagnie di Mature e Vice (vestite da segretetarie come apparivano in KoF '94 e KoF '95) entrambi pronti a fermare i piani di Ash Crimson. Shingo Yabuki, autoproclamatosi da tempo allievo di Kyo, rimane dietro le quinte a sorvegliare lo stato di Chizuru costretta su una sedia a rotelle. Stessa sorte per Blue Mary Ryan e l'Agent Team (Vanessa Veleno, Seth e Ramon Diablo) che collaborano col la figura di Heidern, pronti anche loro a fermare i piani di Ash e di "Coloro che provengono dal passato". Chang Koehan e Choi Bonge vengono estromessi dal Korea Team in quanto al loro posto si presenteranno Hwa Jey (thailandese) e Raiden (australiano), visti entrambi nel primissimo Fatal Fury come guardie del potente Geese Howard ed assenti nei successivi giochi. Fuori anche Adelheid Bernstein sia come giocatore che come boss, in questo capitolo cercherà di capire perché sua sorella Rose ha voluto essere lo sponsor del torneo (in realtà è Botan, una dei componenti di "Coloro che vengono dal passato" a giostrarla come una marionetta). Ritorna la figura di Takuma Sakazaki,assente nel capitolo XI perché ferito, molto probabilmente, da Eiji Kisaragi, nemico storico dei Sakazaki, assente in questo capitolo. Boss finali sono Saiki, ovvero ancestore di Ash, e Ash medesimo in versione dark, più potente della versione standard.

Japan Team

  • Kyo Kusanagi
  • Benimaru Nikaido
  • Goro Daimon

Art of Fighting Team

  • Ryo Sakazaki
  • Robert Garcia
  • Takuma Sakazaki

Hero Team

  • Elisabeth Blanctorche
  • Duo Long
  • Shen Woo

Fatal Fury Team

  • Terry Bogard
  • Andy Bogard
  • Joe Higashi

K' Team

  • K'
  • Maxima
  • Kula Diamond

Kim Team (ex Korea Team)

  • Kim Kaphwan
  • Hwa Jey
  • Raiden

Ikari Team

  • Ralf Jones
  • Clark Still
  • Leona Heidern

Woman Fighters Team

  • King
  • Mai Shiranui
  • Yuri Sakazaki

Yagami Team

  • Iori Yagami
  • Mature
  • Vice

Psycho Soldiers Team

  • Athena Asamiya
  • Sie Kensou
  • Chin Gentsai

Entrate Singole

  • Ash Crimson

Boss:

  • Saiki (versione red e potenziata)
  • Ash Crimson (versione dark e potenziata)

Le versioni casalinghe prevedono l'aggiunta di:

  • Saiki (versione depotenziata standard)
  • Billy Kane
  • EX Iori Yagami
  • EX Kyo Kusanagi
  • Mr. Karate

Nonché per quanto riguarda i costumi:

  • Raiden: versione Big Bear di Fatal Fury
  • K': costume per metà rosso e metà blue
  • Yuri Sakazaki: costume presente fino a KoF '99
  • Kyo Kusanagi: costume presente fino al KoF '98
  • Takuma Sakazaki: costume da Mr. Karate
  • Andy Bogard: costume ninja
  • Elisabeth Blanctorche: costume del KoF XI
  • Joe Higashi: costume con pantaloncino tigrato

EX Iori Yagami presenta le fiamme viola ed è sostanzialmente quello apparso fino al 2001. Lo stesso dicasi per EX Kyo Kusanagi, che presenta l'uniforme della saga NEST.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The King of Fighters XIII Details, 25 marzo 2010. URL consultato il 25 marzo 2010.
  2. ^ King of Fighters XIII Akihabara event details, SNK Playmore, 25 febbraio 2010. URL consultato il 25 febbraio 2010.
  3. ^ Gantayat, Anoop, King of Fighters XIII Formally Announced, IGN, 25 marzo 2010. URL consultato il 26 marzo 2010.
  4. ^ (JA) KOF XIII のシステム, SNK Playmore, 21 aprile 2010. URL consultato il 3 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2010).
  5. ^ Cinque nuovi personaggi in The King Of Fighters XIII

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi