The King of Fighters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

The King of Fighters (ザ・キング・オブ・ファイターズ, Za Kingu obu Faitāzu), solitamente abbreviato KoF, è una serie di videogiochi picchiaduro a incontri ideata dalla SNK.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo capitolo della serie fu The King of Fighters '94 e fu ideato come gioco in cui utilizzare personaggi di saghe SNK diverse che, nello specifico, erano Art of Fighting, Fatal Fury, Ikari Warriors e Psycho soldier.

Il responso positivo fece sì che la SNK iniziasse a produrre dei nuovi capitoli con cadenza annuale e, per evitare che i giochi vecchi perdessero di interesse come accade con i titoli sportivi, l'azienda giapponese cambiava parte dei personaggi ad ogni incarnazione della serie.

Dal 2004 la SNK abbandona la nomenclatura "annuale" in favore di quella "numerica" e il primo gioco ad avere il titolo nuovo è l'undicesima iterazione del franchise.

Quello stesso anno la software house giapponese prova anche a portare la sua celebre saga nel mondo del 3D con la serie Maximum Impact

Le consoles su cui The King of Fighters è stato convertito sono numerosissime: Neo Geo CD, Neo Geo Pocket, Game Boy e Game Boy Advance, N-Gage, Sega Saturn e Sega Dreamcast, PlayStation e PlayStation 2, PC e Xbox.

Serie videoludica[modifica | modifica sorgente]

Capitoli 2D[modifica | modifica sorgente]

Capitoli 3D[modifica | modifica sorgente]

Crossovers[modifica | modifica sorgente]

Serie "SNK vs. Capcom"

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Cambiamenti negli anni[modifica | modifica sorgente]

La serie di picchiaduro bidimensionali The King of Fighters, sviluppata dalla SNK Playmore mette a disposizione numerosissimi personaggi, di cui una piccola parte estratti anche da altre serie SNK.

La serie è ambientata nei giorni nostri, in base alla collocazione temporale specificata nel titolo (esempio "The King of Fighters '97 è ambientato nel 1997), ed ogni anno si svolge un torneo d'arti marziali in cui gruppi di 3vs3 o 4v4 combattenti si sfidano, sino a che il migliore rimane in piedi.

Il primo protagonista, Kyo Kusanagi, un giovane duellante, erede di una famiglia capace di usufruire di potere pirocinetici, è stato il primo protagonista della saga. Nemici principali di Kyo sono Iori Yagami, appartenente alla famiglia rivale, e Orochi, l'oscuro demone portatore di morte e distruzione.

La saga di Kyo dura per i primi quattro "The King of Fighters"; dal '99 in poi, alla storia viene concesso un nuovo protagonista, K', clone di Kyo alla ricerca della NESTS, associazione di cui gli scagnozzi lo rapirono in gioventù e gli rimosero tutti i ricordi dell'età puberale, per renderlo loro mastino da battaglia.

In The King of Fighters 2003 si dà una risvolta alla trama ancora una volta, con, questa volta, protagonista Ash Crimson, entrato nel torneo per appropriarsi dei poteri dei Clan sigillatori di Orochi in tempi remoti.

A fare la loro comparsa come nuovi antagonisti della saga sono i "Reduci dei tempi antichi" , anch'essi alla ricerca dei poteri dell'Orochi, per renderli al loro misterioso ed a noi ignoto Maestro.

L'idea base del gioco è pervenuta dalla leggenda Yamata no Orochi, mentre ci sono alcuni personaggi che, volontariamente, citano moltissimi protagonisti e non comparsi in numerosissimi film, anime e manga.

Molti dei personaggi, oltre ad esser stati giudicate da molte riviste specializzate nel campo dell'intrattenimento videoludico, ma criticati per una lenta o nulla evoluzione nel corso delle serie, sono anche comparsi come portachiavi ed action figure.

Riot of the Blood[modifica | modifica sorgente]

Il Riot of the Blood o Rigurgito di sangue è uno stato di pazzia finzionale in cui cadono alcuni personaggi di King of Fighters.

Esso è causato dal risveglio del potere di Orochi nel loro corpo, che li spinge ad una pazzia omicida in cui tutto ciò che osservano è di colore rosso, e possono trovare quiete soltanto nell'uccidere chiunque si pari loro davanti.

Di solito colpisce solo coloro che hanno due linee di sangue come nel caso di Iori Yagami e Leona Heidern.

Esso viene attivato quando i guerrieri di Orochi si trovano vicino al portatore. Quando Iori Yagami va in modalità "Riot of the Blood" egli diventa simile ad un lupo, il cui unico scopo è lacerare le carni dei suoi avversari esprimendo solo la parola "Kill".

Quando Leona va in modalità "Riot of the Blood" diventa come una fiera selvaggia e miagola durante il combattimento.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Card game[modifica | modifica sorgente]

Nel dicembre 2006 la Sabertooth Games ha rilasciato il The King of Fighters 2006 Collectable Card Game insieme al Samurai Showdown V per il suo Universal Fighting System (abbreviato UFS).

Suddetto sistema di gioco include anche dei set dedicati alla serie di Street Fighter e a Soul Calibur III. I personaggi di partenza per il set di The King of Fighters erano Terry Bogard e Mai Shiranui.

Il gioco è inedito in Italia.

Cartoni[modifica | modifica sorgente]

Esiste una miniserie di cartoni chiamata The King of Fighters: Another Day prodotta dalla Production I.G e composta da 4 episodi di circa 10 minuti l'uno. Gli episodi sono raccolti in un unico dvd, inedito in Italia.

Film[modifica | modifica sorgente]

Il film The King of Fighters, pubblicato il 4 novembre 2009, è stato diretto da Gordon Chan e vede Sean Faris nei panni di Kyo Kusanagi, Maggie Q in quelli di Mai Shiranui, Will Yun Lee che interpreta Iori Yagami e Ray Park nel ruolo di Rugal Bernstein.

Fumetto[modifica | modifica sorgente]

Esiste un manhua dedicato alla serie di The King of Fighters, si chiama The King of Fighters Zillion ed è a opera di Andy Seto. Suddetto fumetto è stato pubblicato anche in Italia ad opera della Jade Comics con cadenza mensile a partire da settembre 2001 in 17 numeri.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Clark Steel e Ralph Jones sono presenti anche in Metal Slug 6 come personaggi giocabili.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]