The House of the Dead (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

The House of the Dead (abbreviato in HOTD) è una serie di videogiochi sparatutto in prima persona, prodotti da SEGA.

Attualmente ferma dal 2005, la serie ha prodotto quattro episodi House of the Dead usciti originalmente come titoli arcade. Le caratteristiche salienti della serie vanno dal cercare degli elementi per sbloccare bonus durante il percorso, ad una storia via via rivelata attraverso numerose scene non interattive e capitoli di gioco. Nel 2009 è uscito un capitolo esclusivamente sulla console Wii chiamato The House of the Dead: Overkill sviluppato da Headstrong Games in collaborazione con SEGA. Gli sviluppatori all'annuncio del gioco hanno tenuto a precisare che questo sarà "il gioco hardcore che aspettavate su Wii".

Sono stati prodotti inoltre diversi spin-off che differiscono dalla storia originale, così come due film ispirati al gioco. In più, alcuni personaggi nemici selezionati che appaiono nei primi due giochi della serie sono stati adattati in action figure dalla Palisade Toys, che cancellò la seconda linea di questi giocattoli prima dell'uscita sul mercato a causa di scarse vendite della prima serie.

Serie principale[modifica | modifica sorgente]

The House of the Dead (1996)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead.

In data 18 dicembre 1998, il pazzo e disilluso dottor Roy Curien pianifica di mobilitare le sue armate di non-morti verso l'umanità. Gli agenti Thomas Rogan e G dell'agenzia AMS vengono mandati nella sua residenza per sventare i suoi piani criminali e salvare Sophie Richards, dipendente di Curien e fidanzata di Rogan.

The House of the Dead 2 (1998)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead 2.

Il 26 febbraio 2000 Goldman, l'uomo dietro la magione Curien, fa ritorno per reclamare il suo dominio. Rafforzato dal suo odio per l'umanità e dalla totale mancanza di lucidità verso il suo obiettivo, Goldman inizia un attacco in una città simile a Venezia mentre prende forma la sua creatura più forte: l'Imperatore. Viene mandato inizialmente l'agente G ma, avendone perso le tracce, l'AMS decide di inviare altri quattro agenti: James, Gary, Amy e Harry.

The House of the Dead III (2002)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead III.

Nel mondo post-apocalittico del 2019, Thomas Rogan e il suo team di commando si infiltra nell'EFI Research Facility nella speranza di trovare le cause del disastro sul pianeta. Avendo perso i contatti con lui, sua figlia Lisa Rogan e il suo compagno G organizzano una missione di ricerca e soccorso ma, inconsapevoli di quello che li attende, ha radici nel passato ed è collegato con l'orda di non-morti.

The House of the Dead 4 (2005)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead 4.

Nel 2003 il veterano agente dell'AMS James Taylor e la recluta Kate Green, investigando sull'Incidente Goldman del 2000, rimangono scioccati nel scoprire che i non-morti di tre anni prima sono ritornati in seguito ad un terremoto sotterraneo. Intenti a prevenire un disastro nucleare, l'AMS dovrà nuovamente affrontare la minaccia di Goldman, che tutti credevano morto.

The House of the Dead: Overkill (2009)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead: Overkill.

Nel 1991 l'agente G, al suo primo incarico, deve indagare su misteriose sparizioni in Louisiana; pertanto, si unisce alle squadre di polizia locale comandate da Isaac Washington. Durante le indagini, incontrano orde di zombie e di mutanti a Bayou City.

Spin-off[modifica | modifica sorgente]

Zombie Revenge (1999)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Zombie Revenge.

Un piano del governo top-secret di utilizzare i morti per scopi militari chiamato "UDS", Undead Soldier è gettato nel buio da qualche entità sconosciuta. Un anno dopo, la città diventa devastata dagli zombie. Tre dei migliori agenti dell'AMS, Stick Breitling, Linda Rotta e Rikiya Busujima, vengono inviati per eliminare il nemico e rintracciare il misterioso leader di questo attacco, conosciuto solo come "Zed".

The Typing of the Dead (2000)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Typing of the Dead.

Il gioco si svolge contemporaneamente a The House of the Dead 2.
Il 26 febbraio 2000 un altro focolaio di zombie si è verificato e diversi agenti dell'AMS sono stati spediti a indagare. Il giocatore può controllare due personaggi, James e Gary, che vengono prima inviati a trovare l'agente "G", e successivamente il compito diventa ristabilire l'ordine. La responsabilità per le esplosioni è presto individuata in "Goldman", un magnate del settore bancario e scienziato che sta tentando di eliminare il controllo umano sulla terra. Gran parte del gioco ruota intorno a distruggere le creazioni di Goldman, concludendo con il boss finale, "l'Imperatore". Ci sono tre possibili finali umoristici, dipende da come le domande finali fatte dopo la sconfitta dell'Imperatore sono state ascoltate.

The Pinball of the Dead (2002)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Pinball of the Dead.

Un semplice flipper, basato sulla trama di The House of the Dead 2. Esso contiene tre tabelle, una modalità "Challenge" e una modalità "Free Play" per la riproduzione di qualsiasi il giocatore desideri. I bonus sulle tavole coinvolgono cose come colpire gli Zombie con la palla, raccogliere le lettere della parola "House" e utilizzare la palla per sconfiggere i boss di The House of the Dead 2.

The Typing of the Dead II (2004)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Typing of the Dead II.

La storia è esattamente la stessa di The House of the Dead III.
Il gioco ha due modalità: modalità "Survival" (basata sul gioco originale, consiste nel passare i sei capitoli di The House of Dead III) e la modalità "Battle" (consiste nell'uccidere il maggior numero possibile di zombie in un dato tempo).

The House of the Dead 2 & 3 Return (2008)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead 2 & 3 Return.

È una re-release di The House of the Dead 2 e III per Nintendo Wii. Le nuove versioni sono in gran parte uguali a quelle originali, fatta eccezione per alcune modifiche minori.
Un nuovo attacco in mischia può essere usato per difendersi, e il gioco è compatibile con Wii Zapper.

English of the Dead (2008)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi English of the Dead.

Un gioco di formazione linguistica.
Utilizzando una versione di The House of the Dead 2 sul Nintendo DS, il gioco sfida i giocatori a tradurre correttamente le parole in inglese dal giapponese, al fine di scongiurare gli Zombie avversari.
Il gioco presenta diverse modalità, tra cui una in cui gli Zombie parlano inglese ad alta voce e i giocatori (tramite l'uso del microfono) devono tradurre quello che dicono.

The House of the Dead: EX (2009)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The House of the Dead: EX.

Uno spin-off molto "casual" dei giochi principali e aggiunge un tocco di umorismo e di ilarità alla serie.
Il giocatore può controllare anche Zobio e Zobiko, una giovane coppia di Zombie, che cercano di scappare dalla prigionia. In contrasto con il gameplay generale della serie, i livelli di EX sono costituiti da una serie di minigiochi. Le sezioni sono suddivise in diversi percorsi, alcuni dei quali utilizzano la lightgun, come il lancio delle mele, e altri che utilizzano un pedale della macchina, come stomping su ragni. L'obiettivo di ogni livello è quello di soddisfare una quota entro il tempo limite.

Film tratti dal videogioco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi House of the Dead (film), Cacciatori di zombi e Dead & Deader.

Nel 2003 è uscito il primo film, diretto da Uwe Boll e prodotto da Brightlight Pictures. Al film venne data poca diffusione nelle sale con l'intento di farlo diventare un cult, e si presentò come un vago prequel al videogioco, ma ricevette recensioni negative ed uscì dalla programmazione delle sale.

Nel 2004, un sequel del primo film è stato dato alla luce. Il regista originale era impossibilitato a dirigere il film a causa di impegni con altri suoi film, e fu scelto Michael Hurst per prendere il suo posto.

Durante il 2006, un altro sequel è stato annunciato. Mark Altman co-fondatore della Mindfire Entertainment ha reso noto che "Vi è un approccio completamente differente al materiale rispetto ai primi due film e dubito che verrà mai chiamato House of the Dead 3." [1]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • I boss presenti nei vari giochi della saga portano nomi di carte dei tarocchi dei Trionfi (o Arcani Maggiori).