The House of the Dead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The House of the Dead
Sviluppo SEGA
Pubblicazione SEGA
Serie The House of the Dead
Data di pubblicazione 1997
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Orrore
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Arcade, Sega Saturn, Microsoft Windows
Distribuzione digitale PlayStation Network
Periferiche di input Light gun
Seguito da The House of the Dead 2

The House of the Dead è il primo episodio dell'omonima serie di sparatutto in prima persona con light gun, uscito nel 1997.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il 18 dicembre 1998 l'agente dell'AMS Thomas Rogan riceve dalla fidanzata Sophie Richards una telefonata d'emergenza: la donna lavora per un'azienda chiamata DBR come membro dell'équipe di uno scienziato chiamato Roy Curien in un'enorme villa adibita a laboratorio, ma costui ha creato misteriosamente un'orda di zombie che ha invaso l'intero edificio: con essi si propone di uccidere Sophie e tutti gli altri assistenti per poi procedere alla conquista dell'intero pianeta. Rogan si dirige subito sul posto insieme al collega e amico G, e i due si fanno strada tra le centinaia di non-morti (non solo umani: ci sono anche cani, scimmie, rane, pipistrelli e ragni, ai quali vanno aggiunti alcuni gruppi di larve di insetto che hanno assunto notevoli proporzioni in seguito agli esperimenti cui sono state sottoposte) fino a raggiungere Curien, nascostosi in un locale sotterraneo; lo scienziato decide allora di attivare la sua creatura più potente, il Mago ("Magician" in lingua originale) per cercare di eliminare i due agenti.

Ma il Mago, evidentemente difettoso, si ribella al suo creatore uccidendolo, dopodiché attacca Rogan e G, che riescono a distruggerlo. A questo punto sono disponibili due diversi finali, che variano in base all'abilità dimostrata dal giocatore nei quattro livelli di The House of the Dead. Se durante la partita sono stati salvati tutti i dottori in pericolo, Sophie, che nello svolgimento del gioco era stata uccisa dal Carro (il boss del primo livello), tornerà in vita e correrà incontro ai due protagonisti: altrimenti la si troverà trasformata in uno zombie.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Il giocatore si troverà ad eliminare gli zombi umani e animali che lo attaccheranno, potendo contare su una pistola a sei colpi che deve essere periodicamente ricaricata. Tre sono le vite inizialmente a disposizione, rappresentate dalle lampade a olio nella parte inferiore dello schermo: tutte le volte che si viene feriti da un nemico si perde una vita, e quando si esauriscono la partita termina.

The House of the Dead presenta diversi percorsi alternativi all'interno dei primi tre livelli, i quali si attivano qualora vengano compiute determinate azioni, come salvare alcuni dottori, uccidere un particolare nemico in un preciso momento, e via discorrendo. Alcuni oggetti sono distruttibili e in essi si possono trovare due tipi di bonus: la moneta, che incrementa il punteggio, e il kit medico, che restituisce una vita perduta o ne aggiunge una ex novo. I kit medici possono anche essere consegnati al giocatore da alcuni dottori, una volta che questi vengono salvati dagli attacchi nemici.

Alla fine di ognuno dei quattro livelli di gioco bisognerà vedersela con un boss, che può essere colpito solo in un determinato punto debole mostrato un istante prima dello scontro.

Boss[modifica | modifica sorgente]

  • Chariot (Carro): Un gigantesco zombie, chiuso in un'armatura; impugna una pesantissima ascia. Il suo punto debole è una valvola che si trova sulla parte destra del torace. Dopo che il giocatore avrà inflitto sufficienti danni al boss, questi perderà sia l'ascia che l'armatura e potrà attaccare solo dando pugni. A questo punto è possibile sparare su qualunque parte del suo corpo per finirlo.
  • Hangedman (Appeso): Un mostro volante, sorta di ibrido tra un uccello e un pipistrello, che si dovrà affrontare sul tetto della villa di Curien. Il suo punto debole è la parte superiore del corpo. Inizialmente scaglia un branco di pipistrelli addosso al giocatore, per poi attaccare direttamente con i suoi artigli volando a sinistra e a destra.
  • Hermit (Eremita): Un gigantesco ragno mandato da Curien stesso contro Rogan e G; poco prima dello scontro lo scienziato fuggirà. Il punto debole del ragno è la testa. Inizialmente utilizza le zampe per attaccare il giocatore; verso la fine scaglierà da lontano delle sfere avvolte con i fili della sua tela, che potranno essere neutralizzate sparando su di esse.
  • Magician (Mago): La creatura di Curien, una sorta di costrutto semi organico con le sembianze di un diavolo, che una volta liberato ucciderà il suo stesso creatore per poi affrontare su un ballatoio esterno della villa i due agenti. Il suo punto debole sono le parti lampeggianti del corpo che non sono state coperte. Inizialmente attacca il giocatore fluttuando rapidissimamente a mezz'aria, poi ricorre a sfere di fuoco che lancia dopo aver girato intorno all'area di gioco a gran velocità e verso la fine si libra in aria lanciando a più riprese 10-12 sfere insieme, che dovranno essere distrutte pena ogni volta la perdita di una vita; in queste ultime frazioni il boss può essere colpito solo quando ritorna a terra.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi