The Hole (film 2001)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Hole
The Hole (film 2001).png
Una scena del film
Titolo originale The Hole
Paese di produzione UK
Anno 2001
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller, horror
Regia Nick Hamm
Soggetto Guy Burt (romanzo)
Sceneggiatura Ben Court, Caroline Ip
Fotografia Denis Crossan
Montaggio Niven Howie
Musiche Clint Mansell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Hole è thriller/horror psicologico del 2001 diretto da Nick Hamm.

Il film è basato sul romanzo After the Hole che il canadese Guy Burt ha scritto all'età di 17 anni, ma si ispira in parte anche al romanzo Il signore delle mosche di William Golding.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film inizia inquadrando Liz, una ragazza apparentemente tranquilla, ma che nasconde molto dentro di sé, che vaga per la strada stremata e fa una chiamata dal suo college alla polizia solo urlando. Le indagini iniziano: si scopre che lei e Frankie (la sua migliore amica), Mike (il ragazzo di cui è innamorata Liz) e Jeff (migliore amico di Mike) sono scomparsi da molto tempo. Liz è l'unica superstite. La ragazza racconta alla psicologa che l'idea di rinchiuderli è stata di Martyn, migliore amico di Liz che, innamorato di lei da quando erano bambini, voleva dimostrarle che Mike non fosse un granché. Per questo Martyn viene prima arrestato e dichiarato il primo sospettato, ma poi rilasciato per mancanza di prove. A questo punto Martyn va a cercare Liz per chiarire, non capendo perché lei lo avesse incolpato di tutto. Liz scappa, fino a che i due non si ritrovano su un ponte. La storia da Liz raccontata a questo punto non torna. Si scopre infatti che il weekend nel bunker era stato organizzato da lei stessa: la ragazza voleva che Mike si accorgesse finalmente di lei. Per questo lei e Frankie avevano organizzato una festa nel bunker, invitando anche Jeff e Mike. In seguito Mike aveva provato ad andare via ed è stato così che i ragazzi avevano scoperto di essere bloccati, dato che la botola era stata chiusa a chiave, a loro insaputa, dalla stessa Liz. Frankie era bulimica e, dopo essersi sentita male, è morta per arresto cardiaco. Jeff viene ucciso da Mike, esploso dalla rabbia dopo averlo visto bere di nascosto una bibita, mentre gli altri pativano la sete e la fame, dato che le provviste erano finite. Il ragazzo ha confessato poi il suo amore a Liz, dicendole che era lei a dargli la forza per andare avanti. Dopo ciò, lei, finalmente soddisfatta di aver conquistato il ragazzo, apre la botola convinta che Mike dormisse. Quando lui la vede e, irato, cerca di raggiungerla per aggredirla, le scale non reggono e, dopo essere caduto, lo colpiscono a morte. Tutto ciò viene confessato da Liz alla dottoressa proprio nello stesso bunker; ma la ragazza non ha intenzione di dirlo a nessuno e, all'arrivo della polizia, accusa la dottoressa di averla aggredita. Gli agenti nel frattempo hanno trovato il corpo senza vita di Martyn, che è stato gettato da Liz dal ponte, e lo considerano un suicidio. Nella sua tasca viene trovata la chiave del bunker.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema