The Great Artiste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo stemma disegnato sul muso del The Great Artiste

The Great Artiste è il bombardiere B-29 Superfortress (esemplare numero B-29-40-MO 44-27353, numero d'identificazione 89), assegnato al 393º Squadrone bombaridieri, 509th Composite Group, che partecipò ai bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki. Pilotato dal Maggiore Charles W. Sweeney, l'allora comandante del 393º Gruppo, fu assegnato come aereo addetto al controllo delle condizioni atmosferiche sulla città di Hiroshima il mattino del 6 agosto 1945.

Durante il bombardamento di Nagasaki avrebbe dovuto essere l'aereo che trasportava la bomba atomica, soprannominata Fat Man, ma a causa delle condizioni atmosferiche il bombardamento fu anticipato di due giorni e spostato al 9 agosto 1945, per questo motivo l'aereo non fu approntato in tempo. Per non rimandare la missione il maggiore Sweeney decise di usare un altro aereo, il BOCKSCAR per sganciare Fat Man su Nagasaki. Quindi il The Great Artiste fu di nuovo usato come aereo addetto al controllo delle condizioni atmosferiche, questa volta su Nagasaki e con a bordo l'equipaggio del BOCKSCAR e ai comandi del Capitano Frederick C. Bock. Tra gli strumenti di misurazione che furono paracadutati a Nagasaki, vi era anche una lettera redatta dagli scienziati Luis Álvarez, Philip Morrison e Robert Serber, indirizzata allo scienziato giapponese Ryokichi Sagane, con cui lo si invitava a convincere i leders giapponesi ad arrendersi e porre così termine alla guerra[1]..

A volte il The Great Artiste viene erroneamente indicato come l'aereo che effettuò il vero e proprio bombardamento di Nagasaki.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ *B.P. Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Vol. I, Mondadori Editore, 1975 – pag. 16 (voce Alvarez, Luis).