The Gift (Susan Boyle)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Gift

Artista Susan Boyle
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 novembre 2010
Durata 35 min : 13 s
Genere Pop
Canto natalizio
Etichetta Syco, Columbia
Produttore Julian Bunetta, Guy Chambers, Ricci Riccardi, Steve Booker, Toby Gad, Quiz & Larossi, William Orbit
Registrazione Luglio-settembre 2010 (Londra)
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Belgio Belgio[1]
(Vendite: 15.000+)
Svezia Svezia[2]
(Vendite: 20.000+)
Ungheria Ungheria[3]
(Vendite: 3.000+)
Dischi di platino Australia Australia (3)[4]
(Vendite: 210.000+)

Irlanda Irlanda (2)[5]
(Vendite: 30.000+)

Nuova Zelanda Nuova Zelanda (4)[6]
(Vendite: 60.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[7]
(Vendite: 3.000.000+)
Susan Boyle - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
(2011)

The Gift è il secondo album della cantante scozzese Susan Boyle, pubblicato l'8 novembre 2010 dalle etichette discografiche Syco e Columbia Records. L'album ha un sound più anni '60, perché, secondo quanto detto dalla stessa Susan Boyle, "è stato il suo periodo".[8][9]

Questo è il secondo album della cantante a raggiungere la vetta delle classifiche sia negli Stati Uniti, sia nel Regno Unito, pur con vendite minori dell'album precedente, I Dreamed a Dream. The Gift contiene dieci tracce nell'edizione standard, alcune delle quali natalizie.[10] È il centesimo album più venduto negli Stati Uniti nel 2010.[11]

Contesto[modifica | modifica sorgente]

The Gift è stato produtto da Steve Mac, che ha affermato: "Susan è stata in studio per registrare l'album, questa volta prenderemo una strada più tradizionale per la sua registrazione, metteremo assieme una band e proveremo le canzoni prima di andare in studio per vedere come sono, come canta certe parti e quindi come potremmo cambiare gli arrangiamenti. Penso che così possa andare decisamente meglio. Per Susan è molto importante connettersi col pubblico e che il pubblico si connetta con lei. Non vuole cantare niente che non le sia successo o che non la riguardi."[12] Susan Boyle ha affermato che l'album avrebbe contenuto degli elementi jazz. "Il mio prossimo album deve contenere degli elementi sorprendenti anche questa volta. Spero che lo stia facendo migliore e speciale."[13]

Prima della pubblicazione dell'album la cantante ha offerto a dei fan la possibilità di duettare con lei in una competizione intitolata Susan's Search. I concorrenti devono registrare loro stessi mentre cantano Silent Night e pubblicare il video sul loro canale di YouTube.[14] La vincitrice è la trentatreenne Amber Stassi di Brewerton, nel New York.[15]

Vendite[modifica | modifica sorgente]

The Gift ha fatto il suo debutto alla prima posizione della classifica britannica, vendendo circa 103.000 copie in una sola settimana, solo un quarto di quelle che riuscì a vendere un anno prima I Dreamed a Dream.[16] Ha ottenuto un ottimo successo anche negli Stati Uniti, nella cui classifica è entrato direttamente alla vetta, vendendo circa 318.000 copie (meno della metà delle 701.000 vendute da I Dreamed a Dream) e facendo scendere al secondo posto Speak Now di Taylor Swift, che aveva per due settimane occupato la prima posizione.[17] Nella sua seconda settimana, The Gift ha mantenuto la vetta della classifica americana, vendendo altre 335.000 copie, con un incremento di vendite del 5% rispetto alla settimana precedente.[18] L'album, nella sua terza settimana, è sceso di due posizioni, vendendo altre 263.000 copie, il 21% in meno rispetto alla settimana precedente.[19] Con un aumento di vendite del 3%, The Gift è tornato alla vetta della Billboard 200 nella sua quarta settimana con 272.000 copie vendute. Il balzo alla vetta della classifica è stato inaspettato: si pensava infatti che il numero uno della settimana sarebbe stato The Beginning dei Black Eyed Peas.[20] Mantiene la stessa posizione nella quinta settimana, con altre 243.000 copie vendute (il 10% in meno).[21] Scende di una posizione nella sesta settimana, vendendo 254.000 copie (il 5% in più), venendo battuto per 5.000 copie da Speak Now di Taylor Swift.[22] Rimane alla seconda posizione anche nella settima settimana, con 240.000 copie vendute (il 6% in meno).[23] Terminato il periodo natalizio, le vendite di The Gift scendono drasticamente a 19.000, il 92% in meno, nell'ottava settimana. Ne consegue la perdita di 29 posizioni sulla classifica americana: l'album si stanzia infatti al trentaduesimo posto.[24]

Le vendite nella prima settimana sono state molto elevate in Oceania: l'album è infatti entrato alla vetta delle classifiche in Australia[25] e in Nuova Zelanda,[26] venendo certificato disco di platino dopo una sola settimana in entrambi i Paesi per aver venduto rispettivamente oltre 70.000[4] e 15.000 copie.[6] In Canada, The Gift è entrato alla terza posizione vendendo 13.000 copie nella sua settimana di debutto[27] e ha raggiunto dopo poco la seconda dopo poche settimane, nella quale ha venduto 21.000 copie per via dello shopping natalizio, per poi salire ulteriormente alla vetta.[28]

Critica[modifica | modifica sorgente]

L'album ha ricevuto critiche di vario genere.[29] Su Metacritic s'è fatta la media tra le critiche professionali date a The Gift, e il voto complessivo risulta essere 59 su 100.[29] Stephen Thomas Erlewine di Allmusic ha valutato l'album con due stelle e mezzo su cinque, dicendo che Susan Boyle è la cantante adatta per un album natalizio, ma definendo la sua musica piuttosto "prevedibile".[30]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Template-info.svg
  1. Perfect Day (Lou Reed) - 4:31
  2. Hallelujah (Leonard Cohen) - 3:53
  3. Do You Hear What I Hear? (Noël Regney, Gloria Shayne Baker) - 3:55
  4. Don't Dream It's Over (Neil Finn) - 3:47
  5. The First Noel (tradizionale; arrangiata da Steve Mac e David Arch) - 2:59
  6. O Holy Night (tradizionale; arrangiata da Steve Mac e David Arch) - 4:04
  7. Away in a Manger (tradizionale; arrangiata da Steve Mac e David Arch) - 2:56
  8. Make Me a Channel of Your Peace (tradizionale; arrangiata da Sebastian Temple) - 4:24
  9. Auld Lang Syne (tradizionale; arrangiata da Steve Mac e David Arch) - 2:45
  10. O Come All Ye Faithful (tradizionale; arrangiata da Steve Mac e David Arch) - 2:06

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2011) Posizione
Belgio (Fiandre)[49] 30
Canada[50] 11
Stati Uniti[51] 5

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  2. ^ Sverigetopplistan - Sveriges Officiella Topplista
  3. ^ Adatbázis - Arany- és platinalemezek - MAHASZ - Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége
  4. ^ a b Top 50 Albums Chart - Australian Record Industry Assocation
  5. ^ (EN) 2010 Certification Awards - Multi Platinum, www.irishcharts.ie. URL consultato il 3 giugno 2011.
  6. ^ a b http://www.radioscope.net.nz/index.php?option=com_content&task=view&id=79&Itemid=61
  7. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  8. ^ Susan Boyle | Latest News | Q & A with Susan - Part 3
  9. ^ Susan Boyle's Debut Smashes U.S. Chart Records - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  10. ^ Susan Boyle Recording Christmas Album: Sources | Billboard.com
  11. ^ Music Albums, Top 200 Albums & Music Album Charts | Billboard.com
  12. ^ A&R, Record Label / Company, Music Publishing, Artist Manager and Music Industry Directory
  13. ^ Intruder scared the living daylights out of SuBo | The Sun |Showbiz|TV|Britain Got Talent
  14. ^ http://www.vancouversun.com/entertainment/Susan+Boyle+launches+contest+find+duet+partner/3257596/story.html
  15. ^ Susan Boyle | Latest News | Susan’s Search Winner Announced!
  16. ^ Susan Boyle Battling Taylor Swift for No. 1 on Billboard 200 | Billboard.com
  17. ^ a b Susan Boyle Tops Billboard 200, 'Glee' Reigns On Digital Songs | Billboard.com
  18. ^ Susan Boyle's 'Gift' Tops Rihanna, Kid Rock on Billboard 200 | Billboard.com
  19. ^ Kanye West, Nicki Minaj Score Big Debuts on Billboard 200 | Billboard.com
  20. ^ Boyle Back to No. 1 on Billboard 200, Peas Begin At No. 6 | Billboard.com
  21. ^ Boyle's 'Gift' Keeps Giving on Billboard 200, 'Tron' Hits Top 10 | Billboard.com
  22. ^ Swift Back at No. 1 on Billboard 200, 'Michael' Bows at No. 3 | Billboard.com
  23. ^ Taylor Swift Gets Christmas Boost on Billboard 200, Foxx Earns Highest Debut | Billboard.com
  24. ^ Taylor Swift Still Tops Billboard 200, Holiday Albums Tumble | Billboard.com
  25. ^ a b australian-charts.com - Susan Boyle - The Gift
  26. ^ a b charts.org.nz - Susan Boyle - The Gift
  27. ^ Bon Jovi boots Swift from No. 1 | Music | Entertainment | Winnipeg Sun
  28. ^ CANOE - JAM! Music: 'Glee' holiday album hits No. 1
  29. ^ a b Critic Reviews for The Gift at Metacritic
  30. ^ The Gift - Susan Boyle | AllMusic
  31. ^ Susan Boyle - The Gift - austriancharts.at
  32. ^ ultratop.be - Susan Boyle - The Gift
  33. ^ ultratop.be - Susan Boyle - The Gift
  34. ^ The Gift - Susan Boyle | Billboard.com
  35. ^ danishcharts.com - Susan Boyle - The Gift
  36. ^ finnishcharts.com - Susan Boyle - The Gift
  37. ^ lescharts.com - Susan Boyle - The Gift
  38. ^ greekcharts.com - Susan Boyle - The Gift
  39. ^ GFK Chart-Track
  40. ^ Classifica Fimi del 15 novembre 2010. URL consultato il 26-11-2010.
  41. ^ mexicancharts.com - Susan Boyle - The Gift
  42. ^ norwegiancharts.com - Susan Boyle - The Gift
  43. ^ dutchcharts.nl - Susan Boyle - The Gift
  44. ^ Chart Stats - Susan Boyle - The Gift
  45. ^ spanishcharts.com - Susan Boyle - The Gift
  46. ^ swedishcharts.com - Susan Boyle - The Gift
  47. ^ Susan Boyle - The Gift - hitparade.ch
  48. ^ Archívum - Slágerlisták - MAHASZ - Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége
  49. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN 2011. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  50. ^ (EN) Best of 2011: Canadian Albums. URL consultato il 10 dicembre 2011.
  51. ^ (EN) Best of 2011: Billboard 200. URL consultato il 10 dicembre 2011.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica