The Gashlycrumb Tinies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Gashlycrumb Tinies
Titolo originale The Gashlycrumb Tinies
Autore Edward Gorey
1ª ed. originale 1963
Genere umorismo
Sottogenere orrore
Lingua originale inglese

The Gashlycrumb Tinies: or, After the Outing è un abbecedario scritto e illustrato da Edward Gorey, pubblicato nel 1963.

Gorey narra in rima baciata le storie di 26 bambini (ognuno per ogni lettera dell'alfabeto) e le loro morti premature, accompagnate dalle caratteristiche illustrazioni in bianco e nero dell'autore.

È uno dei libri più noti dell'autore,[1] oltre ad essere il più famoso tra i suoi ironici alfabeti.[2]

È stato descritto come una «sarcastica ribellione alla visione dell'infanzia come solare, idilliaca ed istruttiva.»[2]

L'umorismo morboso del libro si basa sui banali modi in cui i bambini muoiono, ad esempio cadendo dalle scale o soffocati da una pesca. Lungi dall'illustrare i drammatici e fantastici incubi infantili, questi scenari deridono le paranoie genitoriali.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tina Kelley, Edward Gorey, Eerie Illustrator And Writer, 75 in New York Times, 16 aprile 2000. URL consultato il 6 maggio 2013.
  2. ^ a b (EN) George R. Bodmer, The Post-Modern Alphabet: Extending the Limits of the Contemporary Alphabet Book, from Seuss to Gorey in Children's Literature Association Quarterly, vol. 14, nº 3, autunno 1989, pp. 115-117.
  3. ^ (EN) Kevin Shortsleeve, Edward Gorey, Children's Literature, and Nonsense Verse in Children's Literature Association Quarterly, vol. 27, nº 1, primavera 2002, pp. 27-39.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura