The Fighter (film 2010)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Fighter
The fighter.jpg
Una scena del film
Titolo originale The Fighter
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2010
Durata 115 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere drammatico, biografico, sportivo
Regia David O. Russell
Soggetto Keith Dorrington, Paul Tamasy ed Eric Johnson
Sceneggiatura Scott Silver, Paul Tamasy ed Eric Johnson
Produttore David Hoberman, Todd Lieberman, Ryan Kavanaugh, Mark Wahlberg, Dorothy Aufiero, Paul Tamasy, Jeff Waxman (co-produttore), Kenneth Halsband (co-produttore)
Produttore esecutivo Tucker Tooley, Darren Aronofsky, Harvey Weinstein, Bob Weinstein, Leslie Varrelman, Keith Dorrington, Eric Johnson
Casa di produzione Relativity Media, Mandeville Films, Closest to the Hole Productions, The Weinstein Company
Fotografia Hoyte Van Hoytema
Montaggio Pamela Martin
Effetti speciali Comen VFX
Musiche Michael Brook
Scenografia Judy Becker
Costumi Mark Bridges
Trucco Donald Mowat
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Fighter è un film del 2010 diretto da David O. Russell.

La pellicola è ispirata alla vita e alla storia sportiva del pugile americano di origine irlandese Micky Ward, campione nella categoria pesi leggeri, famoso per aver incontrato per tre volte il pugile di origine italiana Arturo Gatti, e del suo fratellastro, pugile per un breve periodo e allenatore di Ward, Dicky Eklund. Quest'ultimo nella sua breve carriera pugilistica si è scontrato con il campione del mondo degli anni settanta Sugar Ray Leonard.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dicky e Micky sono fratellastri ed entrambi pugili. Dicky, ormai ritiratosi dal ring e divenuto tossicodipendente, viene contattato dalla HBO per un documentario sulla sua vita, avendo in passato avuto un incontro (perso ai punti) con Sugar Ray Leonard. L'emittente televisiva lo segue nel suo quotidiano per diciotto mesi e in questo progetto vengono coinvolti anche Micky e tutta la famiglia.

Nel frattempo, Micky tenta una scalata al successo nel pugilato, seguendo i consigli della madre che gli fa da manager e del fratellastro che gli fa da allenatore. La loro presenza, invadente ed eccessiva, si rivela deleteria per la carriera di Micky, che, nonostante tutto rimane legato alla famiglia e ne segue i suggerimenti. Prima di un incontro nel quale verrà massacrato, Micky incontra Charlene, un'avvenente barista e inizia una relazione con lei. Durante la loro storia, lei gli aprirà gli occhi sulla realtà che lo circonda e lo spronerà sempre di più a compiere scelte autonome.

Intanto Dicky continua a perseverare nel considerarsi una leggenda locale. Una sera, trovandosi a corto di denaro, truffa e deruba uno sconosciuto e viene arrestato da una pattuglia di polizia che, dopo averlo inseguito e acciuffato, inizia a picchiarlo brutalmente. Micky, intervenuto per aiutarlo, subisce una grave ferita ad una mano. Questa ferita, e la sua lenta guarigione costituiscono il momento di svolta per Micky, che con l'ingombrante fratello in carcere, torna ad allenarsi con un nuovo team e a guadagnare fiducia in se stesso.

La sera della diretta televisiva del documentario su Dicky, questi si pregusta un momento di gloria, accolto nella stanza della televisione dall'entusiasmo generale degli altri detenuti. Il documentario però non glorifica i pochi successi sportivi del pugile, ma ne ritrae la profonda e drammatica tossicodipendenza da crack (dalla quale, tra l'altro, è uscito grazie all'astensione forzata del carcere). Questo filmato provocherà profondo turbamento nei due fratelli, nella madre Alice e nella famiglia in generale.

Quando Dicky esce di prigione però, Micky realizza l'importanza del suo ruolo nel suo successo e gli concede un'altra possibilità di allenarlo per l'incontro decisivo della sua vita da pugile. Dicky si rende conto che il protagonista non è più lui, ma il fratellastro e dopo aver riguadagnato la fiducia di Charlene, lo allena e gli fa da secondo sul ring. Micky vince l'incontro per il titolo WBU di pesi welter leggeri contro Shea Neary, riscattando la sua carriera e l'affetto della famiglia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola doveva inizialmente essere diretta dal regista Darren Aronofsky, che nel 2008 diresse The Wrestler e il ruolo di Eklund doveva essere affidato a Brad Pitt[1]. L'attore rinunciò perché impegnato in altri progetti e al suo posto fu proposto Matt Damon[2]. Dopo l'abbandono del regista newyorkese la regia del film venne affidata al regista e sceneggiatore di origine americana David O. Russell. Il ruolo del fratellastro di Mark Wahlberg venne infine affidato a Christian Bale[3] che per interpretarlo si sottopose nuovamente ad una trasformazione drastica del suo fisico[4], come già aveva fatto nel 2004 per L'uomo senza sonno e nel 2006 per L'alba della libertà. Per l'allenamento dei due protagonisti, la produzione si è affidata al pugile filippino Manny Pacquiao[5]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Fighter: Music from the Motion Picture.

La colonna sonora del film è stata composta da Michael Brook. L'album, intitolato The Fighter: Music from the Motion Picture è distribuito sotto l'etichetta Relativity Records.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito le tracce contenute nell'album:

  1. On the Couch - 1:13
  2. First Kiss - 1:12
  3. Not Going to Help - 1:00
  4. Hand Beating - 1:11
  5. Jail - 1:45
  6. Detox - 0:55
  7. He Slipped - 1:55
  8. It’s My Life - 2:23
  9. Ladies Day Out - 1:09
  10. Ward Vs. Sanchez - 2:05
  11. Dickie Released - 1:56
  12. Mickey Fires Dickie - 1:16
  13. Cakewalk - 2:01
  14. Ward Vs. Neary - 5:10

Nella versione scaricabile da iTunes è presente una traccia ulteriore[6]:

  1. Close Credit Alt (Bonus Version) - 1:06

Nel corso della pellicola sono stati inseriti diversi altri brani di vari artisti[7][8] tra i quali Dropkick Murphys, Keith St. John, The Breeders, Hall & Oates, Whitesnake, Led Zeppelin (con il brano Good Times Bad Times), Red Hot Chili Peppers, Aerosmith, Rolling Stones e Ben Harper.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Date di uscita[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è uscita in anteprima in Russia[9] il 10 giugno 2010 mentre negli Stati Uniti è uscita il 10 dicembre 2010 in una distribuzione limitata[10]. In Italia è uscito il 4 marzo 2011[11]. Le date di uscita internazionali tra il 2010 e il 2011 sono state[12]:

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

The Fighter ha incassato negli Stati Uniti un totale di 93.617.009 dollari dopo l'uscita nelle sale cinematografiche[13]. Costato circa 25 milioni[13], è stato distribuito in 2.534 sale. Nel primo fine settimana ha raggiunto la cifra di 12.135.468 dollari l'incasso totale è di 129.190.869 dollari complessivi in tutto il mondo[13].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola ha ricevuto ottime critiche con particolari apprezzamenti per la performance di Melissa Leo e Christian Bale, oltre a vincere numerosi premi, tra i quali il Golden Globe e il Premio Oscar per le loro interpretazioni, entrambi nelle categorie di attori non protagonisti.

Tra i vari critici, A. O. Scott (The New York Times) definisce la performance di Bale «stupefacente»[14] e considera l'interpretazione della Leo «una formidabile presenza»[14]. Per David Ansen (Newsweek) l'intero cast è «esplosivo», soffermando la sua critica su Bale che «con la sua bravura ha oscurato la presenza fisica di Wahlberg» e affermando infine che Bale sia «l'attore più difficile del settore, ma spaventosamente bravo». Del ruolo di Melissa Leo invece afferma che «è quasi irriconoscibile, ma indimenticabile, senza nulla togliere ad una superba Amy Adams»[15].

Secondo il sito Metacritic The Fighter ha ottenuto un punteggio positivo di 79/100 basato su 41 recensioni[16], mentre per Rotten Tomatoes il film riceve un punteggio del 90% su 219 articoli e l'89% di preferenze[17].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 - Washington DC Area Film Critics Association Awards:
    • Vinto miglior attrice non protagonista Melissa Leo;
    • Vinto miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Nomination miglior cast;
    • Nomination miglior attrice non protagonista Amy Adams;
  • 2010 Central Ohio Film Critics Association Awards (COFCA Award)[20]:
    • Vinto miglior cast;
    • Nomination miglior film;
    • Nomination miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Nomination miglior sceneggiatura originale;
    • Nomination miglior attrice non protagonista Amy Adams, Melissa Leo;
  • 2010 Dallas-Fort Worth Film Critics Association Awards (DFWFCA Award)[21]:
    • Vinto miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Vinto miglior attrice non protagonista Melissa Leo;
  • 2010 Florida Film Critics Circle Awards (FFCC Award)[22]:
    • Vinto miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Vinto miglior attrice non protagonista Melissa Leo;
  • 2010 Las Vegas Film Critics Society (Sierra Award)[23]:
    • Vinto miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Vinto miglior attrice non protagonista Amy Adams;
    • Nomination miglior attrice non protagonista Melissa Leo;
    • Nomination miglior sceneggiatura originale;
  • 2010 Online Film Critics Society Awards (OFCS Award)[24]:
    • Vinto miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Nomination miglior attrice non protagonista Amy Adams, Melissa Leo;
  • 2010 Phoenix Film Critics Society Awards (PFCS Award)[25]:
    • Vinto miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Vinto miglior attrice non protagonista Melissa Leo;
    • Vinto miglior production design Guy Hendrix Dyas;
  • 2010 San Diego Film Critics Society Awards (SDFCS Award)[26]:
    • Nomination miglior film;
    • Nomination miglior cast;
    • Nomination miglior attore non protagonista Christian Bale;
    • Nomination miglior attrice non protagonista Melissa Leo;

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Boxing with Matt Damon and Mark Wahlberg in The Fighter, First Showing.net, 14-02-2007. URL consultato il 31-07-2009.
  2. ^ (EN) Brad Pitt Replaces Matt Damon in 'The Fighter', Cinematical.com, 20-09-2007. URL consultato il 31-07-2009.
  3. ^ Christian Bale e David O. Russell per The Fighter, Movie Player, 21-04-2007. URL consultato il 31-07-2009.
  4. ^ Christian Bale scheletrico per le riprese di "The Fighter", Leggonline.com. URL consultato il 31-07-2009.
  5. ^ (EN) Out of Chance Meeting, a Formidable Pairing, Nytimes.com, 07-11-2009. URL consultato il 10-05-2010.
  6. ^ (EN) The Fighter (Music from the Motion Picture) Michael Brook, itunes.apple.com. URL consultato il 03-13-2011.
  7. ^ The Fighter Colonna sonora, stardustsoundtrack.com. URL consultato il 03-13-2011.
  8. ^ (EN) Soundtracks for The Fighter, Internet Movie Database Official Site. URL consultato il 15-03-2011.
  9. ^ Debutta in Russia il film “The Fighter” con Mark Wahlberg, di Luca De Franco, Affariitaliani.it, 24-04-2010. URL consultato il 10-05-2010.
  10. ^ (EN) Release dates for The Fighter, IMDB Official Site. URL consultato il 10-05-2010.
  11. ^ The Fighter, mymovies.it. URL consultato il 12-02-2011.
  12. ^ Date di uscita per The Fighter (2010), IMDb.it. URL consultato il 03-03-2011.
  13. ^ a b c The Fighter, boxofficemojo.com, 28-02-2011. URL consultato il 07-04-2011.
  14. ^ a b Guys, Kiss Mom and Come Out Fighting - Pag 1,2 - By A. O. Scott, nytimes.com, 09-10-2010. URL consultato il 03-03-2011.
  15. ^ The One … That Gives Feel-Good Sports Movies a Good Name, by David Ansen, nytimes.com, 26-11-2010. URL consultato il 03-03-2011.
  16. ^ The Fighter, metacritic.com. URL consultato il 03-03-2011.
  17. ^ The Fighter (2010), rottentomatoes.com. URL consultato il 03-03-2011.
  18. ^ (EN) The Nominees for the 31st Film Awards, criticscircle.org.uk. URL consultato l'11-02-2011.
  19. ^ (EN) Chicago Film Critics Awards 2008/2010 - Best Supporting Actor: Christian Bale, The Fighter, chicagofilmcritics.org, 20-12-2010. URL consultato l'11-02-2011.
  20. ^ (EN) AWARDS 2010 - The 9th Annual Central Ohio Film Critics Association Awards, cofca.org, 06-01-2011. URL consultato l'11-02-2011.
  21. ^ (EN) Awards for 2010 DFWFCA Award, IMDb Official Site. URL consultato l'11-02-2011.
  22. ^ (EN) FFCC Award Winners - Best Supporting Actor, floridafilmcriticscircle.webs.com. URL consultato l'11-02-2011.
  23. ^ (EN) Award listings LVFCS Sierra Award winners: Best Supporting Actor, kcfcc.org, 02-01-2011. URL consultato l'11-02-2011.
  24. ^ (EN) The winners of the 2010 Online Film Critics Society Awards, ofcs.org, 03-01-2011. URL consultato l'11-02-2011.
  25. ^ (EN) Phoenix Film Critics Name THE KINGS SPEECH Best Film of 2010, phoenixfilmcriticssociety.org, 28-12-2010. URL consultato l'11-02-2011.
  26. ^ (EN) 2010 Awards, sdfcs.org. URL consultato l'11-02-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]