The Feelies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Feelies
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1]
College rock[1]
Jangle pop[1]
Periodo di attività 1976- 1992
2008 -in attività
Album pubblicati 5
Studio 5

I Feelies sono un gruppo musicale rock statunitense originario di Hoboken nel New Jersey.

Formatisi nel 1976, sfoggiando un look da nerds che li avrebbe caratterizzati per il resto della loro carriera, i Feelies si sono distinti nel mondo del rock per il loro progetto di far convivere avanguardia e tradizione, riscoprendo il suono chitarristico del folk rock anni sessanta ma anche le ritmiche ossessive e nervose di gruppi come Velvet Underground e Stooges. Nei loro dischi la parte vocale è considerata semplicemente alla stregua di un altro strumento, venendo mixata allo stesso volume degli altri strumenti e finendo spesso coperta dal suono complessivo.

Attivi fino al 1992 e riformatisi nel 1998 hanno pubblicato cinque album tra cui Crazy Rhythms, loro esordio del 1980, considerato da molti una pietra miliare della storia del rock.[2][3]

Il nome della band è ispirato ad una specie di intrattenimento ideato ed immaginato da Aldous Huxley nel romanzo Il mondo nuovo.

« "Going to the Feelies this evening, Henry?" enquired the Assistant Predestinator. "I hear the new one at the Alhambra is first-rate. There's a love scene on a bearskin rug; they say it's marvelous. Every hair of the beast reproduced. The most amazing tactual effects" »
(Aldous Huxley, Brave New World)

Storia[modifica | modifica sorgente]

Si sono formati nel 1976 dall'iniziativa di Bill Million e Glenn Mercer entrambi cantanti e chitarristi che si conobberto alle scuole superiori ed a cui si aggiunsero il bassista John J. ed il batterista Dave Weckerman. Questi ultimi vennero rimpiazzati nel 1977 rispettivamente da Keith Calyton e Vinny Denunzio. Il batterista Anton Fier sostituì Denunzio nel 1978 e l'anno successivo i Feelies incisero il loro singolo di debutto Fa-ce-la per la britannica Rough Trade Records.

La loro opera più celebre e acclamata dalla critica[4] è il 33 giri Crazy Rhythms, esordio uscito nel 1980 per la Stiff Records. Le chitarre di Mercer e Million dialogano incessantemente, costruendo, insieme alla batteria, trame ritmiche nervose e cadenzate memori di certo rock dei Television. Il disco contiene anche una versione stravolta del brano dei Beatles Everybody's Got Something to Hide Except Me and My Monkey.

Dopo il felice debutto, il gruppo però non riuscì a ripetersi agli stessi livelli, ed iniziò all'interno della band un continuo cambio di formazione che portò i membri fondatori a militare in altre band (Willies, Trypes, Yung Wu e Foggy Notion) mentre il gruppo continuava senza di loro. La formazione originale si ricostituì nel 1985 e registrò l'album The Good Earth prodotto da Peter Buck dei REM. Non ricevendo un adeguato riscontro commerciale, il gruppo si sciolse nel 1992 dopo aver pubblicato altri due album, Only Life (1988) e Time for a Witness (1991).

Nell'estate del 2008 la formazione originale del 1983 (Bill Million, Glenn Mercer, Dave Weckerman con Stanley Demeski e Brenda Sauter) tenne una serie di apparizioni, tra cui l'apertura di un concerto dei Sonic Youth e suonando in due concerti (entrambi tutto-esaurito) al Maxwell's di Hoboken. Un anno più tardi apparirono al concerto-tributo ai R.E.M. alla Carnegie Hall e si esibirono al festival rock All Tomorrow's Parties a Monticello, NY suonando interamente il loro album di debutto Crazy Rhythms.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 1979 - Fa Cé La
  • 1988 - Away
  • 1991 - Sooner or Later

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) The Feelies in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ Pietra Miliare per Ondarock
  3. ^ The Feelies, Enciclopedia rock di Piero Scaruffi
  4. ^ Simone Arcagni, New Wave, Atlanti Universali Giunti, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2001, pag. 60, ISBN 88-09-01849-4
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock