The Divinity of Oceans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Divinity of Oceans
Artista Ahab
Tipo album Studio
Pubblicazione 24 luglio 2009
Durata 1 h ; 07 min ; 12 s
Dischi 1
Tracce 7
Genere Doom metal
Funeral doom metal
Etichetta Napalm Records
Produttore Cornelius Althammer
Ahab - cronologia
Album successivo

The Divinity of Oceans è il secondo full-length della band funeral doom metal tedesca degli Ahab. Viene pubblicato nel 2009 sotto l'etichetta discografica Napalm Records.

Album[modifica | modifica wikitesto]

L'album è un concept basato sulla storia del naufragio della baleniera Essex, da parte di un capodoglio, che finisce poi col cannibalismo da parte degli uomini dell'equipaggio. Questa storia vera è anche lo spunto dal quale lo scrittore Herman Melville ha poi creato il suo famoso libro Moby Dick.

La copertina dell'album rappresenta il quadro La zattera della Medusa del pittore francese Théodore Géricault.

Tutte le canzoni sono state composte e scritte dal chitarrista e cantante Daniel Droste

Influenze stilistiche[modifica | modifica wikitesto]

Il genere dell'album potrebbe essere etichettato come semplice funeral doom metal, ma gli Ahab dimostrano di avere molta inventiva ed originalità sposando il genere appena citato con influenze provenienti dal death doom metal dei primi Anathema e con non pochi spunti melodici e progressisti. Si aggiunge il fatto che il gruppo utilizza atmosfere che ricordano l'oceano e i suoi suoni, infatti in quasi tutte le loro canzoni è pesante l'utilizzo del riverbero sulle chitarre. Anche i testi composti da Daniel Droste sono sempre strettamente legati al mare. Non per nulla al gruppo piace etichettarsi come una "Nautik funeral doom metal" band. Inoltre, in quasi tutte le canzoni, è presente un drumming composto da strani ma efficienti giochi sui piatti che riportano ad un jazz molto lento.

In questo album sono anche presenti molti più spunti melodici rispetto al precedente The Call of the Wretched Sea, più pesante e più vicino a delle sonorià prettamente funeral doom.

Date d'uscita[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Yet Another Raft of The Medusa (Pollard's Weakness) - 12:40
  2. The Divinity Of Oceans - 11:02
  3. O Father Sea - 7:06
  4. Redemption Lost - 10:24
  5. Tombstone Carousal - 7:03
  6. Gnawing Bones (Coffin's Lot) - 10:48
  7. Nickerson's Theme - 8:05

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal