The Divine Conspiracy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Divine Conspiracy
Artista Epica
Tipo album Studio
Pubblicazione 7 settembre 2007
Durata 75:30
Dischi 1
Tracce 13
Genere Symphonic metal[1][2]
Power metal[1]
Gothic metal[2]
Etichetta Nuclear Blast
Produttore Sascha Paeth, Epica
Registrazione novembre 2006-febbraio 2007, The Gate Studio, Wolfsburg (Germania)
Formati CD, 2CD, 2LP, download digitale
Epica - cronologia
Album precedente
(2006)
Singoli
  1. Never Enough
    Pubblicato: 10 agosto 2007
  2. Chasing the Dragon
    Pubblicato: 27 giugno 2008
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
About.com 4/5 stelle
Allmusic 3.5/5 stelle
BenzoWorld 80/100
Musical Discoveries 5/5 stelle
Metal Sorm 9/10 stelle
Metallized 80/100
Metallus 8/10 stelle
RockLine 7,8/10
Sea of Tranquillity 5/5 stelle
Spazio Rock 8/10 stelle
Sputnikmusic 3/5 stelle
The Murderinn 8/10 stelle
TrueMetal 81/100
Ultimate Guitar Archive 8.5/10 stelle

The Divine Conspiracy è il terzo album in studio del gruppo musicale olandese Epica, pubblicato il 7 settembre 2007 dalla Nuclear Blast.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un concept album diviso in due parti. La prima parte dell'album (fino a La'fetach Chatat Rovetz) parla della psicologia umana (stalking, dipendenza da droghe, ambizione, egocentrismo e narcisismo), la seconda parte parla del concept e del fondamentalismo religioso.

« Il concept di The Divine Conspiracy riguarda la teoria che il protagonista ha rivelato: l'idea è basata sulla teoria per cui, come prova, Dio creò tutte le diverse religioni e le diede agli Uomini per vedere se fossero in grado di comprenderne la vera natura, capendo che tutte le religioni sono da ricondurre a una sola. L'umanità lo capirà o continuerà a uccidere le persone che lo comprendono?[3] »

Nel libretto, Simone Simons è indicata come mezzosoprano, ma successivamente ha ammesso di esser stata classificata male e di essere un soprano.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Indigo – 2:05 (testo: Mark Jansen – musica: Coen Janssen, Mark Jansen)
  2. The Obsessive Devotion – 7:13 (testo: Mark Jansen, Ad Sluijter – musica: Isaac Delahaye)
  3. Menace of Vanity – 4:13 (Mark Jansen)
  4. Chasing the Dragon – 7:40 (Simone Simons, Mark Jansen)
  5. Never Enough – 4:47 (testo: Simone Simons, Ad Sluijter – musica: Yves Huts)
  6. La'fetach Chatat Rovetz (The Final Embrace) – 1:46 (musica: Mark Jansen, Yves Huts)
  7. Death of a Dream (The Embrace That Smothers ~ Part VII) – 6:03 (testo: Simone Simons, Ad Sluijter – musica: Mark Jansen, Yves Huts, Ad Sluijter)
  8. Living a Lie (The Embrace That Smothers ~ Part VIII) – 4:57 (testo: Simone Simons, Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Yves Huts, Ad Sluijter)
  9. Fools of Damnation (The Embrace That Smothers ~ Part IX) – 8:41 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  10. Beyond Belief – 5:25 (testo: Mark Jansen, Ad Sluijter – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  11. Safeguard to Paradise – 3:45 (testo: Mark Jansen – musica: Yves Huts, Mark Jansen, Coen Janssen)
  12. Sancta Terra – 4:58 (testo: Simone Simons – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Simone Simons)
  13. The Divine Conspiracy – 13:57 (testo: Mark Jansen – musica: Mark Jansen, Ad Sluijter, Coen Janssen)
CD bonus nella Limited Edition[5]
  1. Higher High – 5:27 (testo: Simone Simons)
  2. Replica (Fear Factory cover) – 4:10 (testo: Burton C. Bell – musica: Dino Cazares, Raymond Herrera)
  3. Never Enough (Music Clip) (testo: Simone Simons, Ad Sluijter – musica: Yves Huts)
  4. Never Enough (Long Version) (Music Clip) (testo: Simone Simons, Ad Sluijter – musica: Yves Huts)
  5. Making of "Never Enough"

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti
Coro
  • Linda Van Summeren, Bridget Foggle – soprani
  • Cinzia Rizzo – contralto
  • Previn Moore – tenore
  • Malvin Edmondsen – basso

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2007) Posizione
massima
Belgio (Fiandre)[6] 40
Belgio (Vallonia)[6] 57
Francia[6] 35
Germania[6] 41
Paesi Bassi[6] 9
Svizzera[6] 29

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Recensione - The Divine Conspiracy - Epica, Truemetal.it. URL consultato il 29 giugno 2014.
  2. ^ a b (EN) Epica - The Divine Conspiracy Review, Heavymetal.about.com. URL consultato il 29 giugno 2014.
  3. ^ :: Façade of Reality:: Epica Italian fansite, Epicaitaly.it. URL consultato il 4 luglio 2009.
  4. ^ http://bravewords.com/news/epica-live-q-a-interview-with-simone-simons-isaac-delahaye-video
  5. ^ (EN) Epica (2) – The Divine Conspiracy (Limited Edition) in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  6. ^ a b c d e f (NL) Epica - The Divine Conspiracy, Ultratop. URL consultato il 29 giugno 2014.
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal