The Day the Country Died

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Day the Country Died
Artista Subhumans
Tipo album Studio
Pubblicazione 1983
Durata 34:56
Genere British punk[1]
Etichetta Spiderleg Records
Produttore Subhumans
Registrazione 22-26 giugno 1982
Subhumans - cronologia
Album precedente

The Day the Country Died è il primo album della punk band inglese Subhumans. L'album fu registrato in cinque giorni nel giugno 1982 e pubblicato nel 1983 dall'etichetta Spiderleg Records. In seguito è stato ripubblicato da Bluurg Records, l'etichetta di proprietà della band.

The Day the Country Died è stato influenzato dal romanzo 1984 di George Orwell. Il segno più evidente di questa influenza è il brano Big Brother (il nome del dittatore nel libro di Orwell) in cui si parla dell'eccessivo controllo esercitato dai media sulla vita delle persone.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. All Gone Dead – 1:53
  2. Ashtray Dirt – 1:22
  3. Killing – 1:49
  4. Minority – 1:17
  5. Mickey Mouse Is Dead – 2:44
  6. Nothing I Can Do – 2:30
  7. Dying World – 2:57
  8. Subvert City – 4:14
  9. Big Brother – 1:55
  10. New Age – 1:49
  11. I Don't Wanna Die – 1:29
  12. No – 1:49
  13. Zyklon-B-Movie – 2:12
  14. 'Til the Pigs Come Round – 2:01
  15. No More Gigs – 2:53
  16. Black and White – 3:36

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Day the Country Died > Overview, All Music Guide. URL consultato il 2009-15-05.
punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk