The Crying Light

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Crying Light
Artista Antony and the Johnsons
Tipo album Studio
Pubblicazione 19 gennaio 2009
Durata 35:29
Dischi 1
Tracce 10
Genere Baroque pop
Etichetta Secretly Canadian
Produttore Antony Hegarty
Antony and the Johnsons - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2010)

The Crying Light è il terzo album discografico del gruppo musicale Antony and the Johnsons, pubblicato nel 2009 dall'etichetta Secretly Canadian.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Per la realizzazione dell'album, Antony Hegarty si è avvalso della collaborazione di Nico Muhly, che si è occupato degli arrangiamenti orchestrali insieme allo stesso Antony, di Barry Reynolds (couatore di One Dove) e di Nick Hegarty (coautore di Her Eyes Are Underneath the Ground).

Il primo brano estratto per promuovere l'album è stato Another World, pubblicato il 7 ottobre 2008 all'interno di un EP. Il primo singolo è stato invece Epilepsy Is Dancing, rilasciato il 9 aprile 2009. Il secondo singolo e terzo brano diffuso del disco è stato infine Aeon, pubblicato (con la cover di Beyoncé Crazy in Love come B-side) il 3 agosto 2009.

È stato realizzato anche un videoclip per il brano Epilepsy Is Dancing, prodotto da The Wachowskis e interpretato da Johanna Constantine, Sean Dorsey, Tino Rodriguez e Virgo Paraiso.

La copertina dell'album è una fotografia del 1977 che ritrae il ballerino Kazuo Ohno, scattata da Naoya Ikegami.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Her Eyes Are Underneath the Ground – 4:24
  2. Epilepsy Is Dancing – 2:42
  3. One Dove – 5:34
  4. Kiss My Name – 2:48
  5. The Crying Light – 3:18
  6. Another World – 4:00
  7. Daylight and the Sun – 6:21
  8. Aeon – 4:35
  9. Dust and Water – 2:50
  10. Everglade – 2:58

Critica[modifica | modifica sorgente]

L'album è stato accolto e recensito molto positivamente dalla critica: per il portale Allmusic il disco merita il giudizio di 4,5/5 stelline,[1] Pitchfork Media attribuisce il voto di 8,6/10,[2] NME quello di 8/10,[3] mentre Rolling Stone[4] e The Guardian si mantengono su un più moderato 3/5.[5]

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifiche (2009) Posizione
raggiunta
Europa Billboard Top 100[6] 1
Belgio (Fiandre) 1
Spagna (Promusicae)[7] 2
Svezia[8] 2
Danimarca[8] 3
Francia[6] 4
Olanda[8] 4
Norvegia[8] 4
Svizzera[8] 7
Italia (FIMI)[8] 9
Germania 15
Regno Unito (UK Albums Chart)[9] 18
Finlandia[9] 23
Australia[8] 33
Stati Uniti (Billboard 200)[10] 65

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ allmusic.com
  2. ^ pitchfork.com
  3. ^ nme.com
  4. ^ rollingstone.com
  5. ^ theguardian.com
  6. ^ a b [1] [collegamento interrotto]
  7. ^ Promusicae. Promusicae.es (5 March 2007).
  8. ^ a b c d e f g [2]
  9. ^ a b Suomen virallinen lista. Pop.yle.fi (5 August 2010).
  10. ^ Billboard.com. Billboard.com (7 February 2009).
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica